Meteoroids From Outer Space #1 – L’intimismo tragico di Jodorowsky

Fumetti
Giorgio Paolo Campi
Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta". E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta". E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Durante un ipotetico viaggio interstellare o intergalattico, tra l’una e l’altra sosta nelle “Outer Space Cantinas” per gustarsi dell’ottimo Gnab Gib, noleggiare un mercantile corelliano leggero YT-1300 o assistere per l’ennesima volta alla morte di un rassegnato John Hurt causata da un Chestburster che balla il tip tap, non sarebbe raro per i cosmonauti imbattersi in qualche meteoroide: si tratta di corpi celesti rocciosi o metallici di taglia estremamente piccola, compresa tra le dimensioni di un granello di sabbia e un’ampiezza di circa un metro. Come i loro fratelli maggiori – gli asteroidi – essi sono tipetti imprevedibili, irregolari nella forma e nella composizione chimica, che si muovono infaticabilmente nello spazio secondo moti orbitali eccentrici; si dimostrano piuttosto altezzosi quando vengono nominati complessivamente: ciascuno di essi, infatti, rivendica con viscerale orgoglio la propria identità individuale e specifica.

Se però avrà la pazienza di fermarsi in questo angolo ed ascoltare i bizzarri racconti di fantasmi, di viaggi nel tempo e nello spazio profondo o di nostalgia qui raccolte che spesso raccontano, il cosmonauta si allontanerà da essi con nelle tasche un piccolo tesoro: una sorpresa, una nuova scoperta, o forse un ricordo lontano che grazie a queste storie ritroverà la propria lucentezza, dopo molto tempo trascorso su qualche scaffale della memoria, coperto di polvere cosmica. Benvenuti!

Leggendo “La casta dei Meta-Baroni”, ciò che colpisce maggiormente è lo statuto eminentemente archetipico dei temi e delle strutture narrative, organizzate complessivamente nel sistema della “saga famigliare” – il quale ha attraversato le letterature del mondo, dall’Orestea al Beowulf, dal ciclo arturiano al Mahābhārata – e sostanziate da uno sguardo contemplativo che anche nello spazio più profondo riconduce sempre all’intimo dramma dell’umano: ecco dunque come “[…] i contenuti della tragedia greca si innestano su territori fantascientifici, dando vita a una space-opera intrisa di temi morbosi e ancestrali. L’estro di Jodorowsky si sposa con il disegno di uno dei più grandi disegnatori di fantascienza di tutti i tempi, Juan Giménez, il cui tratto impeccabile rende più verosimili che mai le trame mistico-filosofiche dello scrittore cileno” (dalla seconda di copertina).

Altri articoli in Fumetti

J. Scott Campbell rivela otto variant cover per gli 80 anni di Catwoman

Gioele Paglia2 Giugno 2020

DC Comics annuncia la cancellazione di oltre 20 uscite americane

Gioele Paglia1 Giugno 2020

Marvel Comics celebra il ritorno nelle fumetterie con un video

Gioele Paglia28 Maggio 2020

La Lucasfilm rimanda Star Wars: The High Republic al 2021

Gioele Paglia28 Maggio 2020

Marvel Comics ha rilasciato un’anteprima di Maestro #1

Gioele Paglia26 Maggio 2020

Marvel Comics annuncia l’uscita di Fantastic Four: Antithesis

Gioele Paglia20 Maggio 2020