Yeah! Science, bitch! – Intervista a Pierz a Lucca Comics & Games 2016

Fumetti
Claudia Padalino
Dal 1988, appassionata di fumetto d'autore, non d'autore, graffiti e disegnini fatti mentre si telefona. Laureata in Editoria e comunicazione aziendale, collabora con alcuni festival pugliesi per la promozione e la diffusione del fumetto italiano. Il suo sogno: riuscire a portare come ospite in Italia Alan Moore.

Dal 1988, appassionata di fumetto d'autore, non d'autore, graffiti e disegnini fatti mentre si telefona. Laureata in Editoria e comunicazione aziendale, collabora con alcuni festival pugliesi per la promozione e la diffusione del fumetto italiano. Il suo sogno: riuscire a portare come ospite in Italia Alan Moore.

Tempo di lettura: 4 minuti

Di fumetti che trattano di scienza ce ne sono veramente pochi, di fumetti illuminanti ancora meno. Pierz prende in mano la situazione con Science, bitch! (ProGlo) dove ci illustra una storia capitatagli veramente con un testimone di Geova.

Chi non si è mai trovato ad affrontare un testimone di Geova e sostenere le proprie idee fino allo sfinimento? Nessuno ha però fatto caso che questi testimoni in realtà…

Abbiamo intervistato l’autore durante questa Lucca Comics & Games 2016, tra una birra e due risate.

pierz1

Science, bitch! è un fumetto illuminante, apre gli occhi al mondo reale e alla sua visione da parte della massa. Quando hai avuto questa illuminazione?

P: È tratto da una storia vera: ero in giro con il mio cane, mi ferma un testimone di Geova e senza dirmi “buonasera“, “come va”, ecc, mi ha detto “L’evoluzione è solo una teoria”. Così. Io sono rimasto un attimo come un cerbiatto abbagliato dai fari di una macchina, non sapevo cosa dire. Infatti sono rimasto abbastanza stordito; sono tornato a casa, ho scritto questo episodio su Facebook e mi hanno detto “Facci una vignetta!”. E invece ne ho fatto un fumetto. Ho parlato di questo episodio ad amici e ho capito che l’evoluzionismo è compreso da poche persone. Davo per scontato che tutti fossero a conoscenza di questa teoria: dato che siamo nel 2016, una persona sa come siamo arrivati qui tramite il processo evolutivo. Invece no, c’è quello che dice che gli alieni si sono scopati le scimmie, quello che dice che Dio stava senza niente da fare e ha preso il fango per trasformarlo in Lady Gaga… Insomma, ho sentito la necessità di smentirli.

Che tipo di ricerca hai dovuto fare per inserire le teorie religiose all’interno del fumetto?

P: Per quanto riguarda gli studi paleantropologici, sono tutti personali, fatti in precedenza. Ho rispolverato libri per scrivere il fumetto. Però non ho voluto fare un fumetto divulgativo, pesante, infatti è colmo di battute: ad esempio un libro di oltre 500 pagine è riassunto in una battuta sulla merda. Preferisco dare al lettore degli input divertenti per fargli conoscere una cosa, poi sta a lui informarsi sui testi di scienza veri e propri. Per quanto riguarda le religioni, mi sono limitato a trascrivere frasi che ho sentito veramente, tutte anti scientifiche. Poi non mi interessa studiarle, tranne gli ufologi: loro li sto studiando bene. Sono buffi, si credono razionali; tecnicamente sarebbero atei. Sono molto incuriosito da loro, infatti ho visto anche alcune loro conferenze (prendendo prima il Maloox…).

Come si è evoluto il fumetto dal volumetto Genesis (uscito lo scorso Lucca) fino a Science,bitch! (struttura, contenuti, ecc.)?

P: In teoria Science, bitch! sarebbe dovuto uscire lo scorso Lucca Comics & Games, solo che in quel periodo avevo appena cambiato la tavoletta grafica. Non mi trovavo bene, non avevo ancora preso la mano e non mi sentivo di fare il fumetto in quelle condizioni. L’avevo già programmato con ProGlo, quindi, in sostituzione, abbiamo fatto questo volumetto di preview rimandando l’appuntamento al Lucca successivo. Genesis quindi è nato perché non mi andava di pubblicare l’opera completa che non mi avrebbe soddisfatto al 100%, almeno fino a quando non avessi preso la mano con la nuova tavoletta grafica.

pierz

Chi è il pubblico a cui è indirizzato il fumetto?

P: A me! Secondo me, mancava un fumetto sul rapporto tra evoluzionismo e religione, tra scienza e religione.  Avrei voluto vedere un fumetto del genere, ne ho trovati davvero pochi in giro, quindi ho pensato “Lo faccio io!”… in fondo so fare fumetti!

Come autore, continueresti a lavorare da solo o con qualcuno? Con chi ti piacerebbe lavorare?

P: In passato, lavorare con Davide (La Rosa, ndr) è stato stupendo. La Bibbia 2 è stato un fumetto che nasceva in maniera sequenziale, ovvero una pagina alla volta. Io gli mandavo in chat una vignetta disegnata da me e lui mi rispondeva con un’altra vignetta, senza sapere l’altro come avrebbe risposto. C’è stata una forte intesa. Ritrovare qualcuno con cui fare una cosa del genere sarebbe stupendo. Mi piacerebbe anche trovare qualcuno che mi disegni le storie, perché è una cosa che non ho mai fatto. Ci sono un sacco di disegnatori bravi che fanno webcomic, tipo i collettivi, Dick and Cok… ce ne sono parecchi! Se un giorno qualcuno avesse voglia di fare qualcosa con me, io mi presterei volentieri. Con Davide era diverso, ognuno scriveva le sue stronzate che si collegavano tra loro, senza una sceneggiatura di fondo. Mi piacerebbe provare a fare lo sceneggiatore.

Allora lanciamo un appello: Pierz cerca un disegnatore!

P: Non pago, eh!

Come hai vissuto questo cinquantennale del Lucca Comics & Games?

P: Sto quasi sempre allo stand, quindi come autore ho lavorato molto. Lunedì abbiamo quasi finito le copie, forse martedì riuscirò a farmi un giro per gli stand. Ho fatto un giro veloce e non vedo la differenza con gli anni passati.

Hai già qualche progetto in cantiere?

P: Si, ma ssshhh… è segretissimo. Sono in contatto con un editore, per ora non posso dire nulla.

Rimarrai sulla linea anti-clericale?

P:No, ho già dato, va bene così. Nonostante La Bibbia 2 sia andata molto bene (siamo arrivati alla sesta ristampa), penso di aver affrontato in maniera esaustiva l’argomento. Esplorerò altri lidi!

Grazie mille per il tempo concesso!

P: Grazie a voi ragazzi! E un saluto a tutta la redazione!

Altri articoli in Fumetti

bao publishing

Bao Publishing presenta Nuvole Bianche

Redazione19 Febbraio 2020

Valiant Entertainment: Shadowman ritorna con una nuova serie

Gioele Paglia18 Febbraio 2020

Marvel Comics: Giant-Size X-Men: Magneto cambia disegnatore

Gioele Paglia18 Febbraio 2020

DC Comics: La serie di Supergirl si concluderà con il numero 42

Gioele Paglia17 Febbraio 2020
san valentino

NERD5 – Cinque comics per San Valentino

Andrea Prosperi14 Febbraio 2020

Dc Comics ha annunciato l’evento Dark Nights: Death Metal

Gioele Paglia14 Febbraio 2020