Ash vs Evil Dead- Finale di Stagione tra splatter e motoseghe

Recensioni
Alessio Meneghini
Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Anche Ash è arrivato alla fine della sua rocambolesca avventura, tra colpi di scena e azioni folli analizziamo il finale della seconda stagione di Ash vs Evil Dead.

Analisi

Un lato positivo della serie rimane senza ombra di dubbio la coerenza nelle reazioni umane di ogni conseguenza avvenuta nella serie; in una comedy horror come Ash vs Evil Dead, che ricalca principalmente le atmosfere più sopra le righe di “La Casa 2” e “L’Armata delle tenebre”, ogni comportamento umano è in linea con lo spirito umoristico della serie; punto di forza del progetto. Sulle note di Don’t stop believin dei Journey, inizia l’azione che porterà all’epilogo di Ash.

La narrazione prende una piega inaspettata e affronta la tematica del potere e del suo fascino; l’uomo è stato sempre attratto da ciò che può conferirgli superiorità su altri esseri e può compiere azioni folli in nome di questo ideale;un ideale malsano in grado di scatenare solo atti orribili. La decima puntata rimescola le carte in tavola con un episodio avvincente. Bruce Campbell è perfetto nei panni di Ash, il suo umorismo è sempre travolgente grazie all’ottima sceneggiatura e alla tempistica delle battute.

lucy-lawless-ray-santiago-michelle-hurd-bruce-campbell-dana-delorenzo-and-ted-raimi-in-ash-vs-evil-dead-season-2

Messa in Scena

La messa in scena degli episodi è superba, finalmente ritorna il virtuosismo dei film diretti da Sam Raimi; tra carrellate molto più efficaci del solito e le famose soggettive della serie dei film, il nono episodio ha una delle messe in scena migliori della stagione. Anche il decimo episodio è notevole, seppur inferiore come messa in scena.

Conclusioni

La serie si riconferma ottima anche con la seconda stagione. Unico appunto è che le forzature narrative  incominciano a farsi sentire. Ci aspetta una terza stagione che speriamo rivoluzioni un po’ le sfaccettature dei personaggi; infatti, se da un lato c’è stata molta azione, non possiamo dire ugualmente per l’approfondimento dei personaggi di Pablo e Kelly.

Ash Vs Evil Dead

7.4

Interpretazioni

7.5/10

Godibilità

8.0/10

Storia

7.0/10

Regia

7.5/10

Fotografia

7.0/10

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019