Embr Recensione, il pompiere paura non ne ha…o quasi

Recensioni
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 4 minuti

Ogni tanto forse dimentichiamo di quanto il videogioco sia stato concepito non solo per farci vivere emozioni, anzi questa non è sempre stata la sua missione. Solo in epoca moderna il videogioco è riuscito a maturare a tal punto, da rendere le avventure e quei pixel che vediamo a schermo, più veri. Il tutto per farci immergere in nuovi mondi e poter vivere delle esperienze, più o meno piacevoli. Altri titoli invece rimangono saldi alla natura ludica del media, basti pensare ai simulatori, o ai giochi sportivi. Insomma ci sono tante categorie che comunque rimangono salde alla più viscerale forma ludica. Embr fa parte proprio di questa categoria.

Il titoli pubblicato da Curve Digital non fa altro che permetterci di “spegnere” il cervello e darci modo di immedesimarci in un salvavita umano, ovvero un pompiere. Ma se credete di salvare davvero le persone o magari domare gli incendi più temibili, beh vi state sbagliando di grosso. Il mix creato dagli sviluppatori vi renderà quasi immuni alle parole delle persone, anzi refrattari a volerli salvare in maniera normale. Ma andiamo con ordine e vediamo insieme come questo titoli rappresenti un pozzo di risate e di svago.

Embr, da nessuno a pompiere tutto fare

È semplice, se si chiede ad un bambino cosa voglia fare da grande, lui risponderà “il pompiere”, certo forse oggi come oggi non più con tanta frequenza, anzi forse qualcuno oggi risponderebbe “lo youtuber” ma questa è tutta un’altra storia, per ora soffermiamoci sul pompiere. Non è semplice salvare le persone, mantenere la calma e fare in modo di portare a casa la propria pellaccia sana e salva e i ragazzi di Curve Digital  lo sanno bene. Come? dando la possibilità a chiunque di poter diventare un eroe tramite una fiera in cui dopo un iscrizione si va direttamente all’arrembaggio. Per un attimo però torniamo tra noi, Embr non è altro che uno di quei titoli fatti apposta per essere visti in streaming o su youtube e farsi due risate.

Leggi anche:  The Last of Us è davvero un capolavoro videoludico?
embr

Noi non dovremmo far altro che andare incontro alle fiamme mentre le persone intrappolate sono a telefono, e non si accorgono di nulla, e quale modo migliore di salvarle se non tirandole già da una finestra e facendole finire su un trampolino elastico? Questo ed altro in un titolo fatto apposta per chi non ha tempo, per chi vuole salvare la sua pellaccia e per chi non vuole perder tempo dietro delle persone che non riescono a seguire delle istruzioni e devono essere trascinate fuori.

Manichette, scale e bombe acqua

Il gameplay del titolo è molto semplice, si tratterà semplicemente di scegliere le nostre destinazioni tramite un palmare dato in dotazione nel nostro equipaggiamento. Tra queste troveremo diverse zone della città che mano a mano che andremo avanti si sbloccheranno. Raccoglieremo infatti delle fiamme ad ogni missione in base a come completeremo ogni salvataggio, ovvero se porteremo tutti in salvo e se avremo modo di raccogliere qualche bonus particolare durante il nostro lavoro. Per andare a salvare le persone ci verrà dato un arsenale di tutto rispetto, ma non dall’inizio. Grazie ai soldi che guadagneremo sarà infatti possibile acquistare nuove attrezzature e potenziamenti per le stesse. Inoltre sarà possibile acquistare anche indumenti che ci permetteranno di avere accesso a dei bonus per i nostri lavori, come ad esempio la restistenza al fuoco o ai danni da caduta. Questo combinato con i potenziamenti per la nostra attrezzatura ci renderanno molto probabilmente uno dei pompieri più veloci nel risolvere le situazioni presenti in città.

Leggi anche:  In Other Waters Recensione, un ipnotico ibrido ludo-narrativo
embr

Belle le fiamme ma dopo un pò ci si scotta

Il titolo non presenta grosse peculiarità in quanto a rigiocabilità, essendo infatti un titolo per lo più “arcade” potrebbe presto risultarvi ripetitivo nelle sue meccaniche, ovviamente starà a noi dover rendere ogni missioni diversa dalla precedente un pò per difficoltà e un pò cercando di affrontare ogni salvataggio in maniera diversa, magari utilizzando sempre più i gadget acquistati. Ad esempio potremo usare una granata ad acqua per spegnere immediatamente un incendio in un piano, oppure usare un un trampolino per arrivare subito su un piano più elevato, insomma la struttura del gameplay ci lascia completa libertà, facendo però attenzione a non incorrere nell’errore di farlo diventare ripetitivo. Ecco forse la nostra libertà in ogni livello, rappresentano quel sandbox che ci chiama per rendere ogni volta diversa la nostra esperienza.

Tecnica e godibilità

Ovviamente in questi tipo di titoli la grafica o in generale il comparto tecnico non sempre vanno ad influire sulla gobdibilità del titolo. Embr infatti è uno di quei titoli che si concentra bene sul gameplay e sulle varie ramificazioni che esso può prendere. Il comparto tecnico è ben curato, non sono grossi scivoloni se non forse qualche compenetrazione ogni tanto, che però non influisce per nulla sul titolo. Unico punto a sfavore del titolo sono forse proprio le case in cui ci troveremo a salvare le persone che andando sempre più avanti si noterà sempre di più come sono ripetute e una volta appreso come sono fatte sarà sempre più facile salvare le persone.

Leggi anche:  The Persistence Anteprima, la claustrofobia arriva su Switch
embr

Per tirare le somme, Embr rappresenta uno dei titoli più divertenti degli ultimi tempi e si va ad unire a quella scia di giochi creati ad hoc per essere portati in video o in streaming e creano divertimento sopratutto nel creare situazioni disarmanti e spettacolari. Sicuramente inoltre è un titolo che giocato insieme ad amici può portare un pò di ore di svago, sopratutto se si vuole staccare la spina e giocare a qualcosa che sia solo divertimento e gioco.

Embr

19.99
7.4

Gameplay

7.5/10

Grafica

7.0/10

Longevità

8.0/10

Colonna Sonora

7.0/10

Pros

  • Gameplay
  • Divertimento
  • Co-op
  • Rigiocabilità

Cons

  • A volte ripetitivo

Altri articoli in Recensioni

Resolutiion Recensione, un esperimento poliedrico

Camilla Colombo28 Maggio 2020

Someday you’ll Return Recensione, la Redenzione è una scelta

Camilla Colombo21 Maggio 2020

In Other Waters Recensione, un ipnotico ibrido ludo-narrativo

Camilla Colombo4 Maggio 2020

Predator Hunting Ground Recensione, una caccia fallimentare

Andy Bercaru1 Maggio 2020
call of duty modern warfare 2

Call of Duty Modern Warfare 2 Remastered Recesione, ritorno di un mito

Giuseppe Licciardi6 Aprile 2020
hyperparasite

HyperParasite Recensione, un parassita che non arriva al punto

Giuseppe Licciardi2 Aprile 2020