Ni No Kuni II: Il Destino di un Regno, la Recensione – NO SPOILER

Recensioni
Carmen Graziano
Gamer appassionata di Cinema, Anime, Manga, Serie TV e tutto ciò che riguarda Tecnologia ed Intrattenimento. Si narra che nella vita faccia anche altro, ma non ne siamo così sicuri...

Gamer appassionata di Cinema, Anime, Manga, Serie TV e tutto ciò che riguarda Tecnologia ed Intrattenimento. Si narra che nella vita faccia anche altro, ma non ne siamo così sicuri...

Tempo di lettura: 7 minuti

Il disegnatore Yoshiyuki Momose e Level-5 Games si sono rincontrati per dare vita ad un secondo capitolo della saga che ha avuto inizio cinque anni fa creando l’ennesimo capolavoro intitolato Ni No Kuni II. Una collaborazione tra disegnatore e casa produttrice videoludica grazie alla quale l’assenza del team completo dello studio Ghibli, presente nel titolo precedente, quasi non si nota.

Anche se non avete mai giocato al primo, non temete. Questa storia in pieno stile Ghibli è completamente a se, viaggiando sullo stesso binario del precedente solo per quanto riguarda titolo, stile di combattimento e disegni.

Sta volta gli autori hanno voluto raccontarci la storia di un regno unito senza guerre nè conflitti e di come tutto ha avuto inizio.

La Storia di un Regno Felice

Tutto ha inizio nel castello di Gatmandù dove un essere umano proveniente dal nostro mondo, Roland, viene teletrasportato magicamente. Qui incontra il giovane re Evan, ma stanno per scoprire che il perfido Ratalon ha ideato un attacco interno per uccidere il re e conquistare il regno facendolo diventare proprietà dei Murinidi e scacciando definitivamente i Felinidi. Si troveranno a dover fuggire dalle stesse guardie che sorvegliavano il re ed a scappare tramite le fogne.

Ratalon aveva già capito tutto e gli mette alle calcagna l’imbattibile (per il momento) Cavaliere Nero. La dama di compagnia del re, Amina, decide di sacrificarsi per salvare Evan e Roland da morte certa chiedendogli di farle una sola promessa: tornare a regnare. E’ così che Evan decide di creare un nuovo regno di pace tra i vari popoli con un nome pieno di significato: Eostaria.

Lungo il cammino per divenire un re rispettato dai popoli, Evan, insieme a Roland, si trovano a visitare molti villaggi. Grazie ai loro regnanti, Evan sarà in grado di imparare lezioni di vita importanti e di aiutare gli abitanti per conquistare il loro rispetto.

In questo viaggio incontrerà molte persone che vorranno aiutarlo e si aggiungeranno alla sua squadra per seguirlo ed accompagnarlo durante anche le imprese più ardue, ma non saranno gli unici.

In una casa tra i monti vive una signora, zia Martha, che gli presenterà delle piccole creature in grado di aiutarlo: i Cioffi. Queste simpatiche creature dalla forma particolare, provengono dagli elementi della terra e si manifestano solo a chi è degno per aiutarlo coi propri poteri, sia lungo il cammino che in battaglia, con incantesimi capaci di creare qualsiasi tipo di elemento presente in natura. Zia Martha ci regalerà un esemplare di questi spiritelli e sarà il primo di una lunga serie che troveremo lungo il nostro cammino, come, ad esempio, negli idoli Cioffi.

Queste piccole creature acute vi seguiranno in battaglia con buff di area di effetto e assistenza offensiva attivate toccando un pulsante. Troviamo che questi elementi siano essenziali quando si combattono creature più dure, offrendo un punto vitale di guarigione o finendo i nemici con le barre della salute in diminuzione.

Ma per diventare un vero re non basta il rispetto. In questo mondo solo chi ha stipulato un contratto con un Nume Tutelare potrà essere incoronato e rispettato da tutti. E’ così che Evan si ritrova a dover superare un particolare dungeon che gli porteranno ad incontrare il Nume Tutelare più scaltro che esista. Questo piccolo esserino giallo con l’accento romanesco, Solario, sarà di grande aiuto durante la nostra avventura specialmente durante le visite nei vari regni.

