News
Giuseppe Barbieri
Avevo circa 7 anni quando per la prima volta vidi uno dei miei fratelli giocare ai titoli più simbolici sulla prima Playstation, come Crash Bandicoot o Resident Evil 3: Nemesis. Da quel giorno mi sono interessato a questo mondo, facendo crescere sempre più la passione per i videogiochi. Credo e affermo che i videogiochi siano una vera e propria forma d'arte e di espressione che si unisce ad altri tipi di arte che insieme riescono catapultarti in un altro mondo. Ciò che apprezzo per lo più nei videogiochi sono le storie profonde, giocherei a COD o a qualunque altro multiplayer soltanto per noia. Amo le storie, e amo crearle. Oltre ad essere un videogiocatore in cerca di storie ho, da qualche tempo, anche l'interesse per la lettura e la scrittura.

Avevo circa 7 anni quando per la prima volta vidi uno dei miei fratelli giocare ai titoli più simbolici sulla prima Playstation, come Crash Bandicoot o Resident Evil 3: Nemesis. Da quel giorno mi sono interessato a questo mondo, facendo crescere sempre più la passione per i videogiochi. Credo e affermo che i videogiochi siano una vera e propria forma d'arte e di espressione che si unisce ad altri tipi di arte che insieme riescono catapultarti in un altro mondo. Ciò che apprezzo per lo più nei videogiochi sono le storie profonde, giocherei a COD o a qualunque altro multiplayer soltanto per noia. Amo le storie, e amo crearle. Oltre ad essere un videogiocatore in cerca di storie ho, da qualche tempo, anche l'interesse per la lettura e la scrittura.

Tempo di lettura: 1 minuto

Game Informer, faccia a faccia con il Grande Shigeru Miyamoto, è riuscita a strappargli un’informazione assolutamente incredibile! Il creatore di Zelda in questo caso, è stato sottoposto a ben 51 domande, seguite dalle sue ben 51 risposte e tra queste è riuscito ad illuminarci su una questione che molti videogiocatori avranno chiuso in un angolo ormai dimenticato della loro mente: Qual è il cognome di Link?

Precisa Miyamoto:

Link non è un essere umano come noi

Afferma questo nel tentativo di spiegarci forse che il sistema di affidamento dei nomi e cognomi nel mondo di Hyrule non appartiene al nostro stesso sistema.

non-sara-possibile-cambiare-nome-link-in-zelda-breath-of-the-wild-v3-284422-1280x720

Ovviamente, prendete il tutto con molta ironia, perché non sappiamo quanto fosse serio Miyamoto.

E bene, il cognome del Leggendario Eroe di Hyrule è semplicemente Link. E non stiamo parlando del nome, ma del cognome, quindi ha sia il nome che il cognome uguali, in breve lui è: Link Link.

Ora che finalmente questa fatidica domanda ha avuto risposta, possiamo guardare avanti, e vi ricordiamo che in caso abbiate voglia di tornare a giocare con Link Link, o solamente Link, il 3 Marzo uscirà (insieme alla nuova console Nintendo Switch) The Legend of Zelda: Breath of The Wild.

Inoltre, se siete curiosi di ascoltare e vedere l’intervista in questione, in alto alla news vi alleghiamo il Q&A intero.

Altri articoli in News

Call of Duty Cold War, le prime tre missioni della Campagna

Giuseppe Licciardi3 Novembre 2020

Control Ultimate Edition, arriva su Switch la versione Cloud

Giuseppe Licciardi28 Ottobre 2020
need for speed hot pursuit

Need For Speed Hot Pursuit Remastered UFFICIALE, ecco il trailer di annuncio

Giuseppe Licciardi5 Ottobre 2020
call of duty warzone

Call of Duty Warzone, ecco le novità della Season 6

Giuseppe Licciardi29 Settembre 2020

Microsoft acquisisce UFFICIALMENTE ZeniMax/Bethesda

Giuseppe Licciardi21 Settembre 2020

Call of Duty Black Ops Cold War, svelato il multiplayer

Giuseppe Licciardi10 Settembre 2020