The Big Bang Theory: gli episodi per non dimenticare la serie

News
Alessandro Niro
Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Tempo di lettura: 4 minuti

Quando si mette le mani o la penna o la testiera per scrivere su di una serie così longeva come The Big Bang Theory le cose non sono mai semplici. C’è da gestire un totale di 279 episodi, i vari personaggi che per ovvie ragioni nel corso della serie sono cresciuti, emotivamente e psicologicamente; c’è da gestire la loro prorompente carica ormonale con incontri inaspettati di ragazze che di volta in volta riserveranno al gruppo di nerd più amato della Tv parecchie sorprese; c’è da gestire poi le varie guest star da Stephen Hawking che con l’ironia che sempre lo ha contraddistinto si è prestato a partecipare alla serie interpretando sé stesso. Oppure Will Wheaton la nemesi di Sheldon e tanti altri che durante questi ultimi dodici anni sono entrati nell’immaginario nerdiano di The Big Bang Theory costruendo un ponte tra finzione e realtà, cultura pop e main stream.

Questo è l’universo di The Big Bang Theory che quest’ anno si congederà dal suo pubblico con la sua ultima stagione. Per questa ragione non ce ne vogliate se nel ricordarci di alcuni tra gli episodi più indimenticabili della serie ne abbiamo tralasciati tanti altri. A ciascuno il suo, come si dice, giusto per ricordare quanto The Big Bang Theory ci ha fatto compagnia in tutti questi anni.

Per gli amanti della narrazione, per chi segue gli sviluppi narrativi di una storia nei suoi meccanismi di base, l’episodio Il paradigma della Terra di Mezzo rappresenta un ottimo punto di partenza; è qui che vengono definiti i vari personaggi nelle loro caratteristiche emotive fondamentali. Ognuno con la sua buona dose di paranoie, modulate a seconda delle esperienze personali: famiglia, vicini, cultura e tradizioni. Tutti ovviamente accomunati da un’incapacità di gestire i normali rapporti umani; e sarà proprio questo elemento che paradossalmente li unirà in un’amicizia durata fino a oggi.

Uno dei protagonisti più apprezzati della serie è l’ascensore, immancabilmente rotto, che funge da puntello narrativo per chiacchierate fuori dalla porta, riflessioni esistenziali e incontri inaspettati. I creatori della serie Chuck Lorre e Bill Prady lasciano con sadica abilità la questione in sospeso, fino all’episodio 22 della terza stagione quando ne Il Covo del nemico andiamo indietro nel tempo per conoscere dal racconto che Leonard fa a Penny, la storia del suo incontro con Sheldon, di un pericoloso affaire amoureuse con una spia nordcoreana e di un esperimento esplosivo con conseguenze disastrose sul funzionamento dell’ascensore. C’è perfino un tenero gesto di riconciliazione che Leonard fa a Sheldon a testimonianza del fatto che l’amicizia tra i due sia più solida di quanto entrambi vogliano far credere.

Ci sono poi quegli episodi che mettono in scena fantasie da nerd che solo un tipo come Sheldon potrebbe accarezzare; fantasie che si rifanno a un immaginario cinematografico di cui lui come noi ci siamo nutriti. Immaginario dove troviamo nerd super intelligenti che passano dai laboratori di matematica e fisica del MIT ai tavoli di Las Vegas come se nulla fosse. E infatti in Insufficienza monetaria, episodio 22 della stagione undici Sheldon è alla ricerca dei fondi necessari per costruire una macchina in grado di provare la sua ipotesi sulla teoria delle stringhe. Dopo aver tentato con la vendita dei suoi fumetti, il crowdfunding e i suoi risparmi decide di fiondarsi a Las Vegas. L’abilità strategica di Sheldon gli averebbe anche consentito di giocare online su piattaforme digitali che come Unibet nel nostro Paese offrono in quanto a offerta di giochi tutte le possibili tipologie di un casinò terrestre. Dal poker al blackjack passando per i tavoli della roulette e in fatto di divertimento e sicurezza non hanno nulla da invidiare a un casinò fisico. Ma del resto la scelta di Sheldon di andare a Las Vegas è del tutto comprensibile: dopotutto ci hanno già provato i ragazzi del MIT e comunque da un punto di vista narrativo e simbolico Las Vegas resta pur sempre Las Vegas.

L’ossessione per un giocattolo può sconvolgere la vita di chi lo riceve. È questo il tema portante dell’episodio 20 della quinta stagione. Un regalo non da poco, comunque, visto che quello che Sheldon riceve da Penny è un’action figure di Star Trek nella sua confezione originale del 1975. Impossibile aprirlo per non farlo perdere di valore e quindi impossibile anche solo sfiorarlo. Un paradosso questo che conduce Sheldon ad allucinazioni uditive in una paranoica spirale che gli sconvolgerà l’esistenza. Tanto che nell’episodio in questione comparirà, solo in voce, ma tanto basta ai fan della serie, il comandante Spock: l’inimitabile e unico Leonard Nimoy. In versione diavolo tentatore che riesce a convincere Sheldon e ci vuole veramente poco, che è giusto giocarci. Ovviamente quello accadrà dopo da avvio a una serie di eventi nei quali Sheldon dovrà confrontarsi tra il suo ego e l’amicizia che lo lega a Leonard. Un dilemma che si risolverà in una sua piena confessione che conferma, ancora una volta, quanto il gruppo di nerd sia, al di là dei battibecchi e delle tensioni ormonali, più legato di quanto vorrebbe, ognuno di loro, far credere. E in fondo è proprio questo uno dei temi portanti della serie. Ciascuno nel suo bisogno di autonomia aspira ad avere amici che lo comprendano e accettino per quello che è.

Altri articoli in News

Marvel’s Helstrom: La serie per Hulu è stata cancellata prima della messa in onda?

Alessio Lonigro22 Aprile 2020

Marvel: La compagnia interrompe gli accordi con due sceneggiatori a causa del coronavirus

Alessio Lonigro21 Aprile 2020

What If…?: La produzione della serie animata dei Marvel Studios sta continuando da remoto

Alessio Lonigro16 Aprile 2020

Agents of S.H.I.E.L.D: Enver Gjokaj tornerà nei panni di Daniel Sousa nella settima stagione

Alessio Lonigro15 Aprile 2020

Agents of S.H.I.E.L.D: Rivelata la data di uscita e la sinossi della settima ed ultima stagione

Alessio Lonigro14 Aprile 2020

Disney+: Un misterioso progetto legato agli X-Men è in fase di sviluppo?

Alessio Lonigro2 Aprile 2020