Lungo il cammino e le visite nei vari villaggi, Evan e il suo gruppo fanno un’importante scoperta. C’è un essere malvagio, Hamnar, che sta architettando un piano malvagio. Sembra essere interessato ai Numi Tutelari tanto da stregare i sovrani ed indebolendo il loro legame col popolo.

Cosa stia architettando sembra davvero qualcosa di davvero subdolo e misterioso. Con il solo “furto” del legame tra il sovrano ed il Nume, si scatenerà l’ira di quest’ultimo. La sua vista si annebbierà così tanto da rischiare di distruggere l’intero villaggio e mettere in pericolo la vita di tutti gli abitanti. Per fortuna ci sarà la nostra squadra a salvare il mondo ed a svelare il mistero.

Per non ricadere nello spoiler, ci fermiamo qui col racconto e vi invitiamo a giocare questo titolo per scoprire cosa accadrà.

Non Solo Storia ma anche…

Non si potrebbe chiamare JRPG se non ci fosse il combattimento.

Lo stile che vi ritroverete ad utilizzare è una versione molto semplificata dei grandi classici, annullando il tempo di caricamento ed aumentando le armi. Queste verranno equipaggiate in un armanello, che ci darà la capacità di cambiare velocemente arma durante il combattimento.

Saremo in grado di utilizzare fino a tre armi corpo a corpo ed una a lungo raggio in modo da poter combattere qualsiasi nemico con la massima efficacia.

Una sola arma a distanza vi sembra poco? Potete fare sonni tranquilli. Oltre alle armi fisiche, i nostri “eroi” saranno in grado d’imparare e utilizzare fino a quattro incantesimi.

Il combattimento in gruppo non è l’unica soluzione per conquistare un regno. Avete mai pensato a come superare grosse flotte di nemici che si muovono in gruppi? Un modo c’è: creare un vero e proprio esercito. Non basteranno i semplici guerrieri corpo a corpo o a distanza, il regno di Eostaria non si farà mancare proprio nulla.

Dai bombardamenti aerei alle magie più potenti, qualsiasi tipo di attacco sarà fatale contro il nemico, rendendo gli assalti una vera passeggiata. Tutte le truppe possiedono una debolezza unica che ti aspetti di sfruttare per uscire vittoriosa. Le truppe sono composte da cittadini reclutati, tutti in possesso di abilità speciali che possono indurre i tuoi alleati o devastare la forza avversaria.

Proprio come l’antico gioco “carta, forbice, sasso”, la strategia vincente sarà dettata da come e quali truppe userete. Al posto dei classici tre nomi, vedremo invece dei colori che rappresenteranno i poteri elementali. Le regole rimangono le stesse: acqua batte fuoco, fuoco batte terra e così via. Se avete già giocato ad un altro celebre titolo giapponese, intuirete molto facilmente come muovere le truppe per avere sempre la vittoria a portata di mano.

E per non farci mancare nulla, oltre ad i vari tipi di combattimento ecco che compare la strategia per eccellenza: la gestione del regno.

Una volta fondata la capitale, è ora di iniziare a creare gli edifici ed assegnare dei talenti per produrre denaro e prodotti in aggiunta alle classiche ricerche. Ogni edificio ha la sua specialità, alcuni ci permetteranno di acquistare o migliorare ciò che è già in nostro possesso, che siano armi o, addirittura, cioffi.

La Tecnica

Come potete ben immaginare dal nome del creatore, la cura nei dettagli dei disegni è stata davvero millimetrale. Lo stile classico e non tridimensionale tipico dello studio Ghibli calza a pennello a questa storia fiabesca, ricordandoci le storie animate tipiche dell’arcipelago giapponese.

Che siate a Canghai (la versione canina di Shanghai) o infondo al mare, gli scenari sapranno darvi l’impatto adatto per prepararvi a ciò che sta per accadere. I colori insieme alle musiche che contornano il tutto, sono state studiate appositamente per ogni singola scena creando la giusta atmosfera per ogni situazione.

