Agents of Shield 05×09: Best Laid Plans, la Recensione – NO SPOILER

Recensioni
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 3 minuti

Agents of Shield è la serie Marvel co-prodotta da Marvel Television e ABC, trasmessa da quest’ultima rete televisiva in America, che vede protagonisti il gruppo di Agenti dello Shield guidati dall’Agente più noto ai fan del Marvel Cinematic Universe, Philip J. Coulson. Best Laid Plans è il titolo della nona puntata della quinta stagione di questa serie.

Il cast principale è composto da: Clark Gregg, Chloe Bennet, Elizabeth Henstrisge, Min-ga Wen, Henry Simmons, Natalia Cordova-Buckley Ian DeCaestecker.

L’importanza della speranza

Questo nono episodio di Agents of Shield è letteralmente una buona continuazione dell’ultimo episodio, ma nonostante questo bisogna continuare a ricordare che questo non è il terzo episodio, ma il nono, e che la serie Marvel/ABC è in ritardo con la costruzione e lo sviluppo di trama e personaggi.

Ora molti degli elementi che sembravano assolutamente casuali e non collegati alla trama (o all’evoluzione dei personaggi principali), negli episodi precedenti, sembrano cominciare ad avere un senso ma, mentre questo accade con alcuni vecchi elementi, non accade con altri ancora in attesa di una spiegazione e con dei nuovi elementi che hanno un forte potenziale distruttivo nei rispetti della trama.

In tutto questo è innegabile come Agents of Shield si sia qualitativamente ripresa di molto nei contenuti, negli effetti speciali e nella regia, un miglioramento che fa ricordare a tutti i fan della serie, della Marvel e dell’MCU l’importanza di non perdere la speranza.

Dèjà-vu stellare

Mentre la regia di Agents of Shield sembra essersi ripresa e gli effetti speciali sembrano essere tornati al loro livello qualitativo nella media, lo stesso non si può dire di recitazione e sceneggiatura.

Questa infatti, per quanto abbia mostrato un’interessante, anche se tardiva, evoluzione, non è riuscita a lasciarsi alle spalle gli errori degli episodi passati che, oltre ad avere conseguenze considerevoli sulla trama attuale, vengono peggiorati da nuovi errori della stessa natura.

I dialoghi di alcuni personaggi principali restano imbarazzanti, difetto reso ancora più grave dalla recitazione degli attori che li interpretano. Perchè mentre personaggi come quello di Ming-Na Wen sembrano essersi finalmente evoluti e caratterizzati in un modo non prevedibile, anche se un po’ troppo improvviso, e l’attrice riesce a renderlo in modo molto realistico, lo stesso non si può dire degli altri personaggi principali che la circondano.

Paradossalmente i personaggi secondari di Agents of Shield continuano ad essere molto interessanti, ben costruiti e utilizzati, anche se alcune scelte di sceneggiature operate nei loro confronti paiono fin troppo discutibili.

Nero finale

Se da una parte l’episodio Best Laid Plans è la conferma che nessuna trama o serie tv può migliorare di botto dopo un inizio lento o non soddisfacente, dall’altra è la dimostrazione che un buon lavoro dai creativi e dai tecnici può far riprendere un progetto, così, mentre si parla dei possibili collegamenti tra la quinta stagione di Agents of Shield e Infinity War, ecco che concludiamo questa recensione dicendo che l’episodio è solido e godibile, ma non adatto a convincere circa il futuro della stagione (o della serie).

Best Laid Plans

0.00
7.1

Trama

7.7/10

Regia ed Effetti speciali

7.7/10

Costruzione della trama e caratterizzazione dei personaggi

7.5/10

Scorrevolezza e Godibilità

6.5/10

Recitazione

6.3/10

Pros

  • I personaggi secondari continuano ad essere ben scritti e realistici
  • Episodio solido, all'altezza dell'ultimo
  • Buona evoluzione della trama...

Cons

  • Non adatto a tutti gli spettatori
  • ... ma troppo in ritardo.
  • Cattivo impossibilitato ad esprimere il suo potenziale con questo ritardo
  • Personaggi principali a volte ancora imbarazzanti nei dialoghi
  • Il prosieguo della serie non sembra ancora al sicuro

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019