Vikings 4×18: I piccoli cinghiali hanno avuto la loro vendetta

Recensioni
Davide Montalto
Davide nasce a Trapani nel luglio del 1995, all’età di 5 anni si trasferisce a Brescia dove vive tutt’ora. Fin da piccolo è appassionato di videogames e serie TV/film, la prima console è stato lo storico nintendo DS Lite, che conserva ancora gelosamente. Dai 15 anni si avvicina al mondo delle serie TV, usando il tempo libero disponibile per l’infinito recupero delle puntate. Da qualche anno si è avvicinato al mondo della MARVEL [..]

Davide nasce a Trapani nel luglio del 1995, all’età di 5 anni si trasferisce a Brescia dove vive tutt’ora. Fin da piccolo è appassionato di videogames e serie TV/film, la prima console è stato lo storico nintendo DS Lite, che conserva ancora gelosamente. Dai 15 anni si avvicina al mondo delle serie TV, usando il tempo libero disponibile per l’infinito recupero delle puntate. Da qualche anno si è avvicinato al mondo della MARVEL [..]

Tempo di lettura: 4 minuti

Ci siamo ragazzi! Siamo quasi alla fine di questa quarta e emozionante stagione di Vikings. Queste ultime puntate sono belle cariche di emozioni, rabbia, vendetta. Perciò bando alla ciance e partiamo subito con questa terzultima puntata!

PER CHI NON FOSSE IN PARI SCONSIGLIAMO CALDAMENTE DI PROSEGUIRE CON LA LETTURA!

 

PREPARATIVI

Tutti a Kattegat sono impegnati con i preparatavi per l’imminente guerra contro Re Aelle. Accorro da tutti gli angoli Conti e Re, accomunati da un unico grande scopo: vendicare la morte di Ragnar, ormai divenuto una leggenda amata da tutti. Intanto Lagertha sta facendo costruire imponenti difese a Kattegat, ormai sicura che prima o poi qualcuno sarà invidioso di ciò che la piccola città è ormai diventata. Oltre a questo, Lagertha si occupa di preparare un sacrificio per la buona riuscita della battaglia; ma stavolta un semplice animale non è sufficiente, c’è bisogno di un sacrificio umano.

Prima però, si celebrano le nozze di Ubbe e Margrethe, la schiava liberata da quest’ultimo per sposarla. Ubbe però sa che il fratello minore, Hivtsark, prova dei sentimenti per l’ormai donna libera, e quindi insieme decidono di “condividere” la ragazza. ( solo dei vichinghi potrebbero farlo).

Vikings-4x18-1

Floki invece è a casa, con Helga e la loro nuova “figlia”. Floki però dall’ultimo viaggio non è più lo stesso, è turbato, scosso, confuso. Anche Helga se ne è accorta, ma Floki non riesce bene a spiegare che cosa gli stia succedendo, dicendo che “gli dei non hanno ancora parlato con lui”.

Bjorn invece si è dato da fare con Astrid, la ragazza allevata da Lagertha. Comportamento alquanto insolito del nostro Bjorn, che mai aveva tradito sua moglie, ma si sa, tale padre, tale figlio.

COMPLOTTI

Mentre tutti si preparano, i due fratelli, Harald e Halfdan stanno complottando in segreto per conquistare Kattegat. Sono infatti alla ricerca di alcuni punti deboli delle difese cittadine, con lo scopo di conquistare la città. Conosciamo i due fratelli per la loro assoluta crudeltà, quindi Lagertha dovrà tenere gli occhi ben aperti se vorrà mantenere il suo trono.  Hanno anche assoldato un certo Egil, un ragazzo figlio di un conte, con lo scopo appunto di riuscire a penetrare le difese.

Brothers

SONO IO CHE COMANDO

Poco prima di partire, Bjorn riunisce tutti i fratelli al completo, per fargli un discorso che si addice a un vero leader. Chiarisce subito che sarà lui a comandare l’enorme armata, che gli piaccia o meno. E infatti a qualcuno la cosa non va giù, e a chi non se a Ivar? Il ragazzo infatti voleva essere a capo dell’armata, in quanto, secondo lui, era stato l’unico a cui il padre aveva confidato alcuni segreti sui Sassoni.

