Anteprime
Alessandro Niro
Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Tempo di lettura: 2 minuti

The Last Guardian annunciato ai tempi per PlayStation 3 nel 2009, è diventato oramai per il pubblico il videogioco più rinviato della storia videoludica. Sono stati tantissimi i rinvii da parte della stessa casa produttrice, Japan Studios. Ad un certo punto sono calati persino i primi dubbi sulla veridicità del titolo e sulla sua uscita sugli scaffali pensando magari fosse tutto uno scherzo.

Ebbene, noi di NerdPlanet.it siamo riusciti durante il MilanGamesWeek 2016, in una delle anteprime per la stampa, a metterci gli occhi sopra. Come per l’anteprima di Ghost Recon Wildlands, siamo entrati nello stanzino della presentazione pieni di speranze e curiosità e ne siamo usciti con delle impressioni più che positive, ma anche qualche lato negativo.

e3-2015-the-last-guardian-is-coming-to-playstation_8nh9-1920

Anche in questo caso la demo non era direttamente giocabile ma è stata giocata e mostrata da un addetto Sony sul modello standard di PlayStation 4.

Il comparto tecnico del gioco è ben strutturato, non fa gridare certo al miracolo, ma l’effetto delle luci ed ombre è ben studiato ed articolato per essere considerato gradevole agli occhi di chi lo gioca. Nonostante questo, durante la prova abbiamo notato molti scatti, soprattutto sul cambio delle inquadrature con la telecamera di gioco, delineando un evidente calo di frame-rate. Un’ulteriore pecca è data dalle collisioni, più nello specifico braccia che scompaiono dentro le pareti ed, in alcuni punti, addirittura la mancanza dei piedi del protagonista. Una cosa non da poco che lo studio di Fumito Ueda dovrebbe correggere prima della messa sugli scaffali.

Non abbiamo avuto modo di vedere molto dalla prova e non ci è sembrato al momento nulla di così eclatante. Nessuna sorpresa o stupore sul lato del gameplay. Al momento sappiamo comunque che la versione definitiva del gioco girerà sulla nuova PS4 Pro.

Non ci resta che attendere il 7 dicembre quindi, giorno in cui riusciremo a toccare con mano tutta la storia che si nasconde dietro The Last Guardian ed esprimere un giudizio veritiero e razionale.

Altri articoli in Anteprime

The Peephole’s Chronicles: Weird John Anteprima, non aprite quella porta

Camilla Colombo30 Novembre 2020
baldur's gate 3

Baldur’s Gate 3 Early Access, lancia i tuoi dadi avventuriero

Giuseppe Licciardi12 Ottobre 2020

Remothered: Broken Porcelain Anteprima, il ritorno dell’orrore

Giuseppe Licciardi17 Settembre 2020
hotshot racing

Hotshot Racing Anteprima, si torna in pista negli anni ’90

Giuseppe Licciardi16 Luglio 2020
the persistence

The Persistence Anteprima, la claustrofobia arriva su Switch

Giuseppe Licciardi14 Maggio 2020

Iron Danger Anteprima, una nuova prospettiva per i giochi di ruolo

Camilla Colombo31 Gennaio 2020