Premio Artemisia 2018: La Francia premia Lorena Canottiere e il suo Verdad

Fumetti
Avatar
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino, Matera e Padova. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Grand Prix Artémisia 2018, (importante riconoscimento francese che premia autrici di fumetto internazionale e che prende il nome dalla spesso dimenticata pittrice italiana Artemisia Gentileschi) ha premiato la fumettista italiana Lorena Canottiere, autrice di Verdad, edito in Italia da Coconino Press.

Sinossi: Il romanzo a fumetti parte col raccontare la storia di Verdad, una bambina di otto anni che vive con la propria nonna in un piccolo paese spagnolo. Sua madre la abbandonò in fasce per inseguire il sogno di vivere a “Monte Verità“, una comune anarchica stanziatasi nel Canton Ticino (Svizzera), dalla quale deriva il nome della protagonista, Verdad, che si traduce, appunto, “Verità”.

L’opera di Lorena Canottiere non è la sola che ha vinto al Premio Artemisia 2018. Gli altri vincitori in diverse sezioni sono stati i seguenti:

Grand Prix Artémisia 2018: Lorena Canottiere per Verdad (Ici Même)

• Prix Artémisia de la Fiction historique 2018: Julia Billet e Claire Fauvel per La Guerre de Catherine (Rue de Sèvres)

• Prix Artémisia Humour 2018: Aude Picault per Idéal Standard (Dargaud)

• Prix Artémisia Avenir 2018: Cécile Bidault per L’écorce des choses (Warum)

• Mention Spécial du combat féministe 2018: Leïla Slimani e Laetitia Coryn per Paroles d’honneur (Les Arènes)

• Mention spéciale du dessin 2018: Daria Schmitt per Ornithomaniacs (Casterman)

• Mention spéciale du documentaire 2018: Gwénola Morizur e Fanny Montgermont per Bleu Pétrole (Grand Angle)

FONTE: FUMETTOLOGICA

Altri articoli in Fumetti

J. Scott Campbell rivela otto variant cover per gli 80 anni di Catwoman

Gioele Paglia2 Giugno 2020

DC Comics annuncia la cancellazione di oltre 20 uscite americane

Gioele Paglia1 Giugno 2020

Marvel Comics celebra il ritorno nelle fumetterie con un video

Gioele Paglia28 Maggio 2020

La Lucasfilm rimanda Star Wars: The High Republic al 2021

Gioele Paglia28 Maggio 2020

Marvel Comics ha rilasciato un’anteprima di Maestro #1

Gioele Paglia26 Maggio 2020

Marvel Comics annuncia l’uscita di Fantastic Four: Antithesis

Gioele Paglia20 Maggio 2020