Red Bull Factions: prende il via il nuovo formato The Tower

News
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo le prime fasi di qualificazione, prosegue la strada verso la finale del Red Bull Factions, il torneo di League of Legends tra fazioni targato Red Bull. Il 7 novembre inizierà infatti la fase The Tower, la novità di questa quarta edizione che vedrà i team qualificati e le wild card impegnati per ben cinque settimane. Al termine di questa fase, le tre squadre con i punteggi più alti potranno accedere alla finale, giocandosi poi il gradino più alto del podio in un evento live all’interno di una location esclusiva di Milano.

 Il primo appuntamento del Red Bull Factions 2019 è stato con le fasi di qualificazione online, da ognuna di queste date sono stati selezionati i due team migliori per un totale di quattro. Ad affiancare le squadre invitate direttamente da Red Bull, che quest’anno sono QLASH Forge, Racoon, Samsung Morning Stars, MOBA ROG e Outplayed, ci saranno quindi le Manguste Esport, Adriatic Wolves, YDN Devils e il Team zeta. La competizione si prepara ora a entrare nel vivo con The Tower, un’introduzione che va ad arricchire il già collaudato format del Factions.

Leggi anche:  Medievil Recensione, il ritorno scricchiolante di Sir Daniel su PS4

Cinque appuntamenti per cinque settimane in cui i vari team si sfideranno in scontri a eliminazione diretta, accumulando i punti che garantiranno solamente ai tre migliori l’accesso alla finalissima dal vivo a Milano, l’apice di un percorso di oltre due mesi. Il primo Tower si svolgerà il 7 e l’8 novembre, per poi proseguire con cadenza settimanale il 14 e 15, 21 e 22, 28 e 29 novembre, fino all’ultimo del 5 e 6 dicembre. Per seguire tutte le fasi del torneo basta collegarsi al canale ufficiale Twitch di Red Bull, dove verranno trasmessi tutti i match in live streaming. Centinaia di partecipanti e oltre 50 mila spettatori che hanno seguito assiduamente tutta la competizione, dalle qualifiche alle finali: questi i numeri della scorsa edizione del Red Bull Factions, il torneo di League of Legends tra fazioni targato Red Bull.

Il Factions è indubbiamente una delle competizioni dedicate al videogioco di Riot Games più amate e quest’anno è tornato in grande stile con una quarta edizione ricca di novità. Prima su tutte il formato The Tower, un’aggiunta di spessore all’ormai noto format del Factions. La competizione targata Red Bull, infatti, è caratterizzata da una speciale regola per cui, durante la scelta del Campione da utilizzare, invece di effettuare il classico ban dei singoli eroi, si andranno a escludere intere fazioni composte dai personaggi di League of Legends. Una metodologia di gioco che rende la sfida ancora più interessante e che, dopo quattro anni, i fan hanno ormai imparato a conoscere e ad amare. 

Leggi anche:  Overwatch 2 annunciato ufficialmente durante il BlizzCon 2019

Tiziana EnaPBU & Marketing Manager Acer Italy – non a caso conferma: ”Siamo lieti di annunciare che anche quest’anno ci sarà Predator, il brand di Acer dedicato agli hardcore gamer, a supportare la finale dei Red Bull Factions. Per l’occasione i finalisti si sfideranno con i migliori prodotti della gamma Predator, dotati di tecnologie all’avanguardia. In particolare, i pro combatteranno sui Predator Orion 3000 – potenti desktop caratterizzati da linee eleganti e da un’ottima dissipazione del calore grazie ad un flusso d’aria che attraversa tutto il telaio. I monitor Predator Serie XB1, dotati della più recente tecnologia Nvidia® G-SYNC™, offriranno agli atleti esport un vantaggio competitivo per l’impressionante qualità delle immagini e alla grafica estremamente fluida.

NerdPlanet consiglia...
Se invece volete preordinare uno dei titoli più attesi dell’anno, Death Stranding lo trovate cliccando qui

Altri articoli in News

Bioshock The Collection (NSW) Recensione, capolavori portatili

Andy Bercaru4 Giugno 2020
dynasty warriors

Dynasty Warriors 9, il titolo si aggiunge alla linea Playstation Hits

Giuseppe Licciardi3 Giugno 2020

Skelattack, il nuovo platform 2D pubblicato da Konami

Giuseppe Licciardi3 Giugno 2020
ps5

PS5, Sony decide di posticipare l’evento dedicato ai giochi

Giuseppe Licciardi1 Giugno 2020

PS5, annunciato nuovo evento dedicato ai giochi

Giuseppe Licciardi29 Maggio 2020

Far Cry 5, gioca gratuitamente al titolo per tutto il fine settimana

Giuseppe Licciardi29 Maggio 2020