A normal lost phone, la recensione – NO SPOILER

Recensioni
Gerardo Americo
Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Tempo di lettura: 3 minuti

Che cosa fareste se trovaste uno smartphone smarrito? E’ questa la domanda che ci pone davanti il titolo sviluppato da Accidental QueensA normal lost phone, avventura testuale dello studio di sviluppo indipendente.

NOVELLI HACKER

Il videogioco ci mette subito davanti ad un bivio: trovato lo smartphone smarrito, potremmo decidere se curiosare all’interno dei dati o semplicemente cancellarli. Scegliendo la seconda opzione, il videogioco finirà li, seguendo invece la prima, scopriremo che lo smartphone è di proprietà di Sam, che per ragioni sconosciute ha deciso di scomparire il giorno del suo diciottesimo compleanno.

Il titolo è un avventura testuale che sfrutterà la schermata di un normale smartphone. Non avremo altre interfacce e dovremo cominciare a curiosare nelle varie cartelle e applicazioni in cerca di informazioni che ci aiutino a capire qualcosa di più.

Le varie fasi saranno intervallate da dei piccoli enigmi da risolvere per procedere nel gioco, come ad esempio sbloccare la password del wi-fi per connetterci ad internet,  o sbloccare delle password di determinate applicazioni.

La storia è la parte principale del gioco. Dovremo leggere, leggere e ancora leggere, quindi se non siete grandi amanti della lettura, probabilmente non è questo il titolo che fa per voi.

La trama narrata non risulta affatto noiosa e riesce ad incuriosite il videogiocatore, proponendo dei risvolti davvero interessanti, vista anche la breve durata del titolo. Gli enigmi che di volta in volta dovremmo risolvere sono celati all’interno di essa, quindi dovremmo tener d’occhio anche le parti che ci sembrano meno importanti per capirne bene i segreti e il fatto che il titolo sia disponibile in italiano, aiuta molto.

IL GAMEPLAY? NON E’ COSI IMPORTANTE

A normal lost phone è un titolo basato principalmente sulla narrazione. Qualora questa non riuscisse a incuriosirvi, difficilmente apprezzerete il gioco che potrebbe diventare subito abbastanza noioso. Tuttavia, la storia è davvero ben scritta, è quella che potremmo definire un racconto di formazione, molto attuale e per niente scontato o banale, e non vi diciamo di più per non rovinarvi il piacere di scoprirla.

Il titolo dura tra le 2 e le 5 ore, che ci sembra la giusta durata per un videogioco del genere da utilizzare principalmente su smartphone, e che difficilmente rigiocherete. Anche i trofei all’interno del gioco, che potrebbero essere un motivo per rigiocarlo, sono pochi e facilmente reperibili. Ad accompagnarci per tutta l’avventura una playlist presente nello smartphone.

CONCLUSIONI

Se siete videogiocatori amanti del genere, se vi sono piaciute le atmosfere di Life is strangeA normal lost phone è sicuramente un titolo da provare. Nel caso non conosceste il genere ma siete stufi dell’ennesima partita al solito gioco, potrebbe essere un titolo da tenere in considerazione visto anche il suo basso costo. Al prezzo di 3€, A normal lost phone è disponibile per Android, iOS e Steam.

A normal lost phone

2,99€
7.4

Storia

8.0/10

Gameplay

8.0/10

Grafica

7.0/10

Musica

8.0/10

Longevità

6.0/10

Pros

  • Ottima storia
  • Interfaccia grafica carina
  • Personaggi ben caratterizzati

Cons

  • Potrebbe annoiare subito
  • Pochi enigmi
  • Non rigiocabile

Altri articoli in Recensioni

Override 2 Super Mech League Recensione, robot e dintorni

Giuseppe Licciardi26 Dicembre 2020

Per Aspera Recensione, Marte: il nostro terreno di gioco

Camilla Colombo24 Dicembre 2020

Chronos: Before the Ashes Recensione, viaggio tra mondi

Camilla Colombo9 Dicembre 2020
destiny 2

Destiny 2 – Oltre la Luce Recensione, tra le gelide tempeste di Europa

Giuseppe Licciardi1 Dicembre 2020

Call of Duty Cold War Recensione, la guerra fredda in prima persona

Giuseppe Licciardi20 Novembre 2020

Chicken Police: Paint it Red! Recensione, noir tra cinema del ’40 e visual novel

Camilla Colombo18 Novembre 2020