Pasticcini Marci 2, la recensione – NO SPOILER

Fumetti
Gerardo Americo
Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Tempo di lettura: 2 minuti

Ritornano le avventure dei Pasticcini Marci, la band di musicisti rock composta da Mauro, Gianki e Dodo, che in questa numero ci portano dritti in una storia di matrimoni e addii al celibato molto particolare. Edito da It Comics!, la giovane casa editrice del fumetto indie italiano, per i testi di Francesco Arbignani e Marco Sanseri, e i disegni di Francesco Arbignani.

LA STORIA

In questo episodio Natica, Dodo e Mauro, con il suo inseparabile Caprone, si ritroveranno nel mondo dell’addio al celibato. Tra novelli sposini, ricche e misteriose ereditiere, incontri via chat, locali vietati ai minori di diciotto anni, spogliarelliste di tarantiniana memoria e la solita caterva di personaggi improbabili, parodia dei più noti volti televisivi.  Gianki, abbagliato dal futuro di ricchezze promesso dalla sposa di Dodo, si dà da fare per organizzare il migliore degli addii al celibato, e li ne vederemo delle belle.

L’AMORE AI TEMPI DI INTERNET

In questo numero la storia di Arbignani e Sanseri troviamo attraverso le avventure di Dodo, una critica al mondo delle chat online, in cui sconosciuti si buttano in storie sentimentali senza nè capo nè coda, spesso non vedendosi mai, abbagliati dalla comodità e dalla sicurezza che lo stare dietro il proprio Pc dà, ma anche nella più triste realtà della fidanzata immaginaria, in cui per alleviare la solitudine o semplicemente farsi belli ci si inventa storie immaginarie con improbabili Priscilla di turno.

A contornare la vicenda, il solito nugolo di personaggi improbabili, presi dalle più noti produzioni televisive, o dall’attualità, e messi in scena in versione parodistica, ma non tanto un parodia esilarante, quanto una che miri a far riflettere il lettore, o quanto meno ci prova. Il senso che spesso ci lascia la lettura di Pasticcini Marci, è quasi di tristezza o compatimento per la bassezza dei personaggi. Bei dialoghi, frizzanti, per una narrazione che in poche pagine riesce a raccontare una bella storia.

I DISEGNI

I disegni prendono molto dallo stile dei cartoon alternativi, ben adatti al tono della storia, con una colorazione che si mantiene lieve, un pò piatta volendo, con poche sfumature e ombreggiature, ma tutto sommato ci sta nel contesto narrativo.

CONCLUSIONI

In conclusione, Pasticcini Marci 2 è una buona storia, consigliata a chi ha letto la precedente, o a chi volesse leggere qualcosa di diverso dai fumetti classici, con una lettura che porta via poco tempo e intrattiene.

Pasticcini Marci 2

3€
7.2

Storia

7.5/10

Disegni

7.0/10

Colori

7.0/10

Pros

  • Storia divertente
  • Disegni particolari
  • Adatta a chi ama il genere parodistico e le citazioni

Cons

  • Un pò noiosa in alcuni punti

Altri articoli in Fumetti

Wonder Woman #750 – Rivelata la Variant Cover di Jim Lee

Andrea Prosperi9 Dicembre 2019

Il fumetto italiano piange Federico Memola

Andrea Prosperi9 Dicembre 2019
dylan dog

Dylan Dog – Dal #400 in contemporanea anche in fumetteria

Andrea Prosperi6 Dicembre 2019

Batman e Dylan Dog – Arriva un nuovo albo dedicato al crossover

Andrea Prosperi6 Dicembre 2019

Marvel Comics: rivelati i primi membri del nuovo team degli X-Men

Gioele Paglia4 Dicembre 2019

DC Comics: Stanley Lau rivela tre variant cover di Wonder Woman #750

Gioele Paglia2 Dicembre 2019