The Walking Dead: muore uno storico personaggio della serie, Robert Kirkman motiva la sua scelta

Fumetti
Gianfranco Autilia

Tempo di lettura: 2 minuti

Attenzione! Il seguente articolo contiene importanti spoiler.

Un grande colpo di scena ha sorpreso i fan d’oltreoceano di The Walking Dead: il 191° episodio della serie a fumetti si è infatti concluso con il protagonista Rick Grimes che viene sparato e ferito mortalmente da Sebastian Milton, il figlio del Governatore Pamela Milton. Il numero seguente, ossia The Walking Dead #192, ha infine mostrato Grimes venire nuovamente sparato e quindi ucciso dallo stesso Sebastian, per poi tornare come zombie e venire fatto fuori definitivamente da suo figlio, Carl Grimes. Il personaggio reso celebre sul piccolo schermo dall’attore Andrew Lincoln è quindi passato a miglior vita, lasciando non poco sconcerto tra i lettori. Lo sceneggiatore Robert Kirkman ha motivato questa sua scioccante scelta attraverso la pagina della posta, dove ha scritto le seguenti frasi.

“Il decesso di Rick è stato programmato prima ancora di qualsiasi altra morte della serie. Ho lavorato a tutto ciò fin da quando ho cominciato a scrivere… la prima uscita. Questo non lo rende più facile, ma è stato qualcosa a cui mi sono sempre più abituato con il corso degli anni che diventavano mesi e poi settimane… sapevo che quel momento sarebbe arrivato. Addirittura prima che introducessimo Sebastian Milton (nel #177) sapevo che sarebbe stato colui che avrebbe ucciso Rick Grimes. Per quasi un decennio io sapevo che Rick avrebbe scelto di preservare il Commonwealth a qualunque costo… cosa che gli sarebbe costata la vita. Per tantissimi anni ho affermato nelle interviste che tutti sarebbero morti in questa storia, e che perfino Rick Grimes non sarebbe sopravvissuto fino alla fine. Finora questa è sempre stata la storia di Rick, dato che lo scrivo dalla prima uscita, ma non vuol dire che lui debba essere vivo per avere una presenza nella serie. Questa è la storia di un mondo, non di un uomo… è la storia di un mondo profondamente influenzato da quell’uomo, come vedremo a partire dal prossimo numero… ma questa non è una storia incentrata esclusivamente su Rick.”

Kirkman ha in seguito spiegato che capisce se le persone sono arrabbiate o sconvolte dalla morte di questo cruciale personaggio, ma ha comunque promesso che “la prossima e le future altre uscite continueranno a essere come The Walking Dead. Dopo 192 albi, spero di essermi guadagnato un po’ di fiducia“. L’autore ha tra l’altro aggiunto che questa sua importante decisione non è dipesa in alcun modo dal fatto che Andrew Lincoln abbia lasciato lo show di AMC.

Scritti da Robert Kirkman, The Walking Dead #191 e 192 sono disegnati e inchiostrati rispettivamente da Charlie Adlard e dal nostro Stefano Gaudiano. Quest’ultimo ha dato il suo addio alla testata proprio con il #192, che presto sarà ristampato con una nuova copertina commemorativa.

Vi informiamo che The Walking Dead #193 esordirà nelle fumetterie statunitensi questo 3 luglio.

Fonte: CBR e CBR

Altri articoli in Fumetti

In The Amazing Spider-Man #850 ritornerà Green Goblin

Gioele Paglia16 Giugno 2020

Marvel Comics annuncia l’arrivo di una nuova serie di Iron Man

Gioele Paglia16 Giugno 2020

DC Comics estende temporaneamente l’accordo con Diamond Comic Distributors

Gioele Paglia15 Giugno 2020

Alexandra Monir scriverà un romanzo su Black Canary

Gioele Paglia9 Giugno 2020

IDW Publishing annuncia ufficialmente le sue nuove strategie di distribuzione

Gioele Paglia8 Giugno 2020

Diamond Comic Distributors commenta ufficialmente l’abbandono della DC Comics

Gioele Paglia8 Giugno 2020