Little Nightmares: la nascita del gioco spiegata dagli sviluppatori

News
Antonio Salvatore Bosco
Appassionato del mondo nerd dalla tenera età di 3 anni quando giocavo a Sonic con il sega master system di mio padre. Amante della scienza e della lettura. Marvel e Disney mi accompagnano ogni giorno da sempre. Pronto a scoprire cose nuove e a farle conoscere agli altri.

Appassionato del mondo nerd dalla tenera età di 3 anni quando giocavo a Sonic con il sega master system di mio padre. Amante della scienza e della lettura. Marvel e Disney mi accompagnano ogni giorno da sempre. Pronto a scoprire cose nuove e a farle conoscere agli altri.

Tempo di lettura: 2 minuti

Tramite un post su Playstation Blog, i ragazzi di Tarsier Studios, sviluppatori dell’interessante  horror a scorrimento Little Nightmares, hanno raccontato come è nato il progetto.

“Anche se all’epoca non lo sapevamo, abbiamo gettato le basi di Little Nightmares nel 2012 con una demo tecnica intitolata “Dollhouse”. La demo era incentrata su un edificio cilindrico e i giocatori potevano spostare, ruotare e avvicinare o allontanare l’inquadratura su una serie di stanze collegate tra loro. Era divertente e inquietante al tempo stesso. La premessa era semplice, ma aveva catturato la nostra immaginazione. Naturalmente, poi non ci abbiamo fatto nient’altro! Nei due mesi successivi sono spuntate altre idee interessanti in varie parti dell’ufficio. Abbiamo realizzato dei bozzetti di enormi vascelli organici e di grotteschi personaggi che divorano se stessi. Parlavamo con nostalgia dei giochi in cui i giocatori erano liberi di esplorare, in preda alla paura. E volevamo raccontare delle storie, che hanno raggiunto territori nuovi, inattesi e inquietanti. Ovviamente, c’era sempre l’inquadratura “Dollhouse”. Quando questi elementi si sono incontrati, abbiamo capito cosa sarebbe potuto diventare il gioco. Little Nightmares segue le vicende di una ragazza pelle e ossa, intrappolata nel mezzo di un grottesco banchetto. Il gioco parla di avidità, di consumo e della generale sgradevolezza del cibo, quindi l’abbiamo chiamato Hunger senza pensare a cosa sarebbe successo quando qualcuno avrebbe cercato “Hunger game” su Google! Six era un nome adatto al personaggio che stavamo creando. Ha un qualcosa di androgino che ci piaceva. Non stavamo realizzando un gioco su una ragazza in pericolo, ma su una bambina. Six non diceva nulla, ma generava molte domande. Stesso discorso per le Fauci. Sono nate come una coltura in cui abbiamo lasciato evolvere delle cose inquietanti e sono diventate un luogo capace di mangiarvi e risputarvi in tantissimi modi. Six e le Fauci ci sono sembrati adatti come elementi portanti. Anche se non si piacciono, funzionano bene insieme!”

Little Nightmares sarà disponibile nel corso della primavera 2017 su Playstation 4, Xbox One e PC e avrà un gameplay con similitudini con titoli come Limbo e Unravel ma offrirà anche una maggiore possibilità di esplorazione in angoli bui, alla scoperta di orrori inquietanti.

Altri articoli in News

PES 2020, Konami annuncia l’evento Uefa Euro 2020

Giuseppe Licciardi7 Luglio 2020

Playstation Plus, i nuovi titoli gratuiti di Luglio sono 3

Giuseppe Licciardi29 Giugno 2020

Star Wars Squadrons, annunciato il nuovo titolo con trailer di lancio

Giuseppe Licciardi15 Giugno 2020

Destiny 2, in arrivo la nuova espansione “Oltre la Luce”

Giuseppe Licciardi9 Giugno 2020

Bioshock The Collection (NSW) Recensione, capolavori portatili

Andy Bercaru4 Giugno 2020
dynasty warriors

Dynasty Warriors 9, il titolo si aggiunge alla linea Playstation Hits

Giuseppe Licciardi3 Giugno 2020