Call of Duty Modern Warfare 2 Remastered Recesione, ritorno di un mito

Recensioni
Giuseppe Licciardi
Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.
@https://twitter.com/Sn0WzX

Nato con un pad nella mano sinistra e un mouse nella destra. Ancora non si conosce la sua vera provenienza, molti pensano faccia parte di un' antica razza aliena che mira a divulgare il videogioco come arte. Per ora si sa solo che studia per diventare Ingegnere Informatico, ma forse è solo una scusa per mimetizzarsi tra gli essere umani.

Tempo di lettura: 4 minuti

Ci sono poche cose che ricordiamo davvero con grande facilità nella nostra vita, la maggior parte dei ricordi sono popolati da eventi o persone che sono stati fondamentali per la nostra crescita emotiva. Quanto volte infatti ci sono riaffiorati ricordi derivanti semplicemente da un oggetto che abbiamo ritrovato, non perché esso stesso fosse la causa della nostra felicità, ma perché ci riporta alla mente tutti i ricordi che sono collegati ad esso. Per noi videogiocatori questa è forse una delle principali cause della nostalgia che molto spesso proviamo quando ricordiamo titoli che abbiamo giocato in passato. Non è detto però che queste emozioni siano sempre positive per il mercato che giornalmente viviamo all’interno del quale spendiamo mille risorse per poterle continuare a vivere.

Quello che sta capitando in questi anni è la prova che all’ interno del mercato la nostalgia è forse uno dei principali motivi per i quali le mosse di remake e remastering dei titoli sono sempre di più scelte che vengono prese per far riscoprire nuove storie ad un pubblico più giovane. Call of Duty Modern Warfare 2, insieme al suo predecessore rimangono infatti uno degli esempi più lampanti di come un ottimo lavoro può essere fatto anche senza dover cambiare l’anima di un titolo, ma soltanto aggiustando quelle cose che magari non andrebbero a matchare bene con il pubblico odierno.

Leggi anche:  Ori and the Will of the Wisps Recensione, uno sviluppo trionfale
call of duty modern warfare 2

Lo sappiamo tutti che da anni ormai la saga di Call of Duty aveva bisogno di un ritorno alle origini, non si poteva più continuare con la strada intrapresa da Advanced Warfare, non perché siano stati giochi minori che non interpretavano più l’anima della serie, ma sopratutto perché da sempre i giocatori sono stati il motore principale che faceva andare avanti il titolo. Vi ricordiamo infatti che è uno dei franchise più potenti al momento che nell’epoca d’oro, e non solo, faceva registrare cifre da capogiro e infrangendo record di ogni tipo.

Call of Duty Modern Warfare 2 è però il capitolo che ha fatto davvero innamorare milioni di giocatori, e che ha reso la saga di Infinity Ward di culto, non solo per chi la giocava ma anche per la sua scenograficità nel raccontarsi. In questo nulla è cambiato, questa Remastered resta comunque fedele al titolo originale, andando a migliorare quello che era restato ormai impresso all’interno di una ormai vecchia generazione videoludica.

RACCONTARE LA GUERRA

Se c’è una cosa che in Call of Duty, almeno nei primi capitoli, ha sempre funzionato è la narrazione, la guerra viene trattata come una sporca macchia su ogni uomo messo in gioco. Aldilà delle fazioni, aldilà di vinti e vincitori nessuno ne esce indenne, neanche la più pura delle persone. Il racconto di Modern Warfare 2 non mette in scena soltanto dei soldati pronti ad obbedire a degli ordini, mette in campo persone che si sono fatte da sole, che hanno una ragione e che fanno di tutto per salvare chi hanno a cuore.

Leggi anche:  Nioh 2 Recensione, un viaggio hardcore nel Giappone feudale
call of duty modern warfare 2

All’interno di questa Remastered troveremo i nostri cari e vecchi amici, li dove li avevamo lasciati, Soap, Roach e Ghost. Il tutto sarà mixato con estrema frenesia, lasciando sempre il giocatori in uno stato di inconsapevolezza su cosa possa accadere continuando a giocare. Ovviamente in questa recensione non avremo modo di toccare assolutamente nel dettaglio l’impasto narrativo, il tutto per cercare di attirare l’attenzione nel giocarlo, consigliato sopratutto a quelle persone che non hanno avuto la possibilità di giocarlo prima, perché magari arrivate tardi nel mondo di Call of Duty, o perché semplicemente della generazione successiva all’uscita sugli scaffali del titolo di Infinity Ward.

