News
Matteo Ivaldi
Amante delle storie in ogni forma, ha affittato un emisfero del cervello a mondi immaginari. Avendo passato l'infanzia tra navi spaziali, Tolkien e Final Fantasy non può più fare a meno di flirtare con la fantascienza, la letteratura e i videogiochi. Talvolta può sembrarvi distratto, in realtà è probabile che stia facendo scorrere scene assurde nella sua testa con tanto di titoli di coda.

Amante delle storie in ogni forma, ha affittato un emisfero del cervello a mondi immaginari. Avendo passato l'infanzia tra navi spaziali, Tolkien e Final Fantasy non può più fare a meno di flirtare con la fantascienza, la letteratura e i videogiochi. Talvolta può sembrarvi distratto, in realtà è probabile che stia facendo scorrere scene assurde nella sua testa con tanto di titoli di coda.

Tempo di lettura: 2 minuti

Radiant Historia, jprg prodotto dalla Atlus, celebre per la serie dei Megami Tensei, Catherine e Odin Sphere, fu uno dei titoli maggiormente interessanti e dimenticati degli ultimi anni. Distribuito per Nintendo DS nel 2010 senza mai giungere sulle sponde europee, il titolo metteva il giocatore nei panni di Stocke, un soldato speciale del regno di Alistel possessore di un un libro chiamato White Chronicle in grado di farlo viaggiare indietro nel tempo allo scopo di alterare le linee temporali e prevenire l’esito catastrofico di una guerra quasi del tutto inevitabile.

Un gioco di ruolo vecchio stampo, con personaggi chibi e un mondo steampunk variopinto e affascinante animato da battaglie a turni variabili con elementi strategici e l’aggiunta di trame alternative scaturite dalle azioni che il protagonista può compiere modificando gli eventi del passato alla ricerca dell’incastro più favorevole alle sorti del conflitto, senza contare la splendida colonna sonora composta da Yoko Shimomura (Final Fantasy XV, Kingdom Hearts, la serie Mana, Parasite Eve) e il memorabile comparto artistico firmato da Hiroshi Konishi (Radiata Stories, Xenosaga e il recente capolavoro The Legend of Zelda: Breath of the Wild). Radiant Historia ottenne un 85/100 sull’aggregatore Metacritic e venne nominato a numerosi premi emergendo fra le scelte videoludiche più affascinanti dell’annata 2010-11.

Il remake di Radiant Historia, Perfect Chronology, uscito quest’estate in Giappone, aggiornato con un nuovo comparto grafico, una interfaccia rinnovata, una maggiore velocità di gioco, un livello di difficoltà aggiuntivo e parti di sceneggiatura inedite (tra cui un nuovo personaggio, Nemesia) concepite nuovamente da Yoh Haduki dietro le indicazioni di Mitsuru Hirata, già soggettista di Shin Megami Tensei: Devil Survivor 2 – Record Breaker, ha ricevuto una data di rilascio in territorio occidentale: chiunque sia interessato a non lasciarsi scappare il titolo dovrà attendere il 16 Febbraio 2018 per potersi godere finalmente Radiant Historia nella sua veste aggiornata. Il titolo sarà disponibile esclusivamente su Nintendo 3DS.

In copertina all’articolo potete vedere lo story trailer rilasciato dalla Atlus proprio per annunciare la localizzazione occidentale di Perfect Chronology.

Fonte: IGN

Altri articoli in News

The Last of Us – Naughty Dog elogia il cosplay di Joel dell’italiano Gabriele Domenighini

Antonio Facchini17 Marzo 2021

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020