Il gioco cancellato da EA su Star Wars sarebbe stato come Uncharted, secondo l’autore di Rogue One

News
Andy Bercaru
Appassionato del mondo videoludico e della tecnologia già da quando era un bimbo in Beta Testing. Ama i giochi quasi quanto il Wrestling ed il Metalcore!

Appassionato del mondo videoludico e della tecnologia già da quando era un bimbo in Beta Testing. Ama i giochi quasi quanto il Wrestling ed il Metalcore!

Tempo di lettura: 2 minuti

Quando si parla di Electronic Arts, quasi sempre l’odio collettivo dei giocatori tende a mirare (giustamente), le pessime scelte fatte dal colosso americano durante questi ultimi anni. La critica più gettonata ultimamente, riguarderebbe la mala gestione della licenza Star Wars e di tutti i progetti riguardanti essa.

Infatti, come ben sappiamo ormai, EA Games ha fatto pian piano affossare il nome (videoludico) di Star Wars, per colpa delle sue scelte avide e senza senso. Tra le più recenti possiamo contare il disastro di Battlefront 2 ed le sue loot-box o la recente cancellazione del progetto nato sotto i Visceral Games e di seguito spostato verso EA Vancouver.

Questa recente decisione non solo avrebbe fatto imbestialire i fan per l’ennesima volta, ma avrebbe anche dimostrato che EA non sa proprio utilizzare a dovere la famosa licenza. Tra la schiera dei fan arrabbiati si conterebbe anche Gary Whitta, ovvero il co-produttore di Rogue One. Durante una recente intervista preso Kinda Funny Games Daily Show, Whitta stesso avrebbe rilasciato qualche dichiarazione riguardante il gioco di recente cancellato.

Stando al produttore, il progetto di EA Vancouver doveva seguire le ‘’orme’’ dei progetti Naughty Dog e dei suoi Uncharted. Per la prima volta dovevamo sperimenta un’avventura semi open world con elementi dinamici tipici della serie Uncharted.

Oltre queste informazioni, Whitta avrebbe anche deciso di dire la sua riguardante la gestione di EA Games verso la licenza Star Wars. Le parole non si sono certo risparmiate ed Whitta avrebbe catalogato EA come incapace nel svolgere il proprio lavoro.

Stando al creatore, Disney dovrebbe darsi una svegliata e togliere questa iconica licenza ad EA, essendo che lo studio americano non farebbe altro che ‘’distruggere’’ la saga con le sue mosse catastrofiche. Tuttavia, sappiamo già che EA non avrebbe intenzione di rinunciare cosi facilmente a questa licenza, essendo che il colosso americano starebbe già lavorando (a detta sua) ad altri titoli basati su Star Wars.

Voi cosa ne pensate di questa situazione? Siete d’accordo con quanto detto da Gart Whitta? Fatecelo sapere, come sempre, nella sezione dei commenti!

Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami

Altri articoli in News

For Honor: Wrath of the Jorgmungandr giocabile fino al 3 ottobre

Francesco Damiani20 Settembre 2019

Ghost Recon Breakpoint: La Open Beta si terrà dal 26 al 19 di settembre

Francesco Damiani20 Settembre 2019

Call of Duty: Mobile – Arriverà in tutto il mondo il 1 ottobre

Francesco Damiani20 Settembre 2019

Football Manager 2020: Svelate nuove caratteristiche

Francesco Damiani20 Settembre 2019

NieR Automata: i fan chiedono a gran voce una versione Switch

Giuseppe Licciardi19 Settembre 2019

Cyberpunk 2077: i DLC verranno creati prendendo spunto da The Witcher

Giuseppe Licciardi19 Settembre 2019