Pokemon Spada e Scudo: aperta petizione per bandire i titoli in USA

News
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 2 minuti

La bufera che si è scatenata nei giorni scorsi, contro i titoli di nuova generazione Pokemon Spada e Scudo, sembra non placarsi. I titoli ancora non sono usciti ma c’è già una grande quantità di utenti che non è soddisfatta dal lavoro che è stato svolto da Game Freak. Ovviamente le persone che sono giunte subito a queste considerazioni, non sono quelle che hanno provato realmente il titolo intero. Ma semplicemente si tratta di fan che sono rimasti delusi dalla campagna marketing relativa ai titoli, e alle nuove “funzioni”. La causa scatenante però è sicuramente il taglio dei Pokemon all’interno del pokedex. Quello che però è successo oggi ha dell’incredibile.

Leggi anche:  Overwatch 2: nuovo video gameplay della modalità Scorta

Sembra infatti che qualcuno in America sia rimasto davvero colpito dalla cosa, tanto da aprire una petizione alla casa bianca per bandire dallo stato americano i titoli di Game Freak. La petizione ovviamente sarà innocua e non arriverà negli uffici del presidente Trump, almeno che la campagna non raggiunga le 10.000 firme. Cosa che ha dell’assurdo se si pensa, che tutto questo è scaturito soltanto da alcuni leak(illegali), ma sopratutto dopo aver visto qualche trailer online. Mentre comunque, è normale dire la propria sul titolo, aspettando comunque che esca, ma sopratutto giocandolo. Pensiamo che chiedere il ban in un paese, ma sopratutto agitare un clima di violenza contro una software house sia molto scorretto. Quello che sta avvenendo infatti, nei confronti di Game Freak, non ha alcun senso.

Leggi anche:  Google Stadia: presentata la line-up di titoli disponibili al lancio

Aldilà delle scelte fatte per Pokemon Spada e Scudo, Game Freak ha avuto le sue motivazioni. Soltanto dando il proprio feedback, critico ma sempre pacato, il publisher e lo sviluppatore possono cercare di modificare qualcosa. Ma questi comportamenti sono al limite umano, e sinceramente per nulla condivisibili. Voi invece pensate di acquistare i titoli per Nintendo Switch? fatecelo sapere nei commenti!

NerdPlanet consiglia...
Se volete acquistare Pokemon Spada e Scudo, potete farlo cliccando qui

Altri articoli in News

PES 2020, Konami annuncia l’evento Uefa Euro 2020

Giuseppe Licciardi7 Luglio 2020

Playstation Plus, i nuovi titoli gratuiti di Luglio sono 3

Giuseppe Licciardi29 Giugno 2020

Star Wars Squadrons, annunciato il nuovo titolo con trailer di lancio

Giuseppe Licciardi15 Giugno 2020

Destiny 2, in arrivo la nuova espansione “Oltre la Luce”

Giuseppe Licciardi9 Giugno 2020

Bioshock The Collection (NSW) Recensione, capolavori portatili

Andy Bercaru4 Giugno 2020
dynasty warriors

Dynasty Warriors 9, il titolo si aggiunge alla linea Playstation Hits

Giuseppe Licciardi3 Giugno 2020