Spacewar – Il gioco fantasma su Steam

News
Alessandro Guida
Conosciuto sul web come WhereEaglesDare, l'energumeno che vi scrive è un amante e cultore dei videogames. Dedito al culto della MasterRace da tempo immemore, si diletta fra RTS, RPG - di quelli buoni - e Rocket League.

Conosciuto sul web come WhereEaglesDare, l'energumeno che vi scrive è un amante e cultore dei videogames. Dedito al culto della MasterRace da tempo immemore, si diletta fra RTS, RPG - di quelli buoni - e Rocket League.

Tempo di lettura: 2 minuti

Avete mai notato se qualcuno dei vostri contatti di Steam gioca ad uno sconosciuto titolo che porta il nome di Spacewar? Se la risposta è positiva, significa che il vostro caro amico ha qualcosina da nascondere. Ebbene si, in quanto Spacewar non è un semplice giochino di poco valore, come i tipici throwaway che possiamo scaricare dallo store di Valve. Tecnicamente, non potremmo nemmeno scaricarlo per vie ufficiali.

Il gioco in se è estremamente semplice: un classico space shooter dove ogni elemento è costituito da elementari forme geometriche. Ciò che casca all’occhio però, non è la tipologia del gioco ma la sua base d’utenza attiva ogni giorno. Da siti di tracking come Steam Charts o SteamDB emerge che ogni giorno sono più di settemila i giocatori attivi sui server di Spacewar.

Space War Steam

Ma come mai un gioco del genere suscita tanto successo? Semplicemente perché entra in gioco la pirateria. Sebbene Spacewar è stato reso disponibile su Steam per testare le funzionalità di Steamworks (Steam Workshop, Trading Cards e Achievements), nella maggior parte dei casi ci troviamo di fronte ad un applicazione vittima di pirateria. In parole povere, se un nostro amico su Steam sta giocando a Spacewar, o è uno sviluppatore o è un pirata.

Notoriamente, il sistema anti-pirateria di Steam non è uno dei più efficaci, motivo per il quale molti pirati utilizzano il workaround  di Spacewar per avviare un titolo “rubato” e sfruttare i server per garantirne il funzionamento online. Il gioco in questione, quindi, nonostante non sia originale, viene reso in grado di interagire in rete con gli altri utenti che utilizzano lo stesso sistema. Si viene a creare una vera e propria lobby pirata, nella quale i giocatori meno onesti usufruiscono anche delle funzionalità online del titolo. Oltre il danno anche la beffa, cara Valve.

Naturalmente non tutto fila sempre liscio e il rischio di essere bannati dalla piattaforma è dietro l’angolo. Bastano poche ricerche in rete per scoprire quanti utenti lamentano il blocco del loro account a causa di questo gioco fantasma. Adesso che noi di NerdPlanet.it ve lo abbiamo svelato, sta a voi scovare il possibile pirata fra i vostri contatti!

Fonte: Kotaku

Altri articoli in News

The Last of Us – Naughty Dog elogia il cosplay di Joel dell’italiano Gabriele Domenighini

Antonio Facchini17 Marzo 2021

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020