“STESSA MERDA, ALTRA GEN”

La trama riprende di pari passo li dove avevamo lasciato i nostri compagni, alla fine del primo Modern Warfare, più consapevoli di quello che gli accade intorno e anche più maturi rispetto al fatto che in questo capitolo avremo a che fare con un conflitto su scala mondiale. Il nostro viaggio sarà intercontinentale, dagli Stati Uniti fino ad arrivare alle lande innevate della Russia, passando per i deserti Afghani. Nulla sarà lasciato al caso e verremo sempre catapultati nell’azione più famelica e ne vorremo sempre di più. In questo, Call of Duty Modern Warfare 2 Remastered ne esce vincitore, quella che è forse una delle trame più ricordate con affetto dai fan di tutta la serie, resta comunque di alto livello, con colpi di scena e un impatto scenico che in questa rimasterizzazione riescono ancora di più a colpire dato l’ottimo lavoro svolto da Beenox su quello che è considerato da tutti uno dei migliori capitoli deall’intero franchise.

UN FUOCO CHE ARDE

Dal punto di vista tecnico Call of Duty Modern Warfare 2 Campaign Remastered, mostra i muscoli sopratutto nelle fasi cinematiche, dove i grandi spazi aperti e i particellari la fanno da padrone. Qualche piccolo sbalzo tecnico ogni tanto non influisce sulla godibilità di quella che è a tutti gli effetti una delle migliori remastered che possiamo trovare sul mercato odierno. Il lavoro svolto dai ragazzi di Beenox è sicuramente ottimo, ma non forse quanto quello svolto dai Raven Software con il primo capitolo di Modern Warfare, che sotto il punto di vista tecnico era quasi praticamente perfetto. Ma nulla toglie a questo secondo capitolo di rimanere granitico negli FPS, raggiungendo sempre i 60 frame fissi su PS4 PRO. Aspettiamo ovviamente impazienti anche di vedere la versione PC per riuscire a goderne ancora di più.

Leggi anche:  DOOM Eternal Recensione, hail to the king baby!
call of duty modern warfare 2

In conclusione Call of Duty Modern Warfare 2 Campaign Remastered riesce nel suo scopo, farci emozionare ancora una volta con la sua cinematograficità e le sue scelte di trama adrenaliniche,capaci ai tempi, di imporre nuovi standard sopratutto nel modo di vedere le campagne single player degli sparatutto in prima persona. L’avventura vi risulterà sempre adrenalinica e vorrete completarla tutta d’un fiato, sfida facilmente accettabile almeno che abbiate 5/6 ore libere da poter dedicare completamente a questo capitolo.

NerdPlanet consiglia...
Se volete acquistare Call of Duty Modern Warfare, potete farlo cliccando qui

Call of Duty Modern Warfare 2 Remastered

24.99€
8

Gameplay

8.0/10

Grafica

8.0/10

Trama

8.5/10

Longevità

7.5/10

Colonna sonora

8.0/10

Pros

  • Uno dei migliori capitoli della saga
  • Ottimo livello tecnico
  • Trama cinematografica
  • Gameplay frenetico

Cons

  • Leggermente sottotono rispetto al lavoro svolto con il primo capitolo

Altri articoli in Recensioni

Someday you’ll Return Recensione, la Redenzione è una scelta

Camilla Colombo21 Maggio 2020

Embr Recensione, il pompiere paura non ne ha…o quasi

Giuseppe Licciardi20 Maggio 2020

In Other Waters Recensione, un ipnotico ibrido ludo-narrativo

Camilla Colombo4 Maggio 2020

Predator Hunting Ground Recensione, una caccia fallimentare

Andy Bercaru1 Maggio 2020
hyperparasite

HyperParasite Recensione, un parassita che non arriva al punto

Giuseppe Licciardi2 Aprile 2020

Moons of Madness Recensione (Playstation 4), Lovecraft su Marte

Camilla Colombo1 Aprile 2020