News
Stella Artuso
Classe 1994. Friulana d’origine, barese di nascita e scozzese d’adozione, (ma non lo dite al suo accento, lui è americano e non ammette ragioni!) Stella cresce con la sindrome di Lady Oscar. Si avvicina al mondo nerd in tenera età, complici l’avversione per il rosa e le sfide all’ultimo sangue con un padre che non ammette sconfitte a Max Payne. E a GTA. E a Need for Speed. E…insomma! Un padre che non ammette sconfitte. Ducatista sfegatata, ha una passione per ogni cosa che abbia ruote (biciclette escluse n.d.a) ed è affetta da bibliomania incurabile. È molto probabile che muoia seppellita dai suoi stessi libri o per una battuta al momento sbagliato e ad una persona sbagliata.

Classe 1994. Friulana d’origine, barese di nascita e scozzese d’adozione, (ma non lo dite al suo accento, lui è americano e non ammette ragioni!) Stella cresce con la sindrome di Lady Oscar. Si avvicina al mondo nerd in tenera età, complici l’avversione per il rosa e le sfide all’ultimo sangue con un padre che non ammette sconfitte a Max Payne. E a GTA. E a Need for Speed. E…insomma! Un padre che non ammette sconfitte. Ducatista sfegatata, ha una passione per ogni cosa che abbia ruote (biciclette escluse n.d.a) ed è affetta da bibliomania incurabile. È molto probabile che muoia seppellita dai suoi stessi libri o per una battuta al momento sbagliato e ad una persona sbagliata.

Tempo di lettura: 1 minuto

Le polemiche riguardo Pokémon GO sembrano moltiplicarsi e aumentare ogni giorno che passa.
Che l’app sviluppata da Niantic, in grado di spingere milioni di utenti a partecipare alla ricerca di Pokémon e diventare allenatori a tutti gli effetti, avesse riscontrato pareri contrastanti, ormai è dato risaputo.

Oltre a questo dato oggettivo, però, sembra quasi che, con l’applicazione, sia nata una nuova legge della dinamica Pokémon: per ogni reazione positiva pare essercene una uguale e contraria, ovvero decisamente negativa.

Questa volta, nemmeno i VIP sono riusciti a stare alla larga dalla polemica. Tra gli accaniti oppositori, infatti, troviamo Adele, Beyoncé e recentemente anche la popstar Rihanna. Proprio quest’ultima, al suo ultimo concerto (tenutosi in Francia), avrebbe espresso la propria opinione riguardo all’applicazione.
La cantante, rivolgendosi ai suoi fans, ha chiesto loro di non utilizzare gli smartphone per “mandare messaggi ai loro ragazzi e alle loro ragazze e sicuramente non per catturare Pokémon durante il suo concerto!”.

Rihanna potrebbe aver formulato una richiesta simile a causa di un avvenimento recente: al concerto della collega Beyoncé, leader delle Destiny’s Child, una fan avrebbe preferito continuare a giocare piuttosto che prestare attenzione all’esibizione in corso.

 

 

Altri articoli in News

need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020

Twitch Versus, un nuovo modo per organizzare competizioni

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020
Assassin’s Creed Valhalla

Assassin’s Creed Valhalla, titolo di lancio per Xbox Series X e Series S

Giuseppe Licciardi9 Settembre 2020