Playstation 5: il nuovo SSD migliorerà di molto i tempi di caricamento

News
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 2 minuti

Sony ha recentemente annunciato l’uscita della Playstation 5 per le vacanze natalizie del 2020. Molti insider stanno incominciando a fare teorie sull’hardware, parlando di una cpu ad 8-core e una scheda video basata sul Ray tracing. Già abbiamo sentito parlare tanto dell’ SSD di questa console. Ovviamente però non si è mai scesi nel dettaglio per capire quanto sarà impattante. Quanto davvero questa tecnologia, potrà giovare al lavoro degli sviluppatori durante lo sviluppo dei loro titoli. Le parole di Mark Cerny, le conosciamo “i tempi di caricamento saranno almeno 19 volte inferiori“. E d’altronde lo abbiamo appreso da tempo, non vi ricordate un certo video di una conferenza leakato in rete? Bene.

Leggi anche:  Xbox Scarlett: Microsoft cambia la descrizione ufficiale

Ovviamente, non è solo una questione di caricamenti, l’SSD permetterà infatti di avere uno stream di dati, molto più veloce. La console infatti potrà gestire i dati in maniera eccelsa grazie alla velocità dei bus. Tutto questo non solo favorirà i tempi di caricamento, ma sopratutto ance la velocità generale del titolo, anche ad esempio il caricamento delle texture. Per uno sviluppatore infatti sarà eccezionale poter mettere le mani sull’hardware completo. In termini di sviluppo potrà essere una manna dal cielo, poter avere una macchina che con quelle velocità potrà rendere più agevole lo sviluppo.

Leggi anche:  The Last of Us 2: un viaggio di speranze e di contrasti

A favorirne non saranno però solo i titoli tripla A, da alcune parole di Andrzej Sugier di Mass Creation, si può capire come le nuove architetture renderanno più semplice anche lo sviluppo di titoli indie. Molte volte infatti i piccoli studi fanno fatica nell’ottimizzare i propri titoli. Difatti la maggior parte delle volte le critiche che vengono rivolte a quei titolo di titoli, stan proprio nella parte tecnica. Manca ancora davvero tanto all’uscita di Xbox Scarlett e Playstation 5, ma già non vediamo l’ora di metterci le nostre mani sopra.

NerdPlanet consiglia...
Se volete acquistare una PS4, c’è un ottimo bundle cliccando qui

Altri articoli in News

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020

Twitch Versus, un nuovo modo per organizzare competizioni

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020
Assassin’s Creed Valhalla

Assassin’s Creed Valhalla, titolo di lancio per Xbox Series X e Series S

Giuseppe Licciardi9 Settembre 2020

The Witcher 3 Wild Hunt, arriva PS5 e Series X è ufficiale

Giuseppe Licciardi4 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, ecco la data e il reveal trailer

Giuseppe Licciardi27 Agosto 2020