Space Pioneer Recensione, viaggio nello spazio profondo!

Recensioni
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 4 minuti

Ci sono storie che parlano di galassie e di spazio profondo, che cominciano con fanfare e trombe! Annunciando viaggi sconfinati. Se ci dovesse essere una fanfara che ci narra l’introduzione di Space Pioneer….beh forse finirebbe con una melodia che ci avvisa che l’avventura non sarà tanto entusiasmante. Analizziamo però con calma a situazione. Partiamo dal presupposto che non è la prima volta che un gioco per smartphone sbarca su console, o su PC. C’è da dire però che molte volte che le piattaforme scelte come target, vanno scelte con cura.

E questo è un caso esempio semplicemente perfetto. Space Pioneer si adatta perfettamente alle caratteristiche di Switch. Anzi si può dire quasi che giocare a dei titoli che fanno del Twin-Stick la loro caratteristica principale, “è la morte sua”. Insomma Space Pioneer convince per l’adattabilità sulla console. Ma ci sono tante altre cose che non ci hanno convinto. Vediamo insieme quali e cerchiamo di capire a cosa andremo incontro, se acquisteremo il titolo sulla nostra amata console di casa Nintendo.

Leggi anche:  Pokémon Spada e Scudo Recensione, tornare bambini dopo tanto tempo

DANNATI ALIENI!

L’obiettivo principale del titolo sarà quello di dover viaggiare all’interno dello spazio profondo, di pianeta in pianeta per poter abbattere gli alieni che infestano ognuno di essi. La trama quindi, come ci si aspetta da un titolo per smartphone, non è sicuramente il punto di forza di questo titolo. Il filo conduttore del nostro percorso, oltre ad affrontare il capo degli alieni che sarà presente sull’ultimo pianeta dell’ultimo capitolo, sarà il potenziarci all’inverosimile.

Gli alieni che ci troveremo ad affrontare saranno di diverso tipo. Ci saranno quelli più piccoli abbattibili facilmente con un colpo di pistola, fino ad arrivare a quelli grandi denominati anche “élite” che ci daranno un pò più filo da torcere. La cosa che fa storcere però subito il naso, è la quantità esigua di modelli. Infatti dopo un pò ci ritroveremo ad affrontare le stesse creature su pianeti leggermente diversi da loro. I paesaggi saranno sempre gli stessi, noi non dovremo fare altro che muoverci nella mappa e abbatterne il più possibile, per poter completare i nostri obiettivi.

Leggi anche:  Overwatch Recensione (NSW), l'hero shooter diventa tascabile

SALVARE LA GALASSIA!!

Veniamo quindi al punto principale del titolo, le missioni! Prima di iniziare la nostra disanima che ci porterà ad analizzare quanto un titolo come Space Pioneer ci faccia divertire, c’è una cosa semplice da capire. I titoli come questo permettono a tanti giocati di potersi avvicinare ad un mercato a volte così casual come quello di Nintendo Switch. Anche titoli che sono semplicemente uno spam di tasti fino alla fine, possono rappresentare una piccola fascia di pubblico che va accontentata. Ora però torniamo al nostro titolo, e vediamo come ci ha fatto passare le ore di gioco più o meno sfrenate. Tra le cose che ci hanno colpito maggiormente sicuramente ci sono il sistema ad obiettivi e il numero di gadget e armi che è possibile sbloccare e poi utilizzare per portare a termine le nostre missioni.

Leggi anche:  Medievil Recensione, il ritorno scricchiolante di Sir Daniel su PS4

Ovviamente tutto questo è contornato da un sistema di sblocco basato su monete. Queste monete potranno essere raccolta completando gli obiettivi su ogni pianeta, completando trofei oppure trovandole all’interno di casse. Le casse ci verranno erogate ogni qual volta saliremo di livello con il nostro eroe. Inoltre questo meccanismo di sblocco verrà supportato anche dal sistema ad obiettivi del titolo, che ci ricompenserà in modo da farci avere sempre più soddisfazione nel completare le sfide, e magari ritornando sui pianeti già esplorati per poter guadagnare qualche stella in più. In questo Space Pioneer rappresenta il titolo perfetto per ogni collezionista. Per chi è sempre in cerca del perfezionismo e in un titolo cerca solo le sfide da completare, il sistema di Space Pioneer è perfetto!

NON E’ ORO QUEL CHE LUCCICA…

Ovviamente come ogni titolo del suo genere, Space Pioneer non è da considerare come un vero e proprio titolo per Switch, come detto in precedenza in questa recensione. Trattasi infatti di un vero e proprio “porting” di un titolo per mobile, Space Pioneer non eccelle dal punto di vista tecnico. Anzi un paio di volte, cercando di accumulare nemici sulla mappa, il titolo ha subito forti rallentamenti, con un lag non poco fastidioso. Anche dal punto di vista grafico, ovviamente il titolo non eccelle, ma comunque fa un lavoro più che egregio tenendo conto della ludicità dello stesso. Space Pioneer è quindi un titolo mobile portato cosi com’è su Switch. Evidentemente non c’è stato bisogno di un grandissimo lavoro, dato l’hardware che monta la console Nintendo.

Leggi anche:  Death Stranding Recensione, il ponte che collega i mondi artistici

Sicuramente avremmo desiderato un aggiunta di nuovi contenuti, o magari un sistema di puntamento e di mira molto più fluido e adatto alla console Nintendo. Considerando anche che il gioco diverte e si lascia giocare. Potrebbe però portare molto presto a noia, data la quantità di nemici sempre maggiore, ma senza un cambio di design negli stessi. Ci troveremo semplicemente a cambiare pianeta e a “spammare” il tasto di fuoco per mandare a terra un nuovo alieno.

Una nota positiva invece è sicuramente la presenza di una modalità Co-Op locale che ci permette di giocare al titolo fino a quattro giocatori. Ovviamente vi consigliamo di giocarci in modalità “fissa”, perchè potreste avere dei problemi di camera. In conclusione, il titolo di Qubic Games, magari non eccelle dal punto di vista tecnico o di trama, ma sicuramente è un titolo interessante per chi è in cerca di obiettivi e sfide da completare. Sopratutto data la mancanza di un sistema di obiettivi interno della console!

NerdPlanet consiglia...
Se invece volete prendere un titolo che promette davvero bene su Swutch, potete prenotare Darksiders Genesis, cliccando qui

Space Pioneer

9.99
5.3

Design

5.0/10

Trama

3.0/10

Gameplay

7.0/10

Longevità

6.0/10

Pros

  • Alto livello di sfida
  • Veloce

Cons

  • Comandi
  • Gameplay Ripetitivo
  • Design

Altri articoli in Recensioni

Blacksad Under the Skin Recensione, investigazione felina

Camilla Colombo6 Dicembre 2019

Pokémon Spada e Scudo Recensione, tornare bambini dopo tanto tempo

Andy Bercaru25 Novembre 2019

Death Stranding Recensione, il ponte che collega i mondi artistici

Andy Bercaru11 Novembre 2019

Call of Duty: Modern Warfare Recensione, il ritorno del re?

Riccardo Cantù9 Novembre 2019

Overwatch Recensione (NSW), l’hero shooter diventa tascabile

Andy Bercaru2 Novembre 2019

Song of Horror Recensione, due episodi di orrore claustrofobico

Camilla Colombo1 Novembre 2019