News
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 2 minuti

Non era ovviamente nascosto che Riot Games, stesse progettando qualcosa, ma ovviamente nessuno si aspettava di trovarsi davanti un picchiaduro. Project L sembra essere invece un picchiaduro a tutti gli effetti. Ovviamente lo sviluppo è stato affidato a Radiant Games, lo studio acquisito durante il 2016 dalla stessa Riot. L’annuncio fu anche anticipato durante l’EVO di quest’anno. Del titolo in se ne ha parlato il CEO di Radiant Games , Tom Cannon. “Circa un mese fa all’EVO abbiamo dato alcune notizie su Project L. È stata un’esperienza folle e surreale, perché ci stiamo lavorando da un po’ e abbiamo dovuto sempre mantenere il segreto. Credo che quello che i giocatori di League of Legends si aspettino da questo gioco sia diverso, ma in qualche modo omogeneo a quello che si aspettano i giocatori dei fighting game in generale”

Leggi anche:  Life is Strange 2: annunciata la data di uscita dell'edizione fisica

Ovviamente Cannon ci ha tenuto a specificare che il titolo è ancora in una fase alpha di viluppo. Per produrre titoli del genere ci vuole tempo, e non è semplice farli. Infatti delle novità saranno annunciate non appena lo sviluppo andrà avanti. “Sono giochi difficil da fare, e se da un lato siamo sicuri di star andando nella direzione giusta, abbiamo ancora un sacco di lavoro da fare. Ci nasconderemo per un po’, quindi per favore non aspettatevi niente a breve, ma sappiate che stiamo lavorando duramente per voi“, continua Cannon. A questo punto a noi non resta che lasciarvi al video di presentazione, che lascia spazio ad un piccolo sneakers peek  di quello che ci possiamo aspettare nel gioco finale.

Voi cos vi aspettate? Secondo voi, potrà farsi spazio all’interno del grande mondo dei picchiaduro da torneo? Considerando anche la grandezza di un’azienda come Riot, e la mole di lavoro che già fa nel campo dell’esports, potrebbe essere la giusta mossa per portare ad un livello successivo anche il competitivo nei fight game.

NerdPlanet consiglia...
Se invece siete interessati al nuovo Mortal Kombat 11, potete acquistarlo cliccando qui

Altri articoli in News

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020