Recensioni
Carmen Graziano
Gamer appassionata di Cinema, Anime, Manga, Serie TV e tutto ciò che riguarda Tecnologia ed Intrattenimento. Si narra che nella vita faccia anche altro, ma non ne siamo così sicuri...

Gamer appassionata di Cinema, Anime, Manga, Serie TV e tutto ciò che riguarda Tecnologia ed Intrattenimento. Si narra che nella vita faccia anche altro, ma non ne siamo così sicuri...

Tempo di lettura: 6 minuti

Quando due anime romantiche si incontrano durante una giornata di pioggia è li che nasce la storia senza tempo che sta affascinando gli amanti degli anime e dei manga: After the Rain.

Da un’idea di Jun Mayuzuki, autore del manga uscito nel Giugno 2014, e dalla regia di Ayumu Watanabe, la serie anime di After the Rain è un adattamento di 12 episodi che rispecchia a pieno il manga e l’ideologia delle persone nell’era moderna riguardante l’amore.

Ogni singolo episodio della serie racchiude un’esperienza emozionale che dà la possibilità allo spettatore di affezionarsi ai personaggi ed immergersi in una storia che racconta di un amore impossibile.


Titolo: After the Rain
Titolo in lingua originale: Koi wa ameagari no yō ni (lett.: “L’amore è come dopo la pioggia”)
Genere: Sentimentale
Autore manga: Jun Mayuzuki (2014)
Regia anime: Ayumu Watanabe
Colonne sonore: Ryō Yoshimata
Streaming: Prime Video
Lingua: Giapponese (Sub. Italiano)
Totale episodi: 12
Durata episodi: 23′
Data di uscita: 11 Gennaio 2018


Trama

Un giorno di pioggia Akira Tachibana, una studentessa liceale, si ritrova a riflettere sulla sua vita in un bar, il Garden Cafe, poco fuori dalla sua città mentre attende che l’incessante temporale si attenui per poter finalmente ritornare a casa. E’ proprio qui che, per la prima volta, incontrerà qualcuno che le farà battere il cuore avvicinandosi a lei con un caffè ed un caldo sorriso per allietarle la giornata. Questo gesto così inconsueto nei suoi confronti la rende così felice da avere il desiderio di ritornare per incontrare quella persona che è stata così gentile con lei. Scoperto che costui è Masami Kondou, il direttore del locale, decide di fare di tutto per farsi assumere occupando ogni momento libero delle sue giornate.

Lavorando part-time al Garden Cafe, Akira inizia a sviluppare dei sentimenti per il signor Kondou, nonostante il forte divario di età (lei quindicenne e lui quarantacinquenne). Continuando a trascorrere le giornate insieme nel locale, iniziano ad avvicinarsi, rafforzando così i sentimenti di Akira. Con determinazione inizia ad instaurare un rapporto di amicizia con il direttore del locale cercando di trascorrere più tempo possibile in sua compagnia ed aiutandolo con il figlio avuto dal precedente matrimonio. Colta da queste intense emozioni che non riesce più a gestire, Akira decide di confessargli la sua attrazione, con dei risultati lenti ma davvero inaspettati.

Intanto, Akira riflette sulla sua vita ed, essendo un’ex track runner, è colta da sentimenti contrastanti riguardanti questa sua passione. Non è stata più in grado di gareggiare come prima, dal momento che ha subito un grave infortunio al piede. Nonostante tutto, le parole di chi le sta intorno e la forte amicizia che si sta disgregando con la sua amica secolare e compagna di corse la fanno riflettere, tanto da iniziare ad immaginare di poter fare qualcosa a riguardo nel futuro.

“Non importa quante volte cadi, finché ti alzi di nuovo …”

Tecnica

Complessivamente, la tecnica utilizzata in questo anime rispecchia la trama.

Disegni

I disegni, con i tratti sottili e ben definiti in pieno stile classico dei manga, creano un’atmosfera romantica ed emozionante che viene completata dai colori pastello che danno la sensazione di essere stati eseguiti con la tecnica dell’acquerello. Anche le proporzioni delle persone e degli oggetti sono stati ben studiati per rendere il tutto il più vicino possibile alla realtà. Il creatore Jun Mayuzuki ha saputo fare davvero un ottimo lavoro con queste tavole, dando la stessa importanza sia al manga che all’anime, aprendosi al pubblico a tutto tondo.