Le sue immagini meravigliosamente rigogliose sono semplicemente tra le migliori mai viste in un gioco, offrendo una lezione oggettiva su come la stilizzazione abbia il potere di battere il fotorealismo anche nell’era del 4K.

L’influenza dello Studio Ghibli rimane viva e vegeta, lasciando il segno di benvenuto in ogni singolo aspetto del mondo del gioco, sia che si tratti di una città popolata da insoliti gatti o di una fabbrica corrotta che sfrutta tecnologie altamente avanzate.

Il tutto diventa più evidente una volta sbloccate barche ed aerei da usare in tutto il mondo. Non solo ci concederanno l’accesso ad aree precedentemente nascoste, ma aiuteranno anche ad enfatizzare la vera portata del mondo di Level-5 e quanto sia invitante scoprirlo. È quasi un peccato che il sistema di viaggi rapidi sia così generoso da incoraggiare il giocatore a evitare di viaggiare in altri modi.

In Conclusione

Ni No Kuni 2 è un’avventura sana che migliora il primo capitolo in quasi tutte le direzioni. Il design artistico e le immagini sono tra i migliori su PS4 e il combattimento e l’esplorazione sono divertenti e coinvolgenti.
Ha per lo più somiglianze superficiali con il primo gioco, ma è uno dei JRPG più piacevoli e divertenti a venire fuori da chissà quanto tempo. Una storia affascinante per quanto un po’ carente, un cast di personaggi deliziosi, un gameplay emozionante e una presentazione sorprendente si uniscono per creare un gioco misto tra storia e strategia.

La narrazione è insignificante ma utile. È una storia basata sull’unire i regni nel tentativo di bandire un male più grande che colpisce il mondo.

Fortunatamente, l’ambiente lussureggiante e l’amabile cast di personaggi compensano la trama un po’ banalotta che non riesce a trasmettere efficacemente una serie di retroscena.

Purtroppo l’intreccio principale tende a perdersi spesso dietro le missioni secondarie, senza le quali non sarà possibile proseguire con la principale. Il motivo? Non esiste un regno senza popolo! Dovrete “reclutarli” svolgendo dei “piccoli favori” per loro per convincerli a venire a vivere ad Eostaria. Ce ne sono letteralmente centinaia, scritti distintamente con un tocco memorabile e creativo.
Quelli che maggiormente ci sono rimasti nel cuore, però, sono senza dubbio i Cioffi, tanto da sperare che ne creino una versione fisica da acquistare e da tenere con noi.
Questo titolo sarà disponibile per PS4 e PC in versione classica, speciale, Prince’s edition e King’s Edition a partire da 69.99€

Ni No Kuni II

69.99
8.3

Storia

8.5/10

Gameplay

8.0/10

Suono

8.0/10

Grafica

8.5/10

Longevità

8.5/10

Pros

  • Grafica e colonna sonora capace di immergerci nella storia
  • Ambientazione curata nei dettagli
  • Personaggi simpatici
  • I CIOFFI!

Cons

  • La storia è un po' carente
  • Impossibile proseguire con la storia principale senza aver completato le missioni secondarie
  • Sistema di viaggi rapidi troppo vantaggioso

Altri articoli in Recensioni

Age of Wonders Planetfall Recensione, una vasta scacchiera nello spazio

Giuseppe Licciardi13 Agosto 2019

Wolfenstein Youngblood Recensione, si torna a cacciare nazisti

Riccardo Cantù31 Luglio 2019

Etherborn Recensione, un pellegrinaggio tra gravità e immaginazione

Camilla Colombo25 Luglio 2019

Dragon Quest Builders 2 Recensione: a metà tra il Sandbox e il JRPG

Andy Bercaru19 Luglio 2019

The Sinking City Recensione, il mito di Chtulhu torna alla vita?

Riccardo Cantù4 Luglio 2019

Red Faction Guerrilla Re-MARS-tered Recensione, torniamo su Marte in versione portatile

Andy Bercaru1 Luglio 2019