Hollywood Memories
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 4 minuti

Bentornati nella nostra rubrica Hollywood Memories che ha l’obiettivo di farvi scoprire e riscoprire delle perle del cinema mondiale. Quest’oggi parleremo di un film che è stato tanto importante che ha lanciato una scena che riposa immortale nella memoria di tutti noi. Il film in questione è La Guerra Lampo dei Fratelli Marx.

Questo film del 1933, diretto da Leo McCarey, è un colosso del genere comico interpretato da dei giganti del mondo della commedia americana e non: i Fratelli Marx o, più precisamente, Groucho, Gummo, Zeppo, Chico e Harpo. Molti di voi si stanno chiedendo chi sono questi uomini (e che razza di nomi hanno) e questo è parte del problema.

I Fratelli Marx sono sicuramente uno dei gruppi di comici più importanti di sempre, hanno raccontato storie che sono capaci di divertire anche a distanza di quasi un secolo, sottolineo quasi. Sono stati capaci di modellarsi così tanto rispetto alle maschere da loro scelte che se magari almeno il nome Groucho Marx vi è noto, certamente non avete idea di chi sia Julius Henry Marx (stessa persona ma questo è il suo nome vero).

I fratelli Marx, e in particolare Groucho, sono diventati in prima persona simboli della comicità, tanto da raggiungere l’immortalità grazie ai loro personaggi (letteralmente, dato che Julius Henry Marx è morto il 19 Agosto 1977 ma Groucho Marx vive ancora ed è l’insostituibile assistente di Dylan Dog).

Se volete fare la conoscenza di questi geni del cinema, se volete avere l’opportunità di andare oltre il mito e apprezzare gli uomini che lo hanno costruito o anche semplicemente se volete farvi delle grandi risate, guardate La Guerra Lampo dei Fratelli MarxDuck Soup, in lingua originale.

Una storia semplice ma coinvolgente, satira politica, cospirazioni, sketch e gag diventati immortali sono i mezzi con cui i Marx hanno dato vita a un film che è una perla del suo genere e del cinema tutto. Ovviamente non tutti i meriti vanno a loro, scenografia, costumi e regia sono davvero eccezionali.

Le metafore scelte in questo film per veicolare i messaggi satirici sono così ben scelti che ci fanno ricordare come la commedia non sia fondata sul presupposto della stupidità dello spettatore, come sembra dalle commedie moderne, ma sulla sua intelligenza. Possiamo infatti dire che le battute del film sono disposte su almeno due diversi livelli.

Il primo livello è quello che permette a qualunque spettatore di godersi il film e divertirsi. E’ il livello in cui vediamo sketch che sono alla portata di tutti e infraintendibili. E’ un livello fondamentale per tutte le commedie ma su cui non si può mai puntare troppo per evitare di scadere in una comicità povera che potrebbe diventare altrimenti facilmente noiosa.

Il secondo livello è quello in cui troviamo riferimenti storici e politici, la vera satira, ma tutto distribuito con una tale maestria da far divertire di più chi può cogliere questi contenuti e goderseli, certo, ma senza pesare sul resto del pubblico, che si trova comunque davanti a delle scene divertenti anche quando non si ha accesso al loro riferimento corrispondente.

Per assurdo questo capolavoro è proprio uno di quei film che risente del fenomeno del dimenticatoio, almeno in Italia. In America i Marx sono ancora immortali, Woody Allen ne è un grande estimatore e ha scritto molti film che lo dimostrano, perfino in Breaking Bad c’è un riferimento ai Marx. Il problema sembra essere principalmente in Italia dove, ad esempio, il cofanetto in blu-ray contenente quattro film dei Marx non è stato nemmeno rilasciato.

E’ con la promessa di un sicuro divertimento che noi di NerdPlanet.it vi consigliamo questo film, questi fratelli e la loro Zuppa di Anatra e chissà che anche voi non scopriate di amare questi attori e comici e decidiate di scoprire altri loro tesori che per quanto seppelliti sotto la memoria della collettività nostrana, non saranno mai troppo celati o troppo nascosti per chiunque voglia riscoprirli.

Altri articoli in Hollywood Memories

Cantando sotto la pioggia (1952): cantando del passato con un piede nel futuro

Angelo Tartarella16 Febbraio 2018

Metropolis: anniversario di un capolavoro del cinema mondiale

Angelo Tartarella10 Gennaio 2018

Nemico Pubblico (1931), Gli Angeli con Faccia Sporca (1938) e La Furia Umana (1949): it’s James Cagney time!

Angelo Tartarella15 Giugno 2017

Frankestein Junior (1974), L’Aereo più pazzo del Mondo (1980): quando la parodia ben fatta vale più dell’originale

Angelo Tartarella4 Maggio 2017

Invito a cena con delitto (1976): ironia, omicidi e citazioni geniali

Angelo Tartarella27 Aprile 2017

Due o tre cose che so di lei – Godard, la donna e la région parisienne

Imma Marzovilli20 Aprile 2017