Ma Bjorn è irremovibile: lo chiama ragazzino, chiedendogli quante battaglie ha vinto, e quante perso, e sottolineando che sono le sconfitte a far crescere e a forgiare un vero leader. Ma non c’è nulla da fare, Ivar non vuole capire, ne ascoltare.

Solo restando uniti e riconoscendo lui come loro capo, potranno vincere e vendicare il padre. In alcuni passaggi, rivediamo ogni volta in Bjorn il padre, che da giovane iniziava le sue prime avventure e spronava gli altri a seguirlo, fino alla morte.

Vikings-4x18-3

LA VENDETTA VA GUSTATA

Ci spostiamo ora nel regno di Re Aelle, che aspetta l’arrivo dei vichinghi. Avvertito del loro arrivo , si prepara per la battaglia, sicuro di sbaragliare l’armata nemica. Arrivato al campo di battaglia, il re pensa ancora di avere la vittoria in pugno, vedendo l’esile armata nemica. Purtroppo però , questa sicurezza svanisce piuttosto in fretta, quando il re vede arrivare da entrambi i fianchi del campo di battaglia altre 2 armate, ben più grosse. Lo sguardo del Re fa capire tutto, lui ha già capito: questa battaglia sarà una sconfitta.

maxresdefault

Purtroppo però, una nota dolente di questo spezzone, è il fatto che, secondo noi, non sia stato mostrata la scena della battaglia, cosa che molti fan si aspettavano. Ma forse l’intento degli showrunners non era quello di focalizzarsi sulla battaglia, ma bensì su quello che avviene dopo.

Perduta la battaglia, Re Aelle viene trascinato da tutti i figli di Ragnar e da Floki, sul luogo dove è morto il padre. I ragazzi aprono la botola, e cala il silenzio. Tutti i figli in un secondo di silenzio chiudono gli occhi, Bjorn recità quella frase che nelle scorse puntate rieccheggiava:”  i piccoli cinghiali grugniranno, quando sapranno quanto ha sofferto il vecchio cinghiale” . Il Re intanto( ancora per poco) implorà pietà per la sua vita, promettendo qualsiasi somma. Ma Ivar interviene dicendo “ Mio padre valeva molto di più di oro e argento, non è quello il prezzo che devi pagare“. Con questa frase abbiamo capito tutti cosa aspetta a Re Aelle: la peggiore delle punizioni, l’aquila di sangue.

Historys-Vikings-Season-4-Part-2-Episode-18-Revenge-Vikings-from-the-Great-Heathen-Army-resize

Questa volta però, rispetto alla precedente, è un’esecuzione molto più cruenta. Re Aelle viene inchiodato a un tronco, e Bjorn ( come suo padre prima di lui) esegue la terribile sentenza. Il Re urla, talmente tanto che perfino Re Ecbert sembra sentirlo. Secondo il rito, se se subisce la punizione in silenzio, si entrerà nel Valhalla. Ivar si avvicina al re, per vederlo morire, aspettando che la vita svanisca dai suoi occhi. Una volta morto, i vichinghi appendono letteralmente il Re sul due pali, come monito.

I “piccoli” cinghiali hanno avuto la loro vendetta.

Altri articoli in Recensioni

La Casa di Carta 3 Recensione, una rapina 2.0

Martina Cofano24 Luglio 2019

Stranger Things 3 Recensione, non è solo il Sottosopra

Martina Cofano6 Luglio 2019

Recensione Jessica Jones – Stagione 3, qual è la differenza tra il bene e il male?

Martina Cofano23 Giugno 2019

Recensione Black Mirror 5, il presente è davanti a noi

Martina Cofano4 Giugno 2019

Recensione Come Vendere Droga Online (in fretta), web e realtà finalmente si scontrano?

Martina Cofano3 Giugno 2019

Recensione Rilakkuma e Kaoru, un Giappone in stop motion

Martina Cofano18 Maggio 2019