La PlayStation Vita è arrivata “Troppo tardi”, secondo l’ex CEO Sony

News
Alessio Meneghini
Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Tempo di lettura: 2 minuti

La PlayStation Vita è una bella console ma è uscita troppo tardi per ritagliarsi una fetta significativa nel mercato videoludico“.

Almeno questa è l’opinione di Jack Tretton, l’ex direttore esecutivo di casa Sony, che ha salutato la compagnia lo scorso 2014, dopo 19 anni. Alla domanda di IGN su cosa pensasse della console portatile, Tretton ha offerto una schietta e ufficiosa opinione “Ora che non lavoro più lì, penso sinceramente che sia una grande console, è solo uscita in ritardo. Il mondo è ormai passato a dispositivi portatili che non sono specifiche console per videogiochi” ha detto.

In confronto, la prima portatile Sony, la PSP, è stato un maggior successo, secondo Tretton. La piccola PSP era stata in grado di rendere portatile l’esperienza videoludica, nello stesso tempo avvicinando videogiocatori più anziani al mondo mobile. Al contrario, al debutto della PS Vita (USA, nel 2012), i giochi per gli smartphone erano in piena ascesa, lasciando poco spazio ad altri device “limitati” ai videogiochi.

psvita-image-03-psvita-eu-18dec14

Tretton conferma che la sua impressione generale è che la PS Vita sia una “bella console” rilasciata “in un periodo in cui poche persone hanno bisogno di device portatili specifici per videogiochi”.

Una PS Vita in versione slim, con una maggior durata della batteria e altri upgrade fu rilasciata nella primavera del 2014. Sony continua tutt’ora a vendere PS Vita, il cui prezzo di partenza è di circa 189 euro.

Secondo la rivista online Dualshockers, la Ps Vita ha venduto più di 5 milioni di unità in Giappone nel giugno del 2016, sebbene la stessa cifra valga anche per gli USA. La console debuttò negli USA nel lontano 2012, vendendo più di 2 milioni di copie nei primi sei mesi, anche se non è chiara la situazione attuale.

In ogni caso, la portatile di casa Nintendo, il 3DS, si è portata molto avanti rispetto alla rivale Sony: lo scorso 30 giugno 2016, il 3DS aveva venduto più 59 milioni di unità in tutto il mondo. Il 3DS debuttò prima della Vita e precisamente nel 2011 in Giappone e negli USA.

Sony non si è ancora espressa su un eventuale successore di Vita, mentre Nintendo è prossima a fornire nuovi dettagli per il suo ibrido Switch.

Altri articoli in News

The Last of Us – Naughty Dog elogia il cosplay di Joel dell’italiano Gabriele Domenighini

Antonio Facchini17 Marzo 2021

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020