GoPro Hero 6 Black e Fusion, la Recensione

Recensioni
Alessandro Niro
Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Tempo di lettura: 5 minuti

Fare foto è diventato per molti uno scopo di vita. Il non essere fotografi, al giorno d’oggi, non preclude la possibilità di scattare foto mozzafiato. Con i telefoni di ultima generazione, abbiamo anche la possibilità di avere sempre a portata di mano un obiettivo col quale immortalare i momenti più belli della nostra vita. Ma a nessuno dovrebbe mancare una GoPro.

Piccole, maneggevoli, semplicissime da usare, GoPro Hero 6 Black e Fusion permettono di scattare foto e fare video ad una risoluzione altissima alla quale neanche gli ultimi modelli di cellulari sono (ovviamente) abituati. Due fotocamere completamente diverse tra loro: la Hero 6 Black, risulta essere la più potente e pratica di sempre; l’altra è la Fusion, la tanto attesa e sperata camera sferica, ancora più prestazionale (ha una risoluzione massima di 5,2 K, cioè più di cinque volte la risoluzione in Full HD), impermeabile e riservata ad un pubblico, ovviamente, più professionale.

Ma vediamo più nel dettaglio che cosa possono fare questi piccoli (ma grandi) mostri tecnologici.

Un mini-mostro chiamato Hero 6 Black

La Hero 6 è una potente estensione di storytelling per il vostro smartphone. Non è mai stato più facile vivere un’avventura, e condividerla con una GoPro” dichiara Nicholas Woodman, fondatore e CEO di GoPro. Dal punto di vista estetico, la Hero 6 non ha nessuna differenza dalla Hero 5. Le uniche differenze, le fa l’hardware interno, partendo dal processore. Il processore GP1 consente infatti, di raddoppiare la frequenza di velocità dei fotogrammi, presenta una qualità delle immagini migliorata, alte performance anche in condizioni di scarsa visibilità e stabilizzazione video di gran lunga migliori rispetto alle precedenti generazioni.

Questa Hero 6 Black registra video in 4K a 60 fps (che salgono fino a 240 frame, con una risoluzione in Full HD). Impermeabile e piccolissima, nasconde nella sua scocca un leone.

Con le nuove app GoPro e Quikstories sarà ancora più facile salvare le fotografie sul proprio smartphone e condividerle sui social. Le app si connettono semplicemente tramite WiFi al telefono. Non ho riscontrato alcun problema di collegamento, la configurazione è tanto semplice quanto veloce e, anche i successivi accessi, sono fluidi e senza intoppi. Si accende la GoPro si apre l’app ed il gioco è fatto.

L’impermeabilità dell’apparecchio permette di fare scatti o video anche in vacanza. Si parte con una bella nuotata per poi immortalare tutte le bellezze nascoste sotto l’acqua, con il risultato di eccellente qualità e semplicemente magnifiche.

Come già detto poche righe sopra, ottimi i materiali utilizzati per la scocca, che consistono in una plastica gommata che ricopre l’intera action cam ed un vetro simil-plastica (piuttosto resistente) nella parte anteriore. Le dimensioni risultano inoltre estremamente contenute (162.5 x 74.8 x 8.6 mm) ed il peso è di circa 195 grammi.

Perfetto anche il display touch da 2 pollici anche se non privo di difetti. Spesso e volentieri ho dovuto premere più volte per intraprendere un’azione notando anche, molte volte dei rallentamenti nella risposta. In generale risulta però essere ottimo e comodo. Come tutte le action cam presenti in commercio, anche GoPro Hero 6 non ha una memoria interna dovendo quindi ripiegare su schede micro-SD fino a 256GB. Anche la batteria risulta essere buona, 1220 mAh che garantisce una discreta autonomia di un paio d’ore di registrazione.

Unica pecca negativa degna di nota? Le foto e/o video in notturna. Sono davvero di pessima qualità rispetto a quelle eseguite in diurna. Con la luce del sole i video e le foto sono rappresentate al massimo della risoluzione mentre di sera, la qualità cala drasticamente nonostante la funzione “Notturna” presente tra le impostazioni. Un esempio comparativo potete trovarlo poco sotto.

Cogli il mondo che ti circonda con GoPro Fusion

Parliamo ora invece della nuova Fusion. Più grande della Hero 6 e con un design che ricorda un po’ le vecchie macchine fotografiche istantanee, GoPro Fusion ha la capacità di catturare contenuti con risoluzione 5.2K a 360°. Questa, permette alla Fusion di avere un ritaglio video del girato pari a 1080p, rendendola un vero e proprio mostro rispetto alle altre singole videocamere sferiche presenti sul mercato.