Doppiaggio

Il doppiaggio, momentaneamente solo in lingua giapponese, rispecchia la personalità dei singoli personaggi. Infatti, ad ognuno di loro sono stati affidati una voce ed un ritmo adatti a far emergere il proprio carattere. Ad esempio, il ritmo della voce di Akira risulta molto lento ma allo stesso tempo deciso, questo fa notare la riflessività del personaggio e la propria inesperienza.

Sottotitoli

I sottotitoli sono stati tradotti letteralmente dalla lingua originale evitando di censurare dettagli importanti ed adattando i modi di dire nipponici ai nostri. Nonostante ancora non vi sia un doppiaggio in italiano, la visione di questo titolo accompagnata dai sottotitoli non rende complicato seguire la serie, grazie alla velocità di dialogo che viene utilizzata nell’anime. In aggiunta, date le ripetizioni di alcuni termini nel susseguirsi degli episodi, riuscirete anche ad imparare qualche piccola perla di questa lingua oltreoceano.

Colonne sonore

Le colonne sonore, scritte da Ryō Yoshimata, riescono a riempire gli spazi vuoti del doppiaggio ed a fare da sottofondo durante i dialoghi. Si nota particolarmente come queste siano state create appositamente per quelle scene. Sia le tonalità che gli strumenti utilizzati creano il giusto equilibrio senza mai stonare. Anche la sigla iniziale è stata creata appositamente per la serie, come si usa fare in Giappone per gli anime, descrivendo a grandi linee la storia di questa romantic novel.

Il Live Action

La serie è riuscita a conquistare così tanto il pubblico che i creatori e produttori hanno deciso di estrapolare un live action da questa commedia sentimentale. Attualmente è disponibile il trailer ed uscirà nei teatri giapponesi il 25 Maggio. Non si sa ancora se e quando sarà portato nel resto nel mondo ma, per il momento, ci godremo questi pochi minuti di video.

Il nostro parere

Quando per la prima volta ci si avvicina ad After the Rain, si potrebbe fraintendere le intenzioni del creatore con qualcosa di completamente diverso. E’ molto facile confondere questa storia come qualcosa di malsano ed inopportuno, ma non è assolutamente questa l’intenzione di chi l’ha concepita.

Ovviamente, molti con la mente piuttosto chiusa potrebbero credere che sia solo un modo per sfogare una propria fantasia, ma After the Rain fa qualcosa di diverso e molto più psicologico, mette alla prova i sentimenti delle persone sottoponendoli ad una sorta di test. In realtà questo è uno degli anime più innocenti e romantici di tutti i tempi, che riesce a sovrastare le leggi morali ed a portare chi lo guarda a capire di più su sé stessi e sull’amore. 

Quello che After the Rain prova a farci capire è che sia l’amore per una persona oppure la passione per un’attività che ci piace, non dobbiamo permettere a niente ed a nessuno potrebbe mettersi tra noi e ciò che desideriamo.

Questa storia intreccia due grandi problematiche che da sempre mettono in difficoltà le persone: la differenza d’età e la paura di fallire. Sia la prima, apparentemente la più insormontabile e che viene mostrata nella trama principale, che la seconda, che si intreccia nella trama come storia secondaria, ed anche i risvolti che queste storie prendono alla conclusione della serie, di cui non vi parliamo per evitare lo spoiler, mettono lo spettatore sotto una sorta di test interpersonale facendoci riflettere accuratamente sui sentimenti e sul valore dell’amicizia.

Consigliamo, dunque, la visione agli appassionati del genere e di lasciarci la propria opinione nei commenti.

After the Rain

8.7

Trama

8.7/10

Disegni

9.0/10

Doppiaggio

9.0/10

Sottotitoli

8.0/10

Colonna sonora

8.7/10

Pros

  • Una storia d'amore senza secondi fini
  • Disegni e colori ben fatti
  • Colonne sonore che contornano bene le scene

Cons

  • Momentaneamente non ha un sequel
  • Facilmente fraintendibile

Altri articoli in Recensioni

Sex Education 2 Recensione, audace masterclass di vita

Martina Cofano7 Gennaio 2020

The Witcher Recensione, il secondo volto del destino targato Netflix

Martina Cofano20 Dicembre 2019

Atypical 3 Recensione, una seduta terapeutica con la famiglia Gardner

Martina Cofano6 Novembre 2019

Baby 2 Recensione, le luci della notte sopra Roma

Martina Cofano22 Ottobre 2019

El Camino Recensione, il ritorno del figliol prodigo

Martina Cofano17 Ottobre 2019

Disincanto 2 Recensione, il nuovo falso impero di Matt Groening

Martina Cofano26 Settembre 2019