Provato Pokémon Let’s Go Eevee e Let’s Go Pikachu alla Milan Games Week 2018

News
Francesco Damiani
Appassionato di videogames e di cinema fin dalla tenera età. Crescendo ho imparato a conoscere questi due settori, studiando ogni loro forma creativa e comprendendo il grande lavoro che si cela dietro.

Appassionato di videogames e di cinema fin dalla tenera età. Crescendo ho imparato a conoscere questi due settori, studiando ogni loro forma creativa e comprendendo il grande lavoro che si cela dietro.

Tempo di lettura: 4 minuti

Direttamente dalla Milan Games Week, Nintendo quest’anno ha voluto accontentare i fan più nostalgici portando nel suo stand lo spin-off  dedicato al mondo dei Pokémon, parliamo delle due versione Let’s Go Eevee e Let’s Go Pikachu, in arrivo il 16 novembre su Switch.


Da quanto abbiamo avuto modo di provare, Pokémon Let’s Go, si prospetta essere differente dai canoni delle serie e indirizzata più che ai vecchi fan della saga, ad un pubblico più moderno e maturo ma, nonostante tutto, il nuovo titolo della casa di Tokyo, sembra avere tutte le carte in regola per offrire una grande esperienza di gioco, grazie all’implemento delle nuove meccaniche che mixano quelle tradizionali con quelle viste in Pokémon GO.

UN RITORNO ALLE ORIGINI

Nonostante  la demo provata in fiera sia durata semplicemente dieci minuti, questo ci è bastato per poter apprendere e testare con mano le nuove meccaniche di gioco, rese grazie ad un primo approccio con la Pokéball Plus, il nuovo controller esclusivo che arriverà sul mercato ludico con l’uscita del gioco.


Una volta indossato il laccetto della Pokéball, siamo subiti partiti con la prima area del gioco, dove ad aspettarci c’era il nostro e vecchio amico Prof. Oak, che ci ha dato il suo benvenuto in questa nuova avventura.

Nell’area di gioco non erano presenti palestre, città o il nostro acerrimo nemico Team Rocket, ma solo percorsi con l’erba alta e i classici pigliamosche a sfidarci lungo la nostra strada, ma è da qui che le grandi novità incominciano a mostrarsi rispetto ai titoli precedenti.


Innanzitutto, questa volta i Pokémon è possibili intravederli girovagare nell’ambiente circostante, permettendoci di scegliere se ingaggiarli in battaglia oppure evitarli, se scegliessimo di affrontarli, l’interfaccia diventerà quella di Pokémon GO, con il Pokèmon rivale davanti a noi e gli indicatori per lanciare la nostra sfera poké.

Questa volta però a differenza della versione per smartphone, per catturare il nostro pokèmon dovremo muovere fisicamente il JoyCon verso lo schermo, anche se a rendere l’esperienza ancora più realistica è sicuramente avere la Pokéball Plus alla mano.

In caso di cattura, la nostra Pokèball Plus si illuminerà intorno allo stick analogico confermandoci della riuscita ed emettendo anche il suono del verso del Pokémon, lo stesso suono emesso in 8bit dalle vecchie versioni su GameBoy.
Con la Pokéball tra le mani, tutto sarà ancora più interattivo, potremo muoverci in ogni singola direzione grazie all’analogico posto sul tasto bianco e al tasto rosso posizionato sul dorsale della sfera che fungerà come comando base.

Il cammino da allenatore è solo all’inizio

VAI PIKACHU SCELGO TE!

Il sistema di combattimento di Pokémon Let’s Go avrà una struttura classica, questo per rimanere fedeli alle vecchie versioni su cassetta, in cui potremo far scendere il nostro Pokémon sul campo di battaglia assegnandoli la mossa da effettuare.

Malgrado gli sviluppatori abbiano voluto mantenere questi stile “classico”, dovremo prestare attenzione agli HP e tutte quelle possibilità che permetteranno di dare profondità agli scontri rispetto a quella mobile, di per se con queste aggiunte possiamo respirare e vivere quell’aria da vero gioco Pokémon con un grado di immersività a 360° gradi.


Sul fronte tecnico, il titolo ad una prima prova risulta essere ben bilanciato è fluido, compreso l’aspetto grafico, dotato di una grande varietà cromatica e di una caratterizzazione dell’ambiente e dei personaggi incantevole. Di certo questo aspetto riuscirà a catturare l’attenzione dei più piccoli ma anche di quelli più nostalgici.

Lo stesso si può dire dei Pokémon che nonostante abbiano forme tondeggianti e morbide, sono ben modellati ed animati, malgrado nella prova abbiamo potuto solo ammirare quelli base come: Rattata, Pidgey ed Oddish.

L’INVENTARIO SENZA FINE

Prima della scadenza della demo, abbiamo dato un’occhiata all’inventario che sarà presente all’interno del gioco, da quanto emerso sembra che non avremo a nostra disposizione un limite sugli oggetti che potremo trasportare. Possiamo però confermarvi che l’inventario disporrà di una sezione outfit che ci permetterà di cambiare non solo l’abbigliamento del nostro personaggio ma anche del nostro starter, una chicca che sicuramente nel tempo libero ci impegnerà particolarmente.

Tra le tante featurette, ci sarà anche la possibilità di poter far apprendere ai nostro Pokémon, delle mosse speciali da applicare sul campo di battaglia, e inoltre potremo decidere quale tra i tanti Pokémon in nostro possesso, ci potrà seguire nella fasi di esplorazione.

Per quanto riguarda l’online, Nintendo ci ha comunicato che il titolo godrà di un sevizio locale che permetterà di poter condividere l’esperienza di gioco insieme ad un altra persona, purtroppo non avendolo testato con mano dovremo aspettare maggiori informazioni a riguardo nelle prossime settimane.


Insomma, Pokémon Let’s GO Eevee e Let’s Go Pikachù ci ha dimostrato di essere uno spin-off a tutto campo, in cui cerca di abbracciare la cerchia di giocatori della serie principale e di quella approdata con la versione mobile. Possiamo confermarvi che la prossima IP di Switch si preannuncia essere interessante e che sicuramente saprà sfruttare appieno le capacità della console di Nintendo.

Non ci resta altro che aspettare di vederlo sul mercato videoludico per poterlo provare con mano ancora una volta.

Altri articoli in News

call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020

Twitch Versus, un nuovo modo per organizzare competizioni

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020
Assassin’s Creed Valhalla

Assassin’s Creed Valhalla, titolo di lancio per Xbox Series X e Series S

Giuseppe Licciardi9 Settembre 2020

The Witcher 3 Wild Hunt, arriva PS5 e Series X è ufficiale

Giuseppe Licciardi4 Settembre 2020