Remothered: Broken Porcelain Anteprima, il ritorno dell’orrore

Anteprime
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 4 minuti

Prima di raccontarvi in una ghiotta anteprima cosa ci ha lasciato la prova del titolo di Stormind Games, Remothered: Broken Porcelain, vorremmo prenderci due minuti del vostro tempo per fare una disamina di quello che sta accadendo alla situazione italiana soprattutto nell’ambito dello sviluppo di videogiochi.Con il passare degli anni si è sempre più visto nascere un interesse verso questo mondo. Con esempi sempre più di successo anche la scena italiana negli ultimi anni è riuscita anche se non con poche difficoltà a farsi strada attraverso un mondo costellato di giganti e di multinazionali che sono all’interno del business ormai da decenni. Basti pensare all’operazione di Ubisoft Milano che è riuscita a portare un loro titolo su Nintendo Switch e volando all’interno delle classifiche mondiali come uno dei giochi più apprezzati di sempre che ha come protagonista Mario, accompagnato dagli immancabili Rabbids.

Ovviamente non solo grandi storie di successo mondiale, ma anche grande voglia di voler sperimentare, riportando alla luce grandi fasti del passato. È il caso ad esempio del lavoro fatto con Daymare 1998 dai neonati Invader Studios che abbiamo avuto modo di recensire anche sulle nostre pagine, rendendoci conto di quanto amore gli sviluppatori abbiano messo nel prodotto confezionando un titolo godibile sia dal punto di vista della giocabilità che dell’impatto a livello emotivo. Ora invece passiamo al piatto principale di questa anteprima, ovvero il nuovo titolo di Stormind Games. Remothered è già un titolo ben conosciuto tra gli amanti dell’horror, la serie ha già avuto un più che ottimo riscontro con il primo capitolo. E questa seconda incarnazione del franchise porta avanti tutto quello ottimamente costruito insieme a qualche piccola modifica a livello di gameplay, ma soprattutto di narrazione. Vi ricordiamo infatti che il tutto, da stessa ammissione della casa di sviluppo, è nato come una trilogia che sicuramente si andrà a consumare nei prossimi anni.

Leggi anche:  Marvel's Avengers Recensione, una piacevole avventura (Campagna)

L’ORIGINE DELL’ORRORE

In questa anteprima vorremmo concentrarci maggiormente su quello che sarà possibile fare a livello ludico all’interno del gioco. Il tutto ovviamente per darvi un ottimo introspettiva di cosa vi troverete ad affrontare al lancio. Inoltre vi daremo una piccola infarinatura sulla trama generale senza entrare troppo nei dettagli, per non farvi troppi “spoiler” e per lasciarvi vergini nello scoprire le caratteristiche di un titolo cosi peculiare. Remothered come serie madre è riuscita fin da subito ad entrare nella memorie dei tanti appassionati horror vecchio stampo, non solo per il titpo di gameplay, non votato soprattutto all’azione, ma semplicemente per il modo in cui vengono affrontate le dinamiche narrative e gli intrecci con i personaggi, soprattutto quelli di contorno che risultano sempre ben caratterizzati. Broken Porcelain come seconda incarnazione della serie, mette in atto tutto quello che Stormind Games ha imparato con il primo capitolo riuscendo però ad inserire delle notevoli migliorie non solo del gameplay, ma anche a livello tecnico.

La prova della durata di circa due ore ci ha messo nei panni di Jennifer una giovane in fuga che si ritrova trasferita all’interno di una casa per ragazze in difficoltà dove si troverà ad affrontare mille peripezie in giro per la casa. Dopo aver avuto uno scontro con una nostra amica, sentiremo uno strano rumore provenire da una stanza lontana e da qui prenderanno il via una serie di avvenimenti che ci metteranno davanti alla realtà dei fatti, ovvero che in quel maniero c’è qualcosa che non va. Ovviamente non andremo più in profondità nella trama per non lasciarvi troppi dettagli. Ma da quel momento, ci verranno dati i controlli e ci dovremo arrangiare per affrontare e letteralmente scappare, e trovare un posto sicuro.

Leggi anche:  Ary and the Secret of Seasons Recensione, l'equilibrio delle stagioni

NON È SOLO NASCONDINO

All’interno delle due ore, ci siamo trovati davanti ad un prodotto più che solido, non solo dal punto di vista del gameplay ma anche dal punto di vista tecnico del quale parleremo in piccola parte più dopo in questa disamina. Il nostro compito a questo punto non sarà soltanto scappare a “gambe levate” dal terrore e da chi ci inseguirà, ma ci ritroveremo anche a dover fare da detective per risolvere i misteri che circondano non solo il maniero in cui ci ritroviamo ma anche i comportamenti dei personaggi che saranno sempre più centrali in questo Remothered Broken Porcelain. Ogni personaggio infatti avrà una sua psicologia e un suo comportamento che andrà ad intrecciarsi all’interno di questo thriller-horror nel quale si fondono sia personaggi del primo capitolo sia nuove aggiunte.

Durante le nostre “fughe” sarà nostro dover recuperare qualsiasi oggetto troveremo per poter sfuggire alle insidie che ci verrano poste davanti, tra di queste troveremo sia oggetti contundenti sia carillion che ci permetteranno di distrarre i nemici posizionandoli in punti strategici della mappa. Nella sessione da noi provata infatti, sono stati di grande aiuto tutti gli oggetti che sparsi per la mappa di gioco devono essere combinati insieme creare nuovi strumenti utili per darci alla fuga.

Questa prima prova di Remothered ci ha convinto in pieno anche dal punto di vista tecnico con una miglioria del dettaglio e del sistema di gameplay in generale. All’interno di Broken Porcelain infatti troverete dei modelli poligonali davvero interessanti e ben costruiti che ci renderanno ancora più piacevole lo svolgimento della narrazione, con cinematiche in real-time per calarci in prima persona all’interno dell’azione. Il titolo vi ricordiamo che esce il prossimo 20 Ottobre su PC, PS4 e Xbox One.

Altri articoli in Anteprime

baldur's gate 3

Baldur’s Gate 3 Early Access, lancia i tuoi dadi avventuriero

Giuseppe Licciardi12 Ottobre 2020
hotshot racing

Hotshot Racing Anteprima, si torna in pista negli anni ’90

Giuseppe Licciardi16 Luglio 2020
the persistence

The Persistence Anteprima, la claustrofobia arriva su Switch

Giuseppe Licciardi14 Maggio 2020

Iron Danger Anteprima, una nuova prospettiva per i giochi di ruolo

Camilla Colombo31 Gennaio 2020

Final Fantasy VII Remake, Anteprima Milan Games Week 2019

Camilla Colombo2 Ottobre 2019

Concrete Genie, Anteprima Milan Games Week 2019

Camilla Colombo30 Settembre 2019