Persona 5: alcuni fan disturbano i cittadini di Tokyo

News
Alessio Meneghini
Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Tempo di lettura: 1 minuto

L’atteso titolo per PS4, Persona 5 prende vita in una versione immaginaria della vera città di Tokyo, in Giappone. Tuttavia, a volte il confine tra videogioco e realtà si fa sottile e… no non siamo qui a dirvi che la gente ha cominciato a sfruttare il potere delle proprie Persona. Piuttosto alcuni hanno attinto all’inesaurabile potere della maleducazione e, ora, la Atlus si vede costretta a chiedere ai fan del gioco di esimersi dal disturbare i poveri abitanti della città del Sol Levante.

Come aveva precedentemente riportato il sito Kotaku, l’ispirazione per Yongenjaya, la principale location del gioco, è la vera stazione ferroviaria di Sangen-jaya a Tokyo. Tanto è vero che molti dei veri luoghi del quartiere sono stati replicati nel titolo Atlus, compresi  la lavanderia a gettoni, la gabbia di battuta e il caffè, tutti con un loro parallelo digitale in P5.

Sul sito ufficiale di Persona 5, la Atlus ha affermato che alcuni fan, in visita nei quartieri vicini, hanno cominciato a causare problemi ai residenti. La compagnia nipponica le ha espressamente definite come “azioni che violano le norme della società“, come sporcare, danneggiare le proprietà altrui e invadere aree off-limits solo per scattare foto. L’ultima villania potrebbe riferirsi ai cosplayers in visita nella zona.

Atlus ha poi richiesto la cooperazione dei fan, invitandoli a stemperare i loro entusiasmi ed evitare di disturbare i residenti.

Altri articoli in News

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020