Ghost Rider Cosmico, la Recensione – NO SPOILER

Fumetti
Andrea Prosperi
Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.
@Www.twitter.com/Zero_Borja

Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.

Tempo di lettura: 3 minuti

Se chiedessero il nome di un autore che più di ogni altro rappresenta la nuova generazione nascente all’interno del mondo Marvel Comics, non ci sarebbero dubbi: la risposta è Donny Cates. L’enfant prodige del fumetto statunitense ha saputo legare il suo nome non solo a sue proprietà, ma anche ad un elenco di serie e miniserie che hanno portato una ventata di novità nel mondo della Casa delle Idee: Dottor Strange e la miniserie Damnation, Venom, la nascente Guardiani della Galassia, e la perla che ha conquistato il mondo degli appassionati, Thanos Vince.

Da molti paragonata a Old Man Logan, Thanos Vince ne recupera alcuni dei paradigmi principali, presentando un futuro distopico in cui un Thanos ormai invecchiato ha vinto, e chiama a sé la sua attuale versione, con l’unico desiderio che sia se stesso a porre fine alla sua vita. Utilizzerà così, per trasportare se stesso nel futuro, il suo personale araldo, il Ghost Rider Cosmico, sotto la cui fiamma si nasconde Frank Castle. Il Punitore ha infatti attraversato intere epoche, prima come Ghost Rider, e successivamente come Araldo di Galactus, dotato del terribile potere cosmico. Inferi e cosmo si uniscono nel personaggio, a cui aspetta la fine per mano di un oscuro Silver Surfer, dotato di Mijolnir. Ma sono davvero finite così le avventure di un simile personaggio?

Baby Thanos Deve Morire

Assolutamente no. Nell’incipit del volume scopriamo infatti che Odino, nonostante la realtà di Thanos Vince stesse svanendo, ha preso la decisione di salvare Frank Castle, trasportandolo nel Valhalla. Purtroppo, per il Padre di Tutti, il Rider non riesce a legare con la corte di Odino, il quale preferisce riportare Frank nel mondo dei vivi, in qualsiasi momento voglia: il Punitore non deve pensarci un attimo, scegliendo di tornare ai primi momenti della vita di Thanos, per ucciderlo là nella culla.

Prende così il via la miniserie in cinque capitoli Ghost Rider Cosmico, dal titolo Baby Thanos Deve Morire, raccolta in Italia direttamente in volume. Cinque capitoli di pura azione, decisamente avvincenti, ma che riescono, attraverso una visione a dir poco distopica, a gettare nuova luce non solo sul personaggio di Thanos, in fin dei conti più un espediente che altro, quanto piuttosto sul personaggio di Frank Castle, nonostante non sia il Punitore che noi conosciamo. Non può essere altrimenti, visto come tra il nostro Punitore e il futuro Ghost Rider intercorrano milioni di anni di esperienza, tragedie e solitudine.

Riuscirà l’infernale araldo a prendere la migliore decisione? Per lui, per Thanos, per l’universo stesso?

Futuro Passato

Ciò che più colpisce è la capacità di Cates di immaginare rivisitazioni di eroi e realtà a metà strada tra la parodia e la fedeltà originale, sfruttando i cliché a suo vantaggio, ribaltandone la struttura, e rendendo il Ghost Rider Cosmico non una pallida imitazione di Deadpool, quanto un personaggio pienamente indipendente, dotato di grande dignità e ricco di spunti.

In questa miniserie alle matite non c’è Geoff Shaw (comunque presente in cover davvero di grande efficacia), ma troviamo Dylan Burnett, in gran forma, riuscendo a sposare il suo stile con la natura del racconto, con un tratto dinamico, fluido, in grado di accompagnare il racconto, catturando il lettore con forza a trascinandolo nel folle vortice di questo Ghost Rider universale.

Cosmico

Degno “seguito” di Thanos Vince, arriva in Italia proprio nei giorni in cui viene annunciata la miniserie dedicata al Silver Surfer visto proprio nel futuro distopico del Ghost Rider Cosmico, ampliando ancora di più il mondo immaginato da Donny Cates.

Dovete leggere Ghost Rider Cosmico? Assolutamente sì. Cates continua a produrre lavori di qualità, in grado di rappresentare la contemporaneità della Casa delle Idee, dimostrando di essere il degno rappresentante del concetto stesso di Fresh Start, la linea editoriale che ha portato alla ribalta tante ottime serie dalla scorsa estate. Viviamo in tempi davvero movimentati, e non potete non essere testimoni della pazzia di questo lettore diventato autore!

Ghost Rider Cosmico

0.00
8.4

Sceneggiatura

8.0/10

Disegni

8.0/10

Colori

8.0/10

Caratterizzazione

9.0/10

Originalità

9.0/10

Pros

  • Decisamente originale
  • Grande immaginazione
  • Buono l'approfondimento del personaggio di Frank Castle
Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami

Altri articoli in Fumetti

Marvel Comics: una nuova miniserie introdurrà un nuovo, spietato Ronin

Gioele Paglia16 Ott 2019

Marvel Comics: Marcelo Ferreira ha firmato un contratto in esclusiva

Gioele Paglia15 Ott 2019

Lucca Comics & Games FOCUS – Don Rosa

Andrea Prosperi15 Ott 2019

Panini Comics – Online il nuovo Anteprima

Andrea Prosperi15 Ott 2019

Lucca Comics & Games – Modalità signing e sketch SaldaPress

Andrea Prosperi14 Ott 2019

Lucca Comics & Games – Ospiti Altan, Gipi, Filippo Scozzari e ZUZU

Andrea Prosperi14 Ott 2019