Destiny 2, Bungie fa chiarezza sugli account PC bannati

News
Chiara Parisi

Tempo di lettura: 2 minuti

Nelle prime ore di questa mattina, Bungie ha dichiarato di aver bannato approssimativamente 400 account su Destiny 2 per PC, ma promette, tramite un post sul blog, di non bannare chiunque avvii il gioco con applicazioni di terze parti in background.

Inolte Bungie ha affermato che il ban non è ingiustificato, ma vengono effettuati degli accertamenti manuali, e non automaticamente tramite client come si pensava, e in ogni caso dichiara che “I ban sono stati applicati a giocatori che utilizzavano strumenti che costituiscono una minaccia per l’ecosistema condiviso del gioco”.

Ciò sembra contraddire le versioni dei giocatori che affermano di essere stati bannati avendo avviato Destiny 2 senza aver altre applicazioni in background, argomenti già esposti nel nostro precedente articolo che potrete trovare qui.

Dopo qualche ora, Bungie ha aggiornato il post scritto nel loro blog aggiungendo che sono stati identificati alcuni giocatori bannati per errore e sono gia in corso le procedure per riattivare gli account. Bungie stessa non ha definito di quanti account si parlasse, ma ha chiarito che non hanno fatto uso delle applicazioni di terza parti colpevoli di questi eventi.

Successivamente ha anche dichiarato “Continueremo a rivedere il processo che utilizziamo per garantire un gioco divertente e corretto”.

Fonte

Altri articoli in News

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020