My Hero Academia – 2×23 Giù la maschera

Recensioni
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

Tempo di lettura: 2 minuti

La seconda stagione di My Hero Academia spinge sull’acceleratore per quanto riguarda gli esami finali degli studenti della sezione A, mostrando tutta la serie di combattimenti che ci separavano dall’atteso Midoriya/Bakugou vs All Might.

Assisteremo quindi a Uraraka e Aoyama contro Numero 13, Kaminari e Ashido contro il Preside Nezu, Jirou e Kouda contro Present Mic, Hagakure e Shouji contro Snipe e infine Mineta e Sero contro Midnight. Tra tutti gli scontri proposti, si passa dal velocissimo esame di Uraraka (letteralmente buttato a caso ad inizio episodio) fino ad arrivare al sofferto ed emozionante esame di Mineta.

My Hero Academia - 2x23 Giù la maschera

Contro ogni previsione, è proprio il piccolo pervertito a dare il maggior spettacolo durante il suo esame, combattendo contro la sua voglia di lanciarsi tra le forme di Midnight e dando prova di grande forza di volontà e di coscienza della sua unicità.

Tra le altre cose interessanti di questo episodio, finalmente scopriamo l’unicità del Preside Nezu, sconosciuto fino all’episodio di oggi, e scopriremo l’unicità e la voce di Kouda nel suo scontro con Present Mic. Simpatica anche la presentazione del professore Present Mic letta da Eraserhead.

My Hero Academia - 2x23 Giù la maschera

Questo episodio di My Hero Academia non fa altro che sbrigare velocemente gli esami rimasti prima del main event di questo ciclo, ma quantomeno presenta qualcosa di emozionante qua e là e fornisce nuove informazioni sui personaggi. L’unica critica, oltre al continuo posizionamento di cartelli che annunciano nomi e unicità, è che lo scontro di Uraraka e Aoyama contro Numero 13 non ha un inizio e dura davvero pochissimo mentre sarebbe stato interessante proporre qualcosa in più.

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019