Wonder Woman smetterà di essere ambasciatrice dell’ONU prima del previsto

Fumetti
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 2 minuti

Vi abbiamo già parlato di come Wonder Woman, celebre principessa amazzone ed eroina dell’Universo Fumettistico della DC Comics, fosse stata scelta dalle Nazioni Unite come Ambasciatrice Onoraria per la campagna di Responsabilizzazione di Ragazze e Donne (potete trovare qui l’articolo originale) ebbene pare che questo suo mandato, tanto strordinario e importante da aver portato alla presenza di grandi nomi sia della DC che dell’ONU, finirà molto prima del previsto.

Il mandato, originariamente annunciato come destinato a continuare anche nel 2017 finirà invece il 16 Dicembre 2016. E’ vero che, ricordando le proteste dei 50 impiegati delle Nazioni Unite che si sono opposti alla nomina con uno sciopero silenzioso durante la cerimonia, potrebbe sembrare che questa fine anticipata sia una conseguenza di quel malcontento e delle cattive influenze che la scelta di Wonder Woman come Ambasciatrice ONU avrebbe invece dovuto evitare, portando alla valorizzazione dell’iniziativa delle Nazioni Unite.

ww

Anche prima di questo gli impiegati dell’ONU che avevano voluto opporsi alla nomina di Diana Price/Wonder Woman, annunciata questo Ottobre, avevano dato inizio ad una raccolta di firme online motivandola dicendo: “nonostante i creatori originali intendevano che Wonder Woman che rappresentasse una forte e indipendente donna ‘guerriero’ con un messaggio femminista, la realtà è che l’attuale iterazione del personaggio è quella di una donna con un grande seno, di impossibile proporzioni, seminuda in un luccicante vestito che lascia il corpo seminudo con un motivo in stile bandiera americana e stivali alti fino al ginocchio — il comendio di una ‘pin-up’ girl.”.

Alla cerimonia avevano preso parte il Presidente della DC Entertainment Diane Nelson così come le attrici di Wonder Woman Lynda Carter e Gal Gadot, oltre ai succitati protestanti silenziosi.

lynda-carter-and-gal-gadot

Al momento l’ONU non ha dato una risposta ufficiale circa il motivo per cui la campagna di Wonder Woman stia finendo ora. Un portavoce ufficiale, Jeffrey Brez, ha solamente detto che campagne che coinvolgono personaggi immaginari durano sempre solo pochi mesi. Secondo la DC, una programmata edizione speciale di un fumetto di Wonder Woman focalizzato sulla responabilizzazione di donne e ragazze, annunciato ad Ottobre, è ancora programmato per essere pubblicato.

Altri articoli in Fumetti

In The Amazing Spider-Man #850 ritornerà Green Goblin

Gioele Paglia16 Giugno 2020

Marvel Comics annuncia l’arrivo di una nuova serie di Iron Man

Gioele Paglia16 Giugno 2020

DC Comics estende temporaneamente l’accordo con Diamond Comic Distributors

Gioele Paglia15 Giugno 2020

Alexandra Monir scriverà un romanzo su Black Canary

Gioele Paglia9 Giugno 2020

IDW Publishing annuncia ufficialmente le sue nuove strategie di distribuzione

Gioele Paglia8 Giugno 2020

Diamond Comic Distributors commenta ufficialmente l’abbandono della DC Comics

Gioele Paglia8 Giugno 2020