News
Andy Bercaru
Appassionato del mondo videoludico e della tecnologia già da quando era un bimbo in Beta Testing. Ama i giochi quasi quanto il Wrestling ed il Metalcore!

Appassionato del mondo videoludico e della tecnologia già da quando era un bimbo in Beta Testing. Ama i giochi quasi quanto il Wrestling ed il Metalcore!

Tempo di lettura: 3 minuti

Anche se ormai la console war sembra essere più che superata, è innegabile il fatto che durante le scorse annate, essa è riuscita a farsi sentire più di una volta. Se siete utenti abituali di questo mondo, sicuramente vi sarà capitato di imbattervi in queste superflue guerre tra utenza (e non solo), create con il solo gusto di recare caos ad un ambiente pressochè tranquillo. Tuttavia, in questa generazione, le varie parti sembrano aver trovato un giusto equilibrio, accantonando questi conflitti. Una delle figure note a smorzare queste inutili guerre tra “brand” sarebbe stata quella del buon vecchio Phil Spencer, che durante questi anni, avrebbe dimostrato il suo “odio” verso la console war.

Leggi anche:  Stray's Cross: Naughty Dog sarebbe già al lavoro su un nuovo progetto?

Infatti il capo del progetto Xbox, più e più volte ha cercato di far notare come queste guerre non fanno altro che danneggiare l’industria ed il mondo ludico in generale. Proprio per questo motivo, il buon Spencer, dopo aver preso in mano le redini lasciate da Don Mattrick (e per rimediare ai suoi disastri), avrebbe cercato di collaborare il più possibile con le varie rivali dell’industria. Come ben saprete ormai, la priorità di Xbox e Microsoft non sarebbe più la diretta concorrenza con Sony, ma sembrerebbe che il colosso avrebbe scelto una strada diversissima.

Tuttavia, stando ancora una volta a Phil, la vera guerra tra Sony e Microsoft non sarebbe mai successa effettivamente, essedo che, l’obbiettivo della casa di Redmond non si sarebbe mai focalizzato (in maniera diretta) sulla rivale e sul suo fallimento. Infatti secondo Phil Spencer, il successo di Xbox non avere nulla a che vedere con un qualsiasi fallimento di Sony. Per il capo Xbox, ogni singolo ramo di questa industria servirebbe a creare esperienze uniche per l’utenza, portando avanti l’evoluzione ludica.

Leggi anche:  DOOM: i primi 3 capitoli sono ufficialmente disponibili sulle nuove console

“Ho sempre preferito seguire e sentire l’utenza e la comunità di questo mondo, ma certe volte non capisco i ragionamenti di molti giocatori. Sperare nel fallimento di una compagnia o vedere altri fallire per vedere Xbox in cima, non è un pensiero consono. In questo mondo non servono rivalità futili per preferire un prodotto ad un altro. Ogni collaborazione potrebbe dare vita ad esperienze che, da soli, non riusciremmo mai a creare. Proprio per questo motivo abbiamo sempre cercato di stare a stretto contatto sia con Sony che con Nintendo, vedendo loro due come possibili aiuti per il futuro e non diretti rivali! Ironicamente infatti, siamo i publisher più di successo sia sulle console Sony e che Nintendo, grazie a Minecraft, e questo serve per puntualizzare quanto una giusta collaborazione possa servire”

Parole molto interessanti da parte del buon Phil Spencer, che sicuramente potrebbero far calmare una volta per tutti i vari fan-boy. Fateci sapere cosa ne pensate di queste affermazioni, come sempre, attraverso la sezione dei commenti del sito!

NerdPlanet consiglia...
Vuoi acquistare una nuova Xbox One X? Clicca qui!

Altri articoli in News

The Last of Us – Naughty Dog elogia il cosplay di Joel dell’italiano Gabriele Domenighini

Antonio Facchini17 Marzo 2021

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020