Gundam Ironblooded Orphans – 2×24 McGillis Fareed

Recensioni
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

Tempo di lettura: 2 minuti

Con le pedine in movimento e la fine sempre più vicina, Gundam Ironblooded Orphans ci propone quel bagno di sangue che stava ormai promettendo da qualche episodio. Soli e accerchiati, la Brigata Tekka non può far altro che combattere contro le truppe di Gjallarhorn, mentre McGillis si prepara ad affrontare, da solo, la flotta spaziale di Rustal Elion.

Come il titolo stesso dell’episodio suggerisce, questa puntata è dedicata soprattutto al sognatore che ha ordito e messo in atto l’intero piano che lo ha portato in possesso del Gundam Bael, McGillis Fareed. Solo e sicuro di sé, l’uomo che vuole riformare Gjallarhorn si scaglia a testa bassa nella battaglia, al comando del suo simbolo di potere.

Dobbiamo tenere a mente, però, che Ironblooded Orphans è una serie anime abbastanza realistica e, anche se lascerà lo spazio per lo scontro finale tra McGillis e Gaelio, non tradirà il suo tratto distintivo.

Gundam Ironblooded Orphans 2x24

L’episodio concederà alla battaglia su Marte lo spazio che merita. Considerando che [SPOILER PER IL FINALE DELLO SCORSO EPISODIO] Orga è stato ucciso nei peggiori dei modi, è più che giusto aspettarsi una reazione da parte di Mika. La sua risposta è stranamente pacata, soprattutto rispetto agli altri membri della Brigata, ma sembra essere abbastanza decisa. Staremo a vedere se si accontenterà di permettere l’attuazione del piano del defunto comandante o se cercherà un qualche tributo di sangue.

Ad un passo dalla conclusione della stagione e dell’intera serie, è difficile vedere un lieto fine, almeno per la maggior parte dei personaggi principali. La cosa che più fa apprezzare Gundam Ironblooded Orphans è questa voglia di distaccarsi dalle altre serie del franchise, partendo da una base comune e imponendo barbaramente la sua realtà a forza di colpi di scena e scelte militari. Basterebbe mantenere questo atteggiamento fino alla conclusione per lasciare definitivamente il segno nel mondo di Gundam.

Gundam Ironblooded Orphans 2x24

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019