The Dark Pictures: Man of Medan – provata alla Milan Games Week la nuova IP di Supermassive Games

News
Francesco Damiani
Appassionato di videogames e di cinema fin dalla tenera età. Crescendo ho imparato a conoscere questi due settori, studiando ogni loro forma creativa e comprendendo il grande lavoro che si cela dietro.

Appassionato di videogames e di cinema fin dalla tenera età. Crescendo ho imparato a conoscere questi due settori, studiando ogni loro forma creativa e comprendendo il grande lavoro che si cela dietro.

Tempo di lettura: 3 minuti

Bandai Namco in occasione della fiera videoludica di Milano: Milan Games Week 2018, nel suo panel dedicato ha deciso di portare il nuovo progetto di Supermassive Games, Man of Medan, il primo capitolo della The Dark Pictures che farà il suo ingresso  sul mercato a partire dal prossimo anno.

La The Dark Pictures sarà un antologia di avventure horror  che narrerà delle storie inedite tratte da alcune delle leggende metropolitane più conosciute, inoltre a rendere l’esperienza di gioco quasi alla pari di una pellicola cinematografica a tema horror, sarà presente un cast molto vario e con dei volti conosciuti nel settore.

Abbiamo avuto l’occasione di tastarlo con mano e possiamo dirvi che ancora una volta i ragazzi di Supermassive Games sono riusciti a sviluppare un titolo notevole, ma che non si riesce a distaccarsi dal canone di sopravvivenza visto in Until Dawn, ma prima di affrettare delle conclusioni procediamo con ordine.

LE ORIGINI DEL MALE

Tratto dall’omonima leggenda metropolitana la narrazione si baserà sulla nota nave-fantasma,  la Ourang Medan, dove secondo la leggenda, questo mercantile sia scomparso in circostanze abbastanza strane, ma che venne ritrovata pochi mesi dopo da un mercantile olandese, il quale scoprì che l’imbarcazione si era trasformato in un cimitero galleggiante con tutto l’equipaggio morto e con i volti deformati. Ma come di consueto rito, la storia di Man of Medan inizierà semplicemente con un gruppo di cinque persone che partirà per un escursione marina alla ricerca di un relitto perduto.


Come per Until Dawn, anche questa volta i personaggi presenti nel titolo saranno interpretati  da attori reali e digitalizzati grazie alla performance capture, una meccanica utilizzata sempre più nel settore ludico. Il cast in se, presenta alcuni attori conosciuti nel mondo del cinema come: Shawn Ashmore, attore presente non solo nell’esclusiva di Microsoft, Quantum Break, ma anche nella serie cinematografica targata Marvel, gli X-Men.

A rendere ancora una volta tutto più realistico, l’espressività degli attori e la recitazione sono uno degli elementi più imprescindibili del titolo con un richiamo ad in ogni horror che si rispetti.

Come da tradizione le cose per il gruppo non andranno per il verso giusto, difatti la barca sui cui si troveranno andrà in avaria facendoli rimanere sperduti nell’oceano. Sperduti tra le acque, i protagonisti avvisteranno la sagoma della nave Medan, nonché la nave su cui si baserà tutto il racconto. Da questo momento in poi le vicende seguiranno il percorso visto in Until Dawn in cui l’avventura moderna si alternerà con fasi di esplorazioni, ricerca di indizi che serviranno per comprendere molti dei retroscena della storia, quick time event e molte scelte morali con dei bivi narrativi.

Provando la demo, abbiamo osservato come anche in questo titolo l’utilizzo dei jumpscare sia abbondantemente presente, difatti molti dei sussulti non sono mancati nonostante la prevedibilità, ma siamo certi che l’effetto che ci si aspetti possa riuscire solo in una stanza buia e con le cuffie alle orecchie.


UNA BUONA PARTENZA 

Fino a questo momento possiamo dirvi che ci sono ancora molti elementi da valutare nel dettaglio, come le diramazioni del racconto, l’influenza delle proprie scelte, la scrittura della storia e l’atmosfera, tutti elementi che purtroppo nella nostra prova, sono stati difficili da valutare, come la stessa durata della story mode principale, che in occasione dell’evento ci è stata indicata che non andrà oltre le 6 ore.

Inoltre, sempre da quanto emerso nel test, Man of Medan avrà un sistema di domande e risposte che permetteranno di adattare l’esperienza del gioco, il che questo potrebbe offrire all’utenza la possibilità di rigiocarlo cambiando molte delle risposte date nella prima tranche.


Per quanto riguarda l’esperienza vissuta possiamo confermarvi che Man of Medan seguirà sul piano tecnico, come già detto poche righe sopra, quello visto nel citato Until Dawn mentre, nel complesso, il titolo potrà assicurare una buona partenza alla The Dark Pictures Anthology, grazie ad un buon arco narrativo dal punto di vista creativo e commerciale.

Per ora non ci resta che attendere ulteriori informazioni sulla raccolta e, soprattutto, su questo primo capitolo.

Altri articoli in News

call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020

Twitch Versus, un nuovo modo per organizzare competizioni

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020
Assassin’s Creed Valhalla

Assassin’s Creed Valhalla, titolo di lancio per Xbox Series X e Series S

Giuseppe Licciardi9 Settembre 2020

The Witcher 3 Wild Hunt, arriva PS5 e Series X è ufficiale

Giuseppe Licciardi4 Settembre 2020