DriveClub VR: le nostre impressioni dopo la prova

News
Maria Elena Sirio
Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Tempo di lettura: 2 minuti

L’area della Games Week dedicata alla periferica Playstation VR è una delle più grandi, e da la possibilità di testare le potenzialità del visore con un buon numero di titoli. Il nostro interesse per la realtà virtuale, in questo caso, si è concentrato nella prova di DriveClub VR.

La stampa internazionale non aveva accolto con molto calore la versione VR del simulatore di guida, accusando anche mal di stomaco e nausea dopo la prova. Avendolo provato in prima persona, possiamo dire di essere in grado di capirli.

Graficamente parlando, mentre il volante e i guanti sono ben definiti ed in primo piano, l’ambiente circostante è tremolante, con contorni non troppo precisi e che, dopo pochi minuti, diventano irritanti per gli occhi. La resa delle altre auto presenti sul circuito è buona, così come gli effetti sonori di motori, derapate ed eventuali scontri.

Altro dettaglio che, purtroppo, si rivela irritante, è la luminosità. In certe curve ci si ritrova il sole proprio in faccia, e quest’ultimo è abbastanza accecante da impedire di vedere il circuito e portare a sbattere contro ringhiere e altre auto. A stimolare un senso di nausea è lo sterzo, che è troppo sensibile e rende difficile calibrare i movimenti: questo porta a facili testa coda e curve dalla pessima traiettoria. 

La pedaliera, composta da due semplici pedali (acceleratore e freno, quest’ultimo è anche retromarcia), è invece alla giusta sensibilità. Durante la prova non è stato possibile sperimentare il cambio presente sul volante, poiché l’auto cambiava in automatico.

L’esperienza offerta da DriveClub VR è, tutto sommato, comunque interessante: il titolo ha del potenziale, ma deve ancora tirarlo fuori. Attualmente il gioco potrebbe risultare irresistibile soltanto per un vero e proprio appassionato di simulatori di guida, per chi possiede DriveClub e vuole sperimentare un titolo per VR a basso prezzo, oppure per chi ha uno stomaco molto resistente.

Altri articoli in News

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020