The Persistence Anteprima, la claustrofobia arriva su Switch

Anteprime
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 4 minuti

Il genere horror da sempre sperimenta nuovi modi per arrivare sempre ad un pubblico maggiore, con tante scelte fatte nel corso degli anni. Basti pensare a quanti titoli sono usciti in questi ultimi anni che hanno cambiato totalmente il modo di vedere l’horror o almeno in parte hanno fatto in modo di suscitare nello spettatore sensazioni nuove che erano diventate sconosciute a quella generazione che non ha mai provato il disturbo dei titoli del passato. Ma sembra che non tutti i titoli puntino soltanto a disturbare il giocatore con le sue atmosfere e i brividi. The Persistence è infatti uno di quelli. Atmosfere sci-fi e navi distrutte sono il mix giusto per cercare di creare un horror che vada al di là degli schemi che vengono imposti dal genere. Aggiungeteci poi un grosso impianto ispirato ai rouguelike e avrete il gioco perfetto da giocare su Switch, sopratutto se volete un avventura rigiocabile e sempre diversa ad ogni partita.

Ci teniamo a precisare prima di inoltrarci con questa anteprima, che la build da noi provata non rispecchia ancora il titolo che uscirà il 21 Maggio su Switch e sicuramente alcuni piccoli problemi riscontrati saranno sicuramente risolti in fase di rilascio del titolo. The Persistence è un roguelike horror ambientato in un lontano futuro. La trama sarà molto basilare, ma al contempo la struttura roguelike è tenuta su grazie ad un ottimo espediente narrativo. La nave dove dovremmo affrontare le nostre avventure sarà infatti dotata di moduli che ad ogni nostro rivive si sposteranno e ci permetteranno di cambiare il modo di approcciarsi ad ogni partita.

Leggi anche:  In Other Waters Recensione, un ipnotico ibrido ludo-narrativo
the persistence

THE PERSISTENCE SIGNIFICA SOPRAVVIVENZA

Dopo che la nave è caduta, e i sistemi sono andati in fumo, la nostra missione sarà quella di salvare tutto, siamo il comandante Zimri Eder o almeno lo siamo in parte. Grazie infatti ad un meccanismo di salvataggio della nostra coscienza potremo trasferirci in un altro corpo ogni volta che moriremo, ma ricorderemo ogni cosa che abbiamo fatto fino a quel punto. Una meccanica che abbiamo visto molto spesso in altri titoli ma che riesce comunque ad essere come detto per i moduli randomici della nave, ad essere un ottimo espediente narrativo data la natura del titolo. L’arsenale in nostro possesso è molto vario e ci permetterà di affrontare in tutta “tranquillità” le ostilità che ci si presenteranno davanti nel nostro cammino per salvare l’astronave.

Non sarà però semplicissimo poter affrontare faccia a faccia ogni nemico, ogni tanto infatti dovremo abbracciare la via dello stealth per poter superare gli ostacoli più impervi e non sarà semplice. Saremo però in grado di accrescere le nostre abilità e il nostro arsenale a disposizione grazie alla materia oscura e al DNA degli altri membri della squadra che potremo raccogliere grazie ad una speciale arma che ci viene fornita all’inizio del nostro viaggio. Tramite il DNA dei nostri ex compagni di viaggio sarà possibile infatti sbloccare nuovi corpi con tante abilità e pezzi di equipaggiamento che ci permetteranno di affrontare l’incubo che stiamo vivendo in maniera più agevole

COMBAT SYSTEM

Vogliamo inoltre fare una piccola discussione su quello che è il combat system del titolo, dato che sono molteplici le scelte che possiamo prendere su come affrontare i nostri viaggi ogni volta che perderemo e torneremo catapultati in un altro corpo. Avremo la possibilità di affrontare quindi con armi, oggetti e corpo a corpo i nostri nemici, o meglio quello che rimane dei nostri vecchi compagni di viaggio. Ma attenzione a non cercare di andare faccia a faccia con tutto quello che incontreremo nel nostro cammino perché potremo avere molte difficoltà nel superare alcune stanze, dato che il nostro corpo avrà bisogno di recuperare energie dopo aver compiuto delle azioni o aver usato dei poteri particolari. Il miglioramento della nostra “prestanza fisica” sarà fondamentale e più riusciremo a cogliere di sorpresa i nostri nemici più avremo a disposizione DNA da poter consumare come potenziamento. Per potercelo guadagnare sarà infatti necessario un approccio molto più silenzioso, dato che dovremo cogliere di spalle il nostro bersaglio e utilizzare la pistola per recuperare il DNA.

Leggi anche:  Moons of Madness Recensione (Playstation 4), Lovecraft su Marte
the persistence

ASPETTANDO L’USCITA

The Persistence rappresenta un ottimo prodotto del suo genere, con uno strabiliante livello di sfida che va ovviamente a rendere frustante l’esperienza del giocatore durante le sue infinite iterazioni. A detta degli sviluppatori che hanno voluto rendere il titolo evidentemente più punitivo rispetto ad altri del genere, i giocatori una volta che prenderanno dimestichezza con il sistema di gioco e mano a mano che aumenteranno l’arsenale a propria disposizione, saranno in grado di avanzare molto più facilmente. Il titolo che su Switch vedrà la luce il prossimo 21 Maggio non presenta grosse criticità, anche se la build provata non rappresenta quella definitiva è comunque in ottimo stato. Ovviamente non aspettatevi di giocare alla stessa risoluzione della versione per PS4 e sopratutto in modalità portatile ha avuto qualche calo di frame in alcune situazioni più concitate, magari in stanze dove erano presenti più di un nemico. Nulla di grave e sopratutto di non riparabile in fase di rilascio. Il team Firesprite ha difatti rilasciato un ottimo horror roguelike che esplora i due generi in modo alquanto innovativo e rappresenta un bel connubio di sfida e divertimento.

NerdPlanet consiglia...
Se volete acquistare The Persistence per PS4, potete farlo su Amazon

Altri articoli in Anteprime

Iron Danger Anteprima, una nuova prospettiva per i giochi di ruolo

Camilla Colombo31 Gennaio 2020

Final Fantasy VII Remake, Anteprima Milan Games Week 2019

Camilla Colombo2 Ottobre 2019

Concrete Genie, Anteprima Milan Games Week 2019

Camilla Colombo30 Settembre 2019

Call of Duty: Modern Warfare Provato, Infinity Ward alza la posta in gioco

Riccardo Cantù25 Settembre 2019

Call of Duty Modern Warfare Provato, il Ritorno del Re

Riccardo Cantù26 Agosto 2019

Hollow Knight: Silksong Anteprima, ritorno tra le terre degli insetti

Camilla Colombo17 Luglio 2019