Game of Thrones, gli orrori della guerra secondo il cast

News
Avatar
Freelance Journalist | Digital Marketing Specialist | Faccio cose, vedo gente
@https://twitter.com/AleLazyCampo

Freelance Journalist | Digital Marketing Specialist | Faccio cose, vedo gente

Tempo di lettura: 3 minuti

Jon Snow, Arya Stark e il resto dei migliori combattenti di Game of Thrones devono le loro abilità non solo ai maestri che hanno incontrato e dai quali hanno potuto imparare nei Sette Regni, ma soprattutto a Rowley Irlam, il pluripremiato coordinatore stunt inglese, che ha guidato i più grandi e drammatici spezzoni dello show.

La scintilla tra il coordinatore e il mondo di George R. R. Martin è scoccata in occasione del primo volo di Daenerys a cavallo del suo drago. “Ricordo che nelle anteprime di VFX si vedeva il drago che bruciava un ragazzo, poi si voltava dall’altra parte e torceva due ragazzi, e poi altri due. Mi hanno chiesto cosa ne pensassi, e io risposi:’Dovresti provare a dare fuoco a quattro ragazzi, poi sei, poi altri sei e poi altri due’. Ho guardato tutti intorno al tavolo, credevo avrebbero pensato stessi andando un po’ troppo forte- ma molto rapidamente abbiamo ottenuto il cenno del capo”.

Leggi anche:  Gli Eterni: Kit Harington è "emozionato ma spaventato" di entrare a far parte del MCU

La partecipazione a Game of Thrones è stata una lezione importantissima per Irlam, 49 anni: “Qui ho avuto l’opportunità di non sperperare le risorse della HBO. Ho avuto un po ‘di libertà per cercare di rendere lo show il più grande e dinamico possibile”. Quando il coordinatore si è unito al team, l’enorme sequenza della battaglia in acqua dell’episodio “L’assedio” e “Il coraggio di pochi”, sull’attacco dei Bruti ai Guardiani della Notte, erano già sul tabellone. Il primo banco di prova per Rowley Irlam è stata l’epica Battaglia dei Bastardi. “Qundo ti trovi a metà della tua carriera ti auguri di non aver ancora fatto il tuo miglior lavoro. Ma la realtà delle cose è che se ripercorro tutta la mia carriera, la cosa migliore che abbia fatto è stata “La Battaglia dei Bastardi”. Mi accontenterò di quello. Stavamo cercando di far sembrare qualcosa il più energico e dinamico possibile, ma anche di proteggere tutti. Il danno collaterale non è accettabile per noi. Vogliamo che tutti tornino a casa e che ritornino il giorno successivo.”

Leggi anche:  I Care a Lot: Peter Dinklage nel cast del film

Un altro obiettivo chiave per Irlam: differenziare ogni battaglia da quella successiva. A proposito del penultimo episodio dell’ultima stagione, “Le campane”, non usa mezzi termini: “Volevamo mostrare l’orrore della guerra. Volevamo renderlo spiacevole. Non volevamo che sembrasse intrattenimento, in particolare. Abbiamo cercato di pensare alle immagini più cattive che potessimo evocare e metterle sullo schermo: un amputato con le gambe grondanti di sangue, bambini che bruciavano … Non era un gesto gratuito, stavamo cercando di mostrare cosa le persone possono farsi a vicenda”.

“Non tutti possono vivere felici e contenti”, conclude Irlam, intervistato dall’Hollywood Reporter. “Anche le persone che sopravvivono al Trono di Spade hanno il cuore spezzato. È questo il punto: è una guerra nucleare. Nessuno vince. In guerra, tutti i soggetti coinvolti perdono”.

Fonte: THR

Altri articoli in News

Marvel’s Runaways: Elizabeth Hurley rivela qualche dettaglio su Morgana Le Fay

Alessio Lonigro11 Dicembre 2019

Disincanto: in arrivo la terza parte

Alessandra Campodonico11 Dicembre 2019

Rick and Morty, Netflix Italia annuncia la quarta stagione

Alessandra Campodonico11 Dicembre 2019

Marvel Television: La divisione televisiva sarà inglobata dai Marvel Studios

Alessio Lonigro11 Dicembre 2019

Miracle Workers: Dark Ages – il trailer della serie con Daniel Radcliffe

Sara Susanna10 Dicembre 2019

Amazon Prime Video trasmetterà la Champions League in Germania

Alessandra Campodonico10 Dicembre 2019