Gundam Ironblooded Orphans – 2×23 Promessa

Recensioni
Alessandro d'Amito
Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.
@Siberian89

Siberian89 o, per gli amici Sib. Geek blogger, amante di film, giochi, serie tv, fumetti, romanzi, Magic the Gathering, Hearthstone. Fanatico Caotico.

Tempo di lettura: 2 minuti

Lo scorso episodio di Gundam Ironblooded Orphans aveva tolto ogni speranza per una risoluzione non violenta della situazione in cui McGills e la Brigata Tekka si trovano. Orga, però, non ha alcuna intenzione di arrendersi ed è intenzionato ad evitare una battaglia che non può vincere.

La caparbietà con cui cerca di salvare tutti i membri della sua famiglia coincide, per una volta, con gli scopi di McGills. Proprio grazie al Gundam Bael, la Brigata Tekka riesce a eludere l’accerchiamento di Gjallarhorn e invia Orga e pochi altri membri nella speranza di trovare un modo per fuggire da Marte. Come ha detto il capo, questa è una battaglia che non si vince uccidendo qualcuno.

Gundam Ironblooded Orphans 2x23

Questo ventitreesimo episodio della seconda stagione, intitolato Promessa, sposta ancora una volta l’attenzione dal campo di battaglia a tutto il suo contorno, sottolineandone l’importanza strategica. Dall’impatto dei media sulla popolazione alle differenze di opzioni date dalla possibilità di comunicare con gli alleati, tutto è portato alla luce come parte decisiva dell’intera guerra tra le due fazioni, talmente importante da poter addirittura evitare lo scontro vero e proprio.

Ancora una volta, però, Ironblooded Orphans deve mostrare che, in guerra, non è affatto facile permettere a tutti di sopravvivere e che le morti da entrambi i lati sono praticamente inevitabili. Tra la politica, il controllo del campo di battaglia e delle informazioni, non sempre vince chi ha l’arma più potente e non sempre è possibile proteggere tutti.

Gundam Ironblooded Orphans 2x23

Come nell’episodio scorso, dopo aver evidenziato la possibilità di salvare più vite possibili, Gundam Ironblooded Orphans impone la risoluzione violenta dell’ultima battaglia tramite il corso degli eventi. Una volta ristabilita la comunicazione tra Orga e Mika, il Barbatos Lupus Rex non resterà a guardare.

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019