Speciali

Nintendo su VR: non è ancora una moda

Speciali
Francesco Procopio
Francesco, è nato il 1° novembre del 1995 nella città di Torino. Cresciuto a pane, Dragon Ball e Pokémon, si è appassionato relativamente tardi ai videogiochi, all’età di 10 anni, da quel momento ha capito che [..]

Francesco, è nato il 1° novembre del 1995 nella città di Torino. Cresciuto a pane, Dragon Ball e Pokémon, si è appassionato relativamente tardi ai videogiochi, all’età di 10 anni, da quel momento ha capito che [..]

Tempo di lettura: 2 minuti

A quanto pare anche se per questo E3 2016 la novità più grande sono stati i giochi e le feature di realtà aumentata, c’è chi non la pensa così. Secondo Reggie Fils-Aime, leader di Nintendo of America, ritiene che i prodotti di realtà aumentata non sono ancora una moda che porta interesse, e quindi la compagnia di Nintendo decide di non lavorarci su fino a quando non sarà un prodotto di tutti o la maggior parte.

Sempre Reggie spiega il suo punto di vista “penso che la realtà virtuale sia ancora un po’ lontana dall’essere considerata una moda adatta ad applicazioni per un mercato di massa con cui i consumatori possono passare tanto tempo, piuttosto che semplici snack di intrattenimento”.

Il leader di Nintendo America aggiunge anche il punto di vista della compagnia “vogliamo assicurarci che una tecnologia sia a portata di tutti. Vogliamo che rappresenti un grosso valore per i consumatori. Ad esempio, c’erano un sacco di tecnologie legate al giroscopio sul mercato, ma è servito che arrivassero la Wii e il Wii Remote per renderle una moda. Oppure, se torniamo a Nintendo DS, si è trattato del primo prodotto elettronico che ha fatto un uso estensivo di un touchscreen. Quindi, il modo in cui noi guardiamo alla realtà virtuale, o anche alla realtà aumentata che abbiamo nel nostro Nintendo 3DS, passa dal fatto che per noi una tecnologia deve raggiungere un punto in cui può diventare importante. È allora che compagnie come noi, possono fare prodotti che davvero i consumatori possono apprezzare, e che li convincano a gettarsi su quella particolare tecnologia. È così che noi procediamo. Teniamo sott’occhio la realtà virtuale da molto tempo. Ma vogliamo assicurarci che il prossimo passo possa essere di tendenza e accessibile per il mercato di massa – quando la realtà virtuale lo sarà, aspettatevi che Nintendo ci sia”.

E voi cosa e pensate di quanto detto da Nintendo America? Rimanete con noi per ulteriori informazioni.

Altri articoli in Speciali

L’esplosione del fenomeno del live streaming

Redazione18 Gennaio 2021

5 giochi che hanno reso più divertente il 2020

Redazione12 Gennaio 2021

Gioco dunque sono. Passione, inchiostro ed evoluzione dei videogame

Camilla Colombo12 Agosto 2020
the last of us

The Last of Us Parte 2, la paura delle cose non dette | Dedica

Giuseppe Licciardi1 Luglio 2020

Arkane Studios, 20 anni tra esperienze ludiche e mondi da esplorare

Giuseppe Licciardi1 Giugno 2020

The Last of Us è davvero un capolavoro videoludico?

Andy Bercaru11 Maggio 2020