My Hero Academia – 2×13 La riunione per la scelta dei nomi

Recensioni
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

Tempo di lettura: 2 minuti

Il torneo del festival sportivo è definitivamente concluso e, dopo un piccolo salto temporale necessario alla guarigione degli studenti, My Hero Academia torna alla normale vita scolastica. Il ritorno trai i banchi, però, si rivela inaspettatamente decisivo per il futuro della loro carriera da eroi.

L’episodio di questa settimana è molto tranquillo, riportando tutti in aula per la scelta dei propri nomi da eroi, nome che probabilmente diventerà il loro alias definitivo. Tra qualche gag e una maggiore comprensione del carattere di ognuno in base al nome scelto, la puntata è scorrevole e fa da ponte tra la saga del festival scolastico e quella della prova sul campo.

My Hero Academia 2x13

Gli aspiranti eroi sono stati infatti spinti a fare esperienza con i professionisti, rimasti impressionati dalle loro gesta durante il festival sportivo o semplicemente aziende disponibili ad accogliere giovani talenti. Proprio perché le preferenze indicate sono state incredibilmente monopolizzate e per via dell’incidente dell’invasione dei villain, è stata data la possibilità a tutti gli studenti di fare la giusta esperienza.

Proprio in questa fase ci viene introdotto Gran Torino, l’eroe che si occuperà di Midoriya e che è a conoscenza del One for All, e ci viene instillato il seme della paura per Iida, determinato a fare qualcosa dopo la sorte toccata al fratello Ingenium.

My Hero Academia 2x13

Questo tredicesimo episodio di My Hero Academia è quindi un momento di calma dopo la costante tensione del festival sportivo ed una pausa, decisamente meritata, dall’azione frenetica e dai combattimenti. Staremo a vedere quanto tempo ci vorrà per far partire la nuova saga.

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019