Le grandi potenzialità le esprime il software, capace di creare un video dinamico in 2D estremamente dinamico e professionale. Ma andiamo ora più nel dettaglio tecnico. Con una misura di 73 x 75 x 39 mm, un rivestimento in plastica soft touch ed un peso di 200g, GoPro Fusion risulta avere una solidità molto buona.

Da un lato possiamo trovare il connettore USB C mentre, dall’altro lo spazio per la batteria e due schede MicroSD. La risoluzione massima di registrazione risulta essere 5228 x 2624p @30fps e gli scatti, possono contare su una risoluzione di 18MP. A discapito della risoluzione, scendendo al 3K avremo la possibilità di registrare video a 60fps. Immancabile anche il classico display frontale LCD retroilluminato, caratteristica oramai fissa della maggior parte di GoPro in commercio.

Purtroppo, diversamente dal modello sopra esposto, la versione Fusion non è impermeabile ma resiste agli spruzzi. Questo vuol dire che non c’è problema nell’usarlo mentre piove, ma non ci si potrà immergere sott’acqua. Oltre a ciò, sarà obbligatorio l’utilizzo del selfie stick dal momento che, se utilizzato con la mano, faremmo apparire la stessa in buona parte dell’inquadratura sferica e ciò, ovviamente, non è un bel vedere.

Software di una potenza incredibile

All’interno di quest’ultima GoPro non avviene nessuna rielaborazione. Tutto ciò che viene girato e registrato, sarà disponibile solo ed esclusivamente tramite App o meglio, tramite un software da installare sul PC.

Tramite il software sarà possibile difatti ammirare i video ripresi con la GoPro Fusion, modificarli, esportarli e salvarli. L’effetto è semplicemente stupefacente. Basterà collegare la GoPro al computer, scegliere il video sul quale lavorare e decidere se creare un 360° o un 2D dinamico. Ciò che impressiona di più è la stabilità del video. Per tutto il girato non si avvertirà la minima vibrazione rendendo il tutto, fantastico per gli occhi.

Unico difetto, se così lo si vuole chiamare, è la quantità di ore da passare ad editare un video anche se di pochi minuti e soprattutto, il tempo per il rendering e lo spazio occupato dal video risultante. Un video con risoluzione 5,2K@30fps di circa 3 minuti, potrebbe richiedere un tempo di stitching di 1 ora anche con computer di fascia medio-alta.

Accessori GoPro Hero 6 Black e Fusion

Anche se potremmo utilizzare le cam così come mamma le ha fatte, la scelta ottimale sarebbe quella di abbinarle con i vari accessori resi disponibili direttamente da GoPro.

Tra i vari accessori disponibili possiamo trovare:

  • aste e racchette, per selfie con gli amici o foto panoramiche;
  • supporti roll bar, per la bici, la moto, il windsurf e tanto altro;
  • supporti da casco, per immortalare una prospettiva unica delle proprie avventura in bici ed in qualsiasi altro sport estremo;
  • altri attacchi per posizionare ed installare la propria GoPro ovunque si vorrà.

GoPro Hero 6 Black e Fusion

7.4

Qualità di ripresa

9.0/10

Supporti ed attrezzatura

7.0/10

Connettività

6.0/10

Batteria

9.0/10

Controlli

6.0/10

Pros

  • Facilissime da usare
  • Batteria molto duratura
  • Colori, grafica, bellezza dello scatto

Cons

  • Leggermente complicato l'utilizzo del software
  • GoPro Fusion non funzionale senza supporto
  • La Hero 6 Black non è il massimo di sera

Altri articoli in Recensioni

Oculus Quest Recensione, quando il futuro è a portata di mano

Alessandro Niro13 Settembre 2019

Oculus Go, la Recensione

Alessandro Niro25 Aprile 2019

Logitech G PRO Wireless, La Recensione del mouse da gaming top di gamma

Riccardo Cantù3 Ottobre 2018

Monitor 25″ 21:9 LG 25UM58, la Recensione

Fabio Nitti8 Agosto 2018

Trust Gaming GXT252 Emita Plus, la Recensione

Alessandro Niro18 Giugno 2018

AMD RX 480 – Recensione

Emanuele Greco5 Luglio 2016