Speciale Doctor Who: i Rischi della Quattordicesima Ora

Serie TV
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 5 minuti

E’ di ieri sera la notizia che ha già colpito il fandom della più longeva serie fantascientifica nella storia della televisione, Doctor Who: l’attuale attore che interpreta il Signore del Tempo con la propensione a fuggire, Peter Capaldi, ha infatti dichiarato che la stagione che andrà in onda quest’anno sarà la sua ultima, dando quindi ad intendere che allo special di Natale di quest’anno saluteremo questa tredicesima reincarnazione del Dottore.

Capaldi

La notizia è sorprendente ma non sconvolgente, è infatti tradizione che, dopo un paio di anni (con l’eccezione di Cristopher Ecclestone che, con il suo Nono Dottore, è durato solo una stagione) l’attore che veste i panni del Dottore lasci il ruolo, sia perchè una serie tv è sempre molto impegnativa, sia perchè è rischioso per un attore diventare essere identificato per un solo ruolo, peggio se così importante culturalmente parlando come quello del Dottore.

Adesso però che sappiamo che Capaldi lascierà il ruolo tante questioni lasciate in sospeso ci tornano in mente. Il Dottore aveva a disposizione solo 12 Rigenerazioni (rispettivamente William Hartnell, Patrick Troughton, Jon Pertwee, Tom Baker, Peter Davison, Colin Baker, Sylvester McCoy, Paul McGann, John Hurt, Christopher Eccleston, David Tennant (per due volte) e Matt Smith, secondo la continuity.) e già per non far morire il Dottore dopo la sua Dodicesima Rigenerazione (Smith) i Signori del Tempo gli hanno dovuto donare dell’energia extra. Sarà quell’energia sufficiente a un’altra rigenerazione? Basterà per un’altra teorica serie da 12? A queste domande va da aggiungersi anche la confusione creata in questo conteggio con quello successo nello special del 50° Anniversario, dove l’Undicesimo e il Decimo Dottore incontravano il War Doctor, interpretato appunto dal da poco scomparso, John Hurt, ovvero il Dottore che aveva combattuto la Guerra del Tempo tra Dalek e Signori del Tempo.

33f95520-ab0c-4f8b-834f-a3380fe7f236

Difatti già contando il War Doctor come rigerazione, e considerando che viene spiegato come quella di Tennant sia sia la 10° che l’11° rigenerazione, nonostante abbia mantenuto lo stesso volto, quella di Smith risulta addirittura essere in eccesso, in quanto dovrebbe essere considerata come 13° Rigenerazione. Forse la pozione che il Dottore beve nello special prima di rigenerarsi nel War Doctor gli abbia dato un set di generazioni extra? Se sì, perchè ha avuto bisogno dell’energia dei Signori del Tempo per la transizione Smith-Capaldi? Se no, come fanno ad esserci in totale 14 Rigenerazioni? E dopo questa sfilza di domande ecco che emergei IL problema di Doctor Who.

Una serie di fantascienza non dovrebbe solo puntare sulle domande ma anche sul fornire risposte, altrimenti al lungo andare la trama si trova rosa da buchi di trama e questioni mai chiuse che sono state semplicemente dimenticate, Doctor Who, in questo suo nuovo ciclo, non è stato capace di fare la seconda importante cosa, limitandosi alla prima. Al momento la regola per guardare Doctor Who (così come tutte le serie scritte da Steven Moffat) sembra essere diventata “Non ponetevi domande, guardate e basta” ma il problema è che non si può. Doctor Who è sempre stato uno show incentrato sull’intelligenza, se non la si usa mentre lo si guarda non lo si può comprendere e quindi apprezzare. Ora però, guardandolo con il cervello acceso, per così dire, si notano anche i gravi problemi della serie.

doctor-who-photos-50th-03

Perchè il Dottore di Capaldi ha dovuto beccarsi due stagioni incentrate sulla sua compagna, Clara Oswald, senza avere l’occasione di emergere davvero come Dottore? Perchè la serie sembra essersi data al furto d’idee in modo tanto spinto da non riuscire nemmeno a dare al Dottore di Capaldi uno special che non sembri un’idea scartata per uno spin-off di Superman, solo con un titolo diverso? Perchè si è arrivati a annunciare stagioni composte di soli episodi speciali che poi comunque non risolvono quanto lasciato in sospeso nel corso della stagione precedente? Perchè Moffat ha inserito personaggi, oggetti e misteri che erano noti da più di 6 stagioni per poi lasciare tutto senza risposta e lasciare la serie?

La verità POTREBBE essere questa. Doctor Who sta cercando d’innovarsi, perchè sono passati decenni da quando era uno dei pochi show di fantascienza della televisione e deve riuscire a distinguersi ma, purtroppo, non ci riesce perchè mancano idee fresche e attori nuovi. Si trovano costretti ad incentrare tutto su personaggi secondari che non sono il Dottore e che non hanno nemmeno tutta queste centralità nella sua vita, sfornando episodi regolari, speciali o anche intere stagioni assolutamente inutili e fastidiosi e trovandosi a dover riciclare attori, scenografie, set e… idee.

doctor-who-artjpg

Diminuendo gli episodi distribuiti nel corso dell’anno,  l’obiettivo della BBC è forse proprio quello di avere più tempo per ideare nuovi archi narrativi e nuove saghe, cercando forse di ricreare quella famosa pausa, avvenuta a causa di una cancellazione, avutasi prima tra il Settimo e l’Ottavo Dottore e poi tra questo e il Nono. Ma allora perchè non mandare la serie in pausa? Perchè non lasciare qualche anno per riprendere fiato, per cercare idee e attori nuovi? In fondo Doctor Who non cadrebbe nel dimenticatoio, questo lo si è verificato dagli anni sessanta agli novanta, e ancora meno possibile sarebbe questa possibilità nel 2017, dove ormai Doctor Who ha un universo espanso non solo con i libri ufficiali, ma con i fumetti e i videogiochi e dove il fandom è più attivo che mai.

La risposta non può quindi essere solo la paura e nemmeno il desiderio di incassare, dato che franchise rimasti silenti per anni come DW, Ritorno al Futuro, Star Trek, X-Files, Firefly, hanno continuato a incassare. Forse il motivo è l’Orgoglio, una specie di “Noi saremo qui. Saremo qui per le lodi e per i fischi, per gli onori e i fischi, ma saremo sempre qui, perchè nessuno possa mai sostituirci.“. Ma è possibile ragionare in questi termini, quando si è dimostrato che le uniche serie che vanno avanti con successo sono quelle capaci di offrire davvero qualcosa? Forse la BBC dovrà essere costretta di nuovo a cancellare la serie a causa dei bassi ascolti prima di dover fare i conti con la realtà o forse no.

DW

L’unica cosa sicura è che tutti i fan di Doctor Who sperano che il futuro della serie segni un rialzo e l’inizio di un futuro migliore per il franchise, dove il passato è considerato e il presente preservato, come forse vorrebbe quel caro vecchio pazzo, con una Cabina Blu presa in prestito secoli e secoli fa, che da centinaia di anni tenta di insegnare agli umani come cercare di migliorare.

Altri articoli in Serie TV

Il futuro dell’intrattenimento è nello streaming

Redazione13 Marzo 2021

Marvel’s Helstrom: La serie per Hulu è stata cancellata prima della messa in onda?

Alessio Lonigro22 Aprile 2020

Marvel: La compagnia interrompe gli accordi con due sceneggiatori a causa del coronavirus

Alessio Lonigro21 Aprile 2020

What If…?: La produzione della serie animata dei Marvel Studios sta continuando da remoto

Alessio Lonigro16 Aprile 2020

Agents of S.H.I.E.L.D: Enver Gjokaj tornerà nei panni di Daniel Sousa nella settima stagione

Alessio Lonigro15 Aprile 2020

Agents of S.H.I.E.L.D: Rivelata la data di uscita e la sinossi della settima ed ultima stagione

Alessio Lonigro14 Aprile 2020