Ricordando Charles Shulz: il padre dei Peanuts avrebbe compiuto oggi 94 anni

Fumetti
Avatar
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi Charles Shulz avrebbe compiuto 94 anni, ed è doveroso ricordarlo nel corso di questa giornata. Nacque nel 1922 in Minnesota e i suoi genitori si chiamavano Carl e Dana. Già dalla giovane età il Shulz amava disegnare, ma spesso il suo lavoro non veniva apprezzato tra i compagni a scuola. Il 1940 fu un anno funesto per il famoso fumettista, venne, infatti, chiamato ad arruolarsi e a prestare il servizio militare per quella che fu la terribile Seconda Guerra Mondiale. Shulz rimase nell’esercito fino alla fine della guerra nel 1945, per poi fare ritorno a casa e l’anno successivo fece tornare a galla la sua passione per i fumetti rimasta sopita per troppo tempo.

trad59

Certamente tutti noi lo ricordiamo per il suo magistrale lavoro e per la creazione dei Peanuts, la popolare striscia pubblicata in più di 2600 giornali, ma egli realizzò molte altre comic strips, più di 18000. Ebbe la genialità di creare personaggi come Charlie Brown e Snoopy, icone senza tempo, che anche nella contemporaneità hanno ancora qualcosa da dire. L’industria del fumetto di oggi guarda alle creazioni di Shulz come qualcosa di inarrivabile, per la loro semplicità e per il loro spessore etico. Molti artisti contemporanei continuano a citarlo nelle loro opere, ed è fonte di ispirazione per tutta la cultura contemporanea.

La grandezza dell’opera di Shulz è proprio quella di essere universale e di abbattere le barriere del tempo e dello spazio. Continueremo a leggere i Peanuts per sempre, e il loro creatore ispirerà le nostre e le generazioni future.

Buon compleanno Charles e grazie di tutto.

Altri articoli in Fumetti

In The Amazing Spider-Man #850 ritornerà Green Goblin

Gioele Paglia16 Giugno 2020

Marvel Comics annuncia l’arrivo di una nuova serie di Iron Man

Gioele Paglia16 Giugno 2020

DC Comics estende temporaneamente l’accordo con Diamond Comic Distributors

Gioele Paglia15 Giugno 2020

Alexandra Monir scriverà un romanzo su Black Canary

Gioele Paglia9 Giugno 2020

IDW Publishing annuncia ufficialmente le sue nuove strategie di distribuzione

Gioele Paglia8 Giugno 2020

Diamond Comic Distributors commenta ufficialmente l’abbandono della DC Comics

Gioele Paglia8 Giugno 2020