News
Avatar
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Tempo di lettura: 1 minuto

Cuphead è stato il gioco rivelazione di questo anno che volge ormai al termine. Il successo ottenuto è sicuramente meritato se non altro per la colonna sonora e per i continui richiami all’arte del disegno animato. Il gioco, come molti di voi sapranno, ha un gusto molto retrò e attinge proprio dagli anni ’30 del Novecento tanti spunti artistici che riguardano illustrazione e animazione. Nonostante questo gusto vintage, il videogioco è, ovviamente, adatto alla moderna generazione di console e computer, ma qualche amatore ha fatto in modo che il videogioco girasse anche su uno schermo non proprio in 4K.

Un amatore ha permesso al gioco di essere giocato su uno schermo Muntz originale nel 1953, e questo conferisce al videogame un’aria tutt’altro che scontata, sembra un cartone animato della prima metà del ‘900. L’utente YouTube che ha postato questa vera e propria chicca per intenditori si chiama FILMSPHERE e il video in questione lo potete trovare in alto all’articolo. Inoltre, su Reddit (a questo link) l’autore del video e della combinazione di switch e cavi che ha reso possibile questo video, ha condiviso passo per passo il metodo da lui usato per realizzare il convertitore da digitale ed analogico vintage. Quindi, se anche voi volete far “girare” Cuphead su un televisore vintage, non vi serve altro che seguire le istruzioni dell’utente su Reddit.

 

Altri articoli in News

PES 2020, Konami annuncia l’evento Uefa Euro 2020

Giuseppe Licciardi7 Luglio 2020

Playstation Plus, i nuovi titoli gratuiti di Luglio sono 3

Giuseppe Licciardi29 Giugno 2020

Star Wars Squadrons, annunciato il nuovo titolo con trailer di lancio

Giuseppe Licciardi15 Giugno 2020

Destiny 2, in arrivo la nuova espansione “Oltre la Luce”

Giuseppe Licciardi9 Giugno 2020

Bioshock The Collection (NSW) Recensione, capolavori portatili

Andy Bercaru4 Giugno 2020
dynasty warriors

Dynasty Warriors 9, il titolo si aggiunge alla linea Playstation Hits

Giuseppe Licciardi3 Giugno 2020