News
Stefano Dell'Unto

Tempo di lettura: 2 minuti

Netflix ha pubblicato il primo trailer della nuova serie anime Ghost in the Shell: SAC_2045 che arriverà nel 2020. La serie sarà diretta da Shinji Aramaki della Appleseed e da Kenji Kamiyama (Ghost in the Shell: Stand Alone Complex) e sarà realizzata da Production I.G e SOLA DIGITAL ARTS. Ilya Kuvshinow è il character designer. Sono state ordinate due stagioni da dodici episodi l’una.

La breve sinossi della serie:

Nell’anno 2045, dopo il fallimento del capitalismo globale, la squadra d’elite giapponese Sezione 9 conduce operazioni cibernetiche sotto copertura.

Leggi anche:  "Le Sirene di Gotham": Catwoman, Poison Ivy e Harley Quinn in arrivo nella quarta stagione della serie

Kamiyama e Aramaki stanno curando anche la nuova serie anime su Ultraman, il celebre supereroe giapponese, sempre per Netflix.

Il manga originale di Ghost in the Shell, creato da Masamune Shirow e pubblicato a partire dal 1989, è stato adattato nel celebre film d’animazione del 1995, diretto da Mamoru Oshii, che si è occupato anche del sequel Ghost in the Shell – L’attacco dei cyborg (2004).

Lo scorso anno è uscita la trasposizione live-action hollywoodiana con Scarlett Johansson nel ruolo della protagonista. E’ stato un flop di critica e pubblico.

E’ stata inoltre realizzata la serie anime Ghost in the Shell: Stand alone complex.

Ambientato nel XXI secolo, Ghost in the Shell è un thriller poliziesco fantascientifico che segue le vicende dell’agente Motoko Kusanagi e della Sezione di Sicurezza Pubblica numero 9, conosciuta più semplicemente come “Sezione 9”. L’unità in questione è specializzata nella risoluzione di casi e di crimini in relazione all’informatica e alla tecnologia. Nell’universo di Gits l’ingegneria robotica e le nano macchine (anche dette Micromachine) sono la normalità, e la gran parte degli uomini sono collegati alla rete, a cui possono accedere non soltanto mediante terminali fisici, ma soprattutto attraverso impianti situati nel loro stesso cervello. I cyber-cervelli per l’appunto permettono non solo di connettersi al Web, ma anche di utilizzare la propria memoria con la stessa elasticità di quella di un computer, cancellando eventi, sovrascrivendoli, o addirittura immagazzinando libri con estrema facilità. Diversi uomini sono diventati cyborg, ovvero esseri in parte organici in parte robotici. Quello che differenzia un cyborg integrale da un robot è la presenza di un cervello umano e di un ghost, ovvero dell’anima, qualcosa di intrinseco e inspiegabile che permette agli uomini di “sentire” sensazioni particolari. Il Ghost è l’istinto non mediato dai calcoli. Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale ed un’onnipresente rete computerizzata sono il palcoscenico per la rivoluzione dell’identità umana e della unicità di sé stessi. In particolare il manga affronta direttamente queste problematiche: Kusanagi ed i suoi colleghi devono affrontare minacce esterne così come soffrire conflitti interni dovuti alle loro proprie nature.

NerdPlanet consiglia...
Se volete recuperare il film con Scarlett Johansson, lo trovate qui.

Altri articoli in News

American Gods: Danny Trejo nel cast della terza stagione

Stefano Dell'Unto22 Novembre 2019

What If…?: La presenza di Robert Downey Jr. nel cast vocale è stata smentita

Alessio Lonigro22 Novembre 2019

Titans: Nightwing esordisce nel trailer della season 2 finale

Stefano Dell'Unto22 Novembre 2019

Undone: Amazon rinnova la serie animata per una seconda stagione

Sara Susanna22 Novembre 2019

The Staircase: Harrison Ford protagonista dell’adattamento

Sara Susanna22 Novembre 2019

Station 19 e Grey’s Anatomy: primo sguardo all’evento crossover di due ore

Alessandra Campodonico22 Novembre 2019