New Girl 6×12 – Il cubicolo

Recensioni
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

Tempo di lettura: 2 minuti

Continuiamo con New Girl dopo il ritorno di Megan Fox nei panni di Regan nel dodicesimo episodio di questa sesta stagione. Intitolato “The Cubicle“, la puntata ci mostra i primi passi verso l’imprenditoria di Cece e della sua agenzia di modelli.

Per celebrare questo importante momento, i coinquilini del loft costruiscono un cubicolo su modello ufficio usando metà del tavolo da pranzo, regalando un’idea di professionalità ma tagliando prezioso spazio per ben sei persone. Intanto Jess e Robby si trovano casualmente a discutere sul conto ospedaliero che lo stesso Robby deve saldare dopo esser stato rimesso in piedi.

New Girl 6x12

Pur mantenendo l’attenzione sulle disavventure di Cece e dei suoi Cece’s Boys (anche se può contare su un unico modello), l’episodio inserisce come riempitivo il classico istinto autodistruttivo di Jessica (Zooey Deschanel) mentre cerca di litigare in tutti i modi con Robby (Nelson Franklin). Il tutto ha un fortissimo senso di già visto ed è condito con poca, poca comicità.

Per quanto non sia necessario che una comedy faccia ridere a tutti i costi, è da qualche episodio che New Girl si sta trascinando attraverso un periodo di stanca. La speranza era che il ritorno di Regan e la presenza di Robby potessero smuovere un po’ le acque e svegliare la serie da questo torpore. Purtroppo non è stato così.

New Girl 6x12 1

Prevedibile e poco interessante, questa puntata di New Girl porta poco più in la lo stato della serie, spingendo Cece verso una carriera redditizia e mostrando la nuova casa della ex modella e di Schmidt un po’ più vicina al suo completamento. Per il resto, è un riproporre di situazioni e comportamenti già visti.

Ci vorrebbe un bel ritorno di Nadia o di Coach per rivitalizzare un po’ la situazione, contando anche che c’è ancora da affrontare la questione del matrimonio non voluto di Winston, questione attualmente irrisolta